Cronache e crimini quotidiani dalla Cisgiordania

giovedì 21 febbraio 2013

immagine1

ANCORA ESPROPRI DI TERRE PALESTINESI IN CISGIORDANIA, IN FAVORE DI UN KIBBUTZ ISRAELIANO

1.200 ettari di terreno della Cisgiordania annessi a un kibbutz in Israele

Mercoledì 20 febbraio 2013 13:15

L’ex direttore di Israel Lands Administration (ILA) ha confermato che le terre palestinesi di proprietà privata della zona nord della Valle del Giordano sono state trasferite in un kibbutz, Merav, all’interno di Israele, in violazione del diritto internazionale e senza giurisdizione; il quotidiano Haaretz lo ha rivelato il martedì.

Il quotidiano israeliano ha riferito che, nonostante la rivelazione di più di un anno fa, il kibbutz in questione sfrutta ancora più di 1.200 ettari di terreno situato nella zona nord della Valle del Giordano, che non sono stati restituiti ai loro proprietari.

L’ultima rivelazione arriva sulla scia di una lettera inviata dal direttore della ILA la scorsa settimana a Tawfiq Jabarin, il legale rappresentante dei proprietari terrieri di Bardala e dei quartieri di Tuba. La lettera ha sottolineato che dal dicembre del 2012, il direttore di ILA ha informato i coloni del kibbutz che le terre sono state annesse “per errore”.

Secondo Haaretz, le autorità di occupazione hanno, nel corso degli anni, sequestrato migliaia di ettari di terra nella zona della Valle del Giordano, di proprietà di palestinesi, e trasferiti a insediamenti agricoli.

La comunicazione della scorsa settimana dalla ILA a Jabarin arriva un anno dopo che il suo appello è stato fatto. L’ILA ha detto che ogni sforzo sarà fatto per risolvere la questione.

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/5281-1200-acres-of-west-bank-land-annexed-to-kibbutz-in-israel

……………………………………………………………………………………………………

immagine2

IN AUTOBUS SULLE COLLINE A SUD DI HEBRON: LO SCENARIO DELL’OCCUPAZIONE ISRAELIANA

Le colline a sud di Hebron: il tour dell’occupazione israeliana

Patrick O. Strickland Posted date: 20 febbraio, 2013

RAMALLAH: Il governo israeliano sostiene che si è impegnato per una soluzione pacifica con i palestinesi risultante in due Stati indipendenti. Seduto in un autobus per le colline a sud di Hebron, ben al di fuori del territorio che Israele intende annettere formalmente attraverso reciproci scambi di terreni, questa dichiarazione si dimostra del tutto vuota.

Come il veicolo procede lungo la Route 60, tutto alla vista suggerisce il desiderio dello stato di ingoiare i resti della Palestina: segni delle strade solo in ebraico , frecce che indicano le uscite di ogni insediamento in ebraico; targhe israeliane su ogni auto, le bandiere bianche e blu marcate con la stella di David che si agitano dalla parte superiore di ogni lampione.

Un gruppo di attivisti internazionali e di giornalisti si stanno dirigendo verso Susiya. Le jeep blindate sfrecciano davanti a noi, i posti di blocco militari, i soldati fanno la scansione del campo, un colpo d’occhio verso tutte le direzioni testimonia la completa militarizzazione della geografia palestinese.

Il nostro autobus si fonde in un altro segmento di autostrada con un immenso, tunnel senza tetto con pareti arcuate,, progettato per proteggere i coloni dalle pietre o dalle bottiglie molotov. Questo percorso appena asfaltato è parte dell’ 80 per cento di tutte le strade in Cisgiordania il cui utilizzo è vietato legalmente ai palestinesi. Il loro 20 per cento non ha muri di protezione per bloccare le rocce frequenti e bombe incendiarie lanciate contro di loro dagli insediamenti.

