1 – L’industria dello cyber-spionaggio israeliano aiuta i dittatori del mondo a scovare dissidenti e gay

0

28/10/2018

Le indagini di Haaretz con 100 fonti in 15 Paesi rivelano che Israele è diventato un importante esportatore di strumenti tecnologici per spiare i civili. Dittatori di tutto il mondo – anche in Paesi che non hanno legami formali con Israele –  li usano per intercettare attivisti per i diritti umani, monitorare le email, hackerare app e registrare conversazioni.

  1.  Parte 

  2.  Parte 

  3.  Parte

  4.  Parte

  5. Parte

Hagar Shezaf e Jonathan Jacobson  – 19 ottobre 2018

Durante l’estate del 2016, Santiago Aguirre  divideva il suo tempo tra le lezioni part time all’università e il lavoro per un’organizzazione che aiuta a localizzare le persone scomparse. Il Messico era in primo piano nelle notizie internazionali a causa della promessa del candidato presidenziale Donald Trump di costruire un muro sul confine tra Usa e Messico. Tuttavia, per Aguirre, un attivista messicano per i diritti umani, i problemi del presente erano molto più pressanti di qualsiasi muro futuro. All’epoca, era nel mezzo di una lunga indagine per risolvere il mistero della scomparsa e del presunto omicidio di 43 studenti della città di Iguala, avvenuti due anni prima. Stava diventando sempre più chiaro che le sue scoperte erano incompatibili con i risultati dell’indagine condotta dal governo.

Aguirre non  si preoccupò quando ricevette una serie di messaggi di testo contenenti dei link incompleti. “Per favore,  mi aiuti con mio fratello, la polizia lo ha arrestato solo perché è un insegnante”, si leggeva in un messaggio. E in un altro: “Professore, ho riscontrato un problema. Le sto rinviando la mia tesi, che si basa sulla sua dissertazione, così che possa inviarmi i suoi commenti. “I messaggi non erano diversi da molti dei normali messaggi che come parte del suo lavoro riceveva ogni giorno. E qui giaceva il segreto del loro potere. Quando Aguirre  cliccò sui link, trasformò inavvertitamente il suo smartphone in un dispositivo di sorveglianza nelle mani del governo.

“Quei messaggi di testo contenevano informazioni personali”, osserva Aguirre, “il tipo di informazioni che potevano rendere il messaggio per me interessante, quindi cliccai. Fu solo più tardi che pensai – beh, in realtà è piuttosto strano l’aver ricevuto tre messaggi tutti con dei link incompleti”.

La scoperta  ebbe un effetto brutalmente spaventoso sul lavoro della sua organizzazione. Per la prima volta, dice, parlando con Haaretz per telefono, temette davvero che ogni passo che faceva fosse monitorato e che forse anche la sua famiglia fosse sotto sorveglianza.

“In Messico, negli ultimi 10 anni, ci sono state circa 30.000 persone scomparse” spiega Aguirre.”Molte zone sono controllate dalla criminalità organizzata. Le autorità di alcune regioni del Paese sono sotto la sua influenza, così il crimine organizzato usa la polizia per  fare arrestare e poi fare sparire quelle persone che pensano siano il nemico. Posso dirvi di molti esempi in cui l’esercito messicano, ad esempio, ha presentato volutamente  il lavoro dei difensori dei diritti umani come beneficiario dei cartelli della droga e della criminalità organizzata. Per questo , c’è la diffusa convinzione che il settore dei diritti umani in Messico sia un  settore da sorvegliare “.

La rivelazione pubblica del fatto che Aguirre era sotto sorveglianza fu resa possibile dalla cooperazione tra organizzazioni messicane e l’istituto di ricerca canadese Citizen Lab. Risultò che Aguirre faceva parte di un gruppo di 22 giornalisti, avvocati, politici, ricercatori e attivisti che venivano monitorati dalle autorità locali. Un esame del telefono di Aguirre  rivelò che i link nei messaggi di testo erano legati a Pegasus , lo spyware che le autorità stavano usando.

Ma come aveva fatto Pegasus a raggiungere il Messico? Le tracce del malware portarono a Herzliya Pituah, il prospero sobborgo di Tel Aviv che è uno dei principali hub dell’industria israeliana di alta tecnologia. È lì, in uno stretto lembo di terra tra la strada costiera e il Mar Mediterraneo, che NSO Group, la società che ha sviluppato questo “Trojan horse” , ha il suo quartier generale. Pegasus, che nel 2016 la rivista Forbes ha definito “il kit di mobile – spy più invasivo del mondo”, consente il monitoraggio quasi illimitato, persino il requistering, dei cellulari: può scoprire la posizione del telefono, ascoltare e registrare le conversazioni, fotografare chi si trova nelle vicinanze del telefono, leggere e scrivere messaggi di testo ed e-mail, scaricare app e penetrare nelle app già presenti nel telefono, accedere a fotografie, clip, promemoria del calendario e all’elenco dei contatti. E tutto in totale segretezza.

La capacità invasiva di Pegasus è stata rapidamente trasformata in uno strabiliante successo economico. Nel 2014, a meno di cinque anni dalla sua nascita avvenuta  in uno spazio grande quanto un pollaio a Bnei Zion, un moshav nel centro del paese, il 70% delle azioni dell’azienda  fu acquistato per 130 milioni di dollari. L’acquirente era la Francisco Partners, una delle più grandi società di private equity del mondo, specializzata in investimenti high-tech. Questo accordo  faceva seguito ai precedenti acquisti delle imprese israeliane “Ex Libris” e “Dmatek” . Secondo la Reuters, un anno dopo l’acquisizione di NSO, Francisco Partners avrebbe beneficiato di un profitto di 75 milioni di dollari.

Ma questi profitti della NSO sono solo una piccola parte del quadro generale. Nel giro di pochi anni, l’industria israeliana di spionaggio è diventata la punta di diamante del commercio globale degli strumenti di sorveglianza e intercettazione delle comunicazioni. Oggi, ogni agenzia governativa che si rispetti e che non ha invece rispetto per la privacy dei suoi cittadini, è dotata di strumenti di spionaggio creati a Herzliya Pituah.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù”

Invictapalestina.org

Fonte: https://archive.is/aT0fb

 

 

1 – L’industria dello cyber-spionaggio israeliano aiuta i dittatori del mondo a scovare dissidenti e gay

1 – L’industria dello cyber-spionaggio israeliano aiuta i dittatori del mondo a scovare dissidenti e gay

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.