140 artisti chiedono: “Nessuna Eurovisione nel Paese dell’apartheid”

0

140 artisti chiedono: “Nessuna Eurovisione nel Paese dell’apartheid”

Photo : Archives BDS

Ma’an – Circa 140 artisti, tra musicisti, attori, registi, scrittori e poeti, hanno firmato una lettera per il boicottaggio del Eurovision Song Contest 2019 che si terrà in Israele.

La lettera, che è stata pubblicata dal The Guardian, è stato firmata da 140 artisti di tutto il mondo, tra cui sei artisti israeliani, chiedendo che il concorso canoro deve essere boicottato se “condotto da Israele, che viola i decenni diritti umani palestinesi. “

Tra i firmatari si trovano i musicisti Roger Waters, Brian Eno, Nosizwe, Bugge Wesseltoft, Lars Klevstrand Trond Ingebretsen, José Mário Branco, Chullage, Dror Feiler, Christy Moore, Charlie McGettigan, Kimmo Pohjonen, Paleface, e attori Candy Bowers Hugaert Daan, Marijke Pinoy, Chokri Ben Chikha, Tove Bornhoeft, Anne Marie Helger, Tommi Korpela, Krista Kosonen e romanzieri Manuela Bosco, Gerard Mordillat José Luis Peixoto, Michael Bühler, e molti altri.

I sei israeliani che hanno firmato la lettera sono Aviad Albert, Michal Sapir ohal Grietzer, Yonatan Shapira, David e Danielle Ravitzki Opp.

La lettera di appoggio, ad un appello di artisti palestinesi di boicottare Eurovision, afferma che “noi artisti sottoscrittori dall’Europa e d’altrove, sosteniamo l’invito sincero degli artisti palestinesi di boicottare il Concorso Eurovision 2019 organizzato da Israele. “

La lettera sottolinea che “fino a quando i palestinesi non possono godere della libertà, della giustizia e della parità di diritti, non ci dovrebbe essere la normalizzazione con lo Stato che nega loro i diritti fondamentali.”

“Il 14 maggio, pochi giorni dopo la vincita di Eurovision di Israele, l’esercito israeliano ha ucciso 62 dimostranti disarmati palestinesi a Gaza, tra cui sei bambini, e ha lasciato centinaia di feriti. Amnesty International ha condannato la politica di uccisione di Israele e Human Rights Watch ha descritto le uccisioni come “illegali e deliberate”.

Questa parte della lettera fa riferimento alla manifestazione pacifica, conosciuta come la “La grande marcia di ritorno”, che coinvolge migliaia di palestinesi nella Striscia di Gaza assediata – che ha subito un assedio israeliano di quasi 12 anni – in prossimità delle recinzioni di separazione per chiedere il loro diritto al ritorno come rifugiati nel loro paese di origine, oggi in Israele [Palestina del 1948].

La lettera conclude che l’Eurovision Song Contest 2019 dovrebbe essere boicottato se è ospitato da Israele in quanto ha moltiplicato decenni di gravi violazioni dei diritti umani contro i palestinesi. Abbiamo appreso che l’Unione europea di radiodiffusione chiede a Israele di trovare un luogo di “non divisione” [Gerusalemme] per l’Eurovisione 2019, mentre è semplicemente necessario cancellare la tenuta della competizione in Israele e trasferirla in un altro paese con un bilancio migliore in materia di diritti umani. L’ingiustizia divide, mentre la ricerca della dignità e dei diritti umani unisce. “

Questa iniziativa ha seguito gli sforzi del movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), che ha portato numerosi artisti a cancellare la loro partecipazione al Israel Meteor Music Festival, che si è svolto nel nord del Israele, che dovevano esibirsi Lana Del Rey, Shlohmo, Little Simz e molti altri.

La campagna BDS ha spesso chiamato molti artisti a cancellare gli eventi in Israele, a causa dell’aggressione militare israeliana contro i palestinesi. In risposta, alcuni dei migliori artisti del mondo, come Roger Waters, Stevie Wonder, Beyonce e Shakira, hanno cancellato i loro concerti.

Va notato che l’organizzazione dell’Eurovision Song Contest in Israele non è in alcun modo un obbligo e non è l’unica opzione da considerare. Nel 1980, la Israel Broadcasting Authority (IBA) rifiutò di ospitare la competizione in Israele per presunte ragioni finanziarie. Di conseguenza, la competizione si è tenuta a L’Aia, in Olanda.

9 septembre 2018 – Ma’an News – Traduction : Chronique de Palestine

http://www.chroniquepalestine.com/140-artistes-exigent-pas-eurovision-au-pays-apartheid/

Traduzione in italiano di https://translate.google.it/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.