Gran parte di questa strada, come la maggior parte delle autostrade solo per israeliani in Cisgiordania, è stata costruita su terreni privati palestinesi confiscati dalle forze di occupazione israeliane. Si snoda attraverso il terreno ondulato, villaggi dissezionatii, famiglie divise e palestinesi in gabbia in sacche meglio descritte come bantustan.

A destra, una litania di veicoli militari è parcheggiata in un fosso ristretto disseminato di pietre frastagliate. Un gruppo di soldati è seduto in cima a una collina vicina, binocolo in mano, fucili d’assalto cullati in grembo. Accovacciati sulle loro zampe posteriori, sembrano concentrarsi su qualcosa nel vasto panorama di colline ondulate, del paesaggio immobile.

Tutto quello che posso vedere su quelle colline è un bambino su un asino, guidato con cautela da un vecchio uomo fragile in kefiah nera e bianca. Dietro di lui, una lunga tunica color perla scorre come una bandiera bianca, pallida e quasi luminosa come aleggia sullo sfondo del cielo del pomeriggio in attenuazione.

Più ci inoltriamo, maggiore è la distanza tra gli insediamenti, più grandi i villaggi palestinesi. Saliamo su un poggio di grandi dimensioni, e vedo un massiccio insediamento israeliano, Kiryat Arba, con torri d’acqua alte, reti elettriche, e campi da gioco.
E ‘come se una striscia di periferia del sud della California fosse stata trasportata nel cuore pulsante della Palestina.

L’autobus imbocca una strada sterrata, si arrampica con cura in un percorso sinuoso di un dolce pendio, e parcheggia. A destra, il villaggio di Susiya rabbrividisce sotto. Le case non sono altro che tende frettolosamente costruite, realizzate con tubi di metallo, blocchi di cemento, e teloni neri da pioggia. A sinistra un insediamento che va sotto lo stesso nome si trova strategicamente a cavallo di una collina .

Gli abitanti del villaggio erano semi-nomadi cavernicoli che oscillavano attraverso la campagna di stagione in stagione, praticando la pastorizia e l’agricoltura. Ora sono fermi, in attesa della successiva espulsione militare, indifesi e sempre di fronte alla minaccia di violenza dei coloni.

L’impunità dei coloni nello stato di apartheid

Situati nella zona C, il 60 per cento dei terreni destinati a completare il controllo israeliano negli accordi di Oslo, raramente, se non mai, ricevono permessi di costruzione da parte dei militari. Così, la loro presenza nella loro patria storica, gli viene detto, è illegale. Bulldozer militari spesso arrivano nel cuore del crepuscolo, gentilmente dando ai residenti 20 minuti per raccogliere le loro cose prima che le loro case siano distrutte. Nelle notti particolarmente sfavorevoli, l’IOF procede a polverizzare pozzi d’acqua del villaggio e le grotte, lasciando dietro di sé l’immagine di rovina e annientamento che imprime per sempre in sé nel cuore come un marchio a fuoco caldo.

In cinque occasioni più sfortunate, l’intero villaggio è stato raso al suolo: nel 1985, 1991, 1997, e due volte nel 2001.

Nasser Nawajah, un residente permanente di Susiya e attivista di lunga data, accoglie gli internazionali nella casa della sua famiglia. “Ahla wa’sahla,” dice. Benvenuti. Come tutti i palestinesi, una delle più grandi preoccupazioni della sua famiglia è l’accesso all’acqua. I militari gli dissero che, per motivi di sicurezza, non potevano scavare più profondamente di tre metri. I soldati vennero e distrussero i suoi pozzi d’acqua, riempiendoli con parti di automobili straziate per scoraggiare la loro resurrezione per paura di avvelenamento da ruggine.

Di conseguenza, per Nawajahs l’acqua di Yatta, la città più vicina, in media è pagata tre volte il prezzo delle loro controparti israeliane. Mr. Nawajah stima che le loro pecore, da cui dipendono per la sopravvivenza, stanno ora consumando circa il 70 per cento dell’acqua che dovrebbero consumare ogni giorno per rimanere in buona salute.

I coloni della porta accanto spesso fanno escursioni a mezzanotte per macellare gli animali di Susiya, avvelenare le risorse idriche, e si lasciano alle spalle le minacce di morte. La parete di una tenda del bordo del villaggio è stata vandalizzata con scritte ebraiche. “Morte agli arabi”, si legge.

Poco lontano si trova l’insediamento di Havat Ma’on, un avamposto che anche il governo israeliano ritiene illegale. Su base giornaliera i suoi abitanti religiosamente-intossicati attaccano i bambini palestinesi che vanno a scuola. Quando la pressione internazionale ha costretto il governo israeliano ad assegnare i soldati per accompagnare i bambini a scuola, i coloni hanno proceduto ad attaccare i soldati. Nonostante la loro violenza e illegalità, il governo deve ancora tagliare il sovvenzionamento dallo Stato per Havat Ma’on di gas, acqua, energia elettrica.

Questi vigilantes violenti sono trattati con l’immunità legale, anche se sono formalmente sotto la giurisdizione del codice civile israeliano. I Palestinesi in questo settore, però, sono appena entrati nel loro 46 ° anno di vita sotto una striscia soffocante della legge marziale.

Le colline a sud di Hebron devono essere chiaramente scandite dalle disuguaglianze, dalla segregazione e dalla violenza militare. Tra le colline brulle, le grotte distrutte, le pile in frantumi di pietre che erano pozzi d’acqua, gli insediamenti costruiti freschi sulla parte superiore delle case palestinesi, il signor Nawajah considera le parole di commiato: “Quante volte dobbiamo essere costretti ad abbandonare le nostre case? Non dobbiamo lasciarle di nuovo. “

“Questi non sono due lati uguali: occupante e occupato”, ha detto il poeta palestinese Rafeef Ziadeh. Nel corso di una visita a South Hebron Hills, si possono vedere tutte le disparità giuridiche, le disuguaglianze economiche, e le violazioni sistematiche dei diritti umani che caratterizzano la vita quotidiana palestinese. Queste difficoltà sono il risultato intenzionale della politica israeliana.
E ‘possibile concludere che si tratta di qualcosa di diverso da un sistema di apartheid?

[Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Palestine Monitor nel mese di settembre 2012.]

http://bikyanews.com/85727/the-south-hebron-hills-touring-israeli-occupation/

……………………………………………………………………………………………………

immagine3

NESSUN PRIGIONIERO PALESTINESE VERRA’ LIBERATO DA ISRAELE IN OCCASIONE DELLA VISITA DI OBAMA A MARZO

Israele nega rilascio di 550 prigionieri prima della visita di Obama

Creede Newton Posted date: 20 febbraio 2013

RAMALLAH: Israele ha negato ogni possibilità di un accordo sul rilascio di prigionieri prima della visita del presidente Obama a marzo, riferisce Palestinian Network News (PNN).

La negazione proviene sia da fonti in seno all’Autorità palestinese (PA), così come dell’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Due detenuti di alto profilo, Marwan Barghouti e Ahmad Sa’adat, eranotra quelli avrebbero dovuto essere rilasciati.

Barghouti, un tempo sostenitore del processo di pace, che in seguito divenne uno dei leader durante la seconda Intifada, è stato arrestato in un raid israeliano nella sua casa di Ramallah nel mese di aprile 2002. Nel 2004, è stato processato per cinque accuse di omicidio e condannato a cinque ergastoli e altri 40 anni per un’altra accusa di tentato omicidio. Anche se molte fonti hanno detto che Barghouti avrebbe dovuto essere rilasciato durante l’accordo di scambio prigionieri dell’ottobre 2011 per Gilad Shalit, è rimasto imprigionato.

Barghouti nega di aver mai sostenuto l’assassinio di civili, anche se ha sempre sostenuto che i palestinesi hanno il diritto alla resistenza armata contro l’occupazione militare.

Sa’adat, Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, è stato imprigionato per il suo ruolo nell’ assassinio del ministro israeliano del Turismo Rehavam Ze’evi, un attacco che è stato rivendicato effettuato in rappresaglia per l’assassinio del predecessore in Israele di Sa ‘ adat , Abu Ali Mustafa.

Il rilascio dei prigionieri non sarebbe stato senza precedenti. Israele ha rilasciato in precedenza detenuti come segno di buona volontà. Questo è stato il caso in cui Ehud Olmert, l’ex premier israeliano , ha rilasciato centinaia di prigionieri durante i colloqui con la PA nel 2007 e nel 2008.

Il vice ministro palestinese degli affari dei detenuti, Ziad Abu Ein, ha dichiarato che sta cercando di usare la visita del presidente Obama per fare pressione su Israele a rilasciare i prigionieri, nel maggior numero possibile. Ha continuato a dire che, ai sensi degli accordi di Oslo, Israele deve rilasciare tutti i prigionieri catturati prima che gli accordi entrassero in vigore.

Il presidente Obama ha dichiarato che la sua visita nella regione, che si articolerà in due giorni interi in Israele e un viaggio a Ramallah per parlare con Mahmoud Abbas, non farà una delle richieste.

BN

http://bikyanews.com/85718/israel-denies-release-of-550-prisoners-ahead-of-obama-visit/

……………………………………………………………………………………………………

immagine4
LE AUTORITÀ ISRAELIANE SOLLECITATE A RILASCIARE UN CARTOONIST PALESTINESE

PUBBLICATO IL GIOVEDI 21 FEBBRAIO 2013.

Reporters sans frontières condanna l’arresto arbitrario del vignettista palestinese Mohamed Sabaaneh da parte delle autorità israeliane al suo ritorno dalla Giordania, il 16 febbraio, e la sua continua detenzione . Un tribunale militare israeliano ieri ha deciso di trattenerlo per altri nove giorni.

L’organizzazione della libertà di stampa chiede alle autorità israeliane di dire pubblicamente ciò di cui è accusato e di fargli vedere un avvocato.

Vignettista del quotidiano Al-Hayat Al-Jadida , Sabaaneh è anche responsabile delle relazioni pubbliche presso l’ Arab American University di Jenin. E ‘stato arrestato al checkpoint del ponte Allenby mentre ritornava in Cisgiordania con i colleghi universitari da una visita di quattro giorni in Giordania.

Dopo il suo arresto, Sabaaneh è stato trasferito al centro di detenzione Jalameh (prigione di Kishon , a nord di Tel Aviv), dove è attualmente sotto interrogatorio. In nessun momento è stato consentito l’accesso a un avvocato.

http://en.rsf.org/israel-israeli-authorities-urged-to-20-02-2013,44102.html

……………………………………………………………………………………………………

immagine5

OGGI UDIENZA STRAORDINARIA PRESSO IL TRIBUNALE ISRAELIANO PER SAMER ISSAWI. AVREMO FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA? 

Lo scioperante della fame palestinese Issawi di fronte al tribunale israeliano giovedi

Samer Issawi sarà davanti al tribunale israeliano giovedi, mentre entra nel suo 213 ° giorno di sciopero della fame, la sorella dice su Facebook

Ahram online, Mercoledì 20 Feb 2013

La Pretura israeliana ha deciso un’ udienza giovedi per Samer Issawi dopo il suo sciopero della fame, che dura da 213 giorni consecutivi, la sorella Shireen ha pubblicato sulla pagina Facebook della campagna Free Samer Issawi mercoledì.

Martedì, un’udienza di emergenza era stata tenuta dalla Pretura di Israele alle richieste deliberate per il ricorso della pena, che è stato respinto.

La pagina Facebook della campagna ha riferito domenica che le autorità israeliane avevano arrestato Shadi Issawi, fratello dello scioperante della fame palestinese, all’alba dalla sua casa.

“Il nostro cuore è questa sera con la madre di Samer Issawi,Um Ra’fat , che ha implorato oggi il mondo per aiutarla a liberare suo figlio Samer. Sta questa sera con i suoi tre figli in carcere che non hanno commesso alcun reato, oltre ad essere palestinesi”, la campagna di comunicazione ha dichiarato.

Sabato scorso, la campagna ha pubblicato un messaggio da Samer Issawi, in cui affermava che la sua salute era peggiorata drammaticamente, affermando che era ora “sospesa tra la vita e la morte.”

“Continuerò fino alla fine, fino all’ultima goccia di acqua nel mio corpo, fino al martirio”, ha detto Issawi. “Il mio corpo debole è al collasso, ma io sono ancora in grado di essere paziente e continuare la resistenza.”

Issawi ha aggiunto che i medici lo avevano avvertito che avrebbe potuto subire un infarto causato da livelli di zucchero in declino e dalla pressione sanguigna in calo.

“Non abbiate paura per il mio cuore, se si ferma, non temete per le mie mani se sono paralizzate. Io sono ancora vivo oggi, e domani, e dopo la morte, perché Gerusalemme è nel mio sangue, nella mia devozione e nella mia fede “, ha concluso Issawi.

Detenzione amministrativa controversa di Israele

Issawi è stato rilasciato come parte di un scambio di prigionieri mediato dall’ Egitto fra Hamas e le autorità israeliane nel mese di ottobre 2011. Tale accordo ha portato alla liberazione di Gilad Shalit, un soldato israeliano catturato, in cambio di più di 1.000 prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

Tuttavia, Issawi è stato nuovamente arrestato nel mese di luglio dello scorso anno in Israele con la cosiddetta legge di detenzione amministrativa. La legge, che è in vigore dalla fine del mandato britannico in Palestina nel 1948, permette l’arresto dei palestinesi se sono ritenuti una “minaccia” per la sicurezza nazionale di Israele.

Il campo di applicazione dello sciopero della fame in corso ha posto una nuova sfida al regime di Tel Aviv, che è stato oggetto di critiche a livello internazionale per la sua pratica di detenere i prigionieri senza processo.

Condanna dell’ONU

Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon è profondamente preoccupato per le condizioni in rapido deterioramento dei prigionieri palestinesi detenuti in Israele, che sono in sciopero della fame, una dichiarazione delle Nazioni Unite ha detto il Martedì.

“In particolare, la condizione di salute critica di un detenuto palestinese, Samer Issawi”, la dichiarazione ha osservato.

Il capo delle Nazioni Unite ha espresso le sue preoccupazioni al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu nel corso di una conversazione telefonica dopo aver ricevuto una lettera da parte del palestinese Mahmoud Abbas sulla questione.

“Di particolare interesse sono i detenuti in detenzione amministrativa senza accuse. Le persone detenute devono essere accusate e messe di fronte a prove con garanzie giurisdizionali in conformità con le norme internazionali, o essere immediatamente rilasciate”, aggiunge il comunicato.

http://english.ahram.org.eg/News/65214.aspx

……………………………………………………………………………………………………

immagine6

SABREEN E’ UNA GIOVANE MAMMA DI GAZA. HA UN CANCRO. ISRAELE NON LE PERMETTE DI ANDARE A CURARSI A GERUSALEMME. 

‘Mi potete dire perché non ho il permesso di andare in ospedale?’

Mercoledì 20 febbraio 2013 00:00

“Ero incinta di 5 mesi di mio figlio quando ho notato che qualcosa stava crescendo nel mio braccio destro. Sono andata in ospedale, dove mi hanno detto che doveva essere rimossa. Una parte di essa è stata rimossa e testata. Si è rivelato essere un cancro “, dice Sabreen Okal (27 anni), seduta su uno sgabello di plastica nella sua modesta casa nel campo profughi di Jabaliya. Sabreen è madre di 5 figli, 4 femmine e 1 maschio.

E continua: “Il tumore è stato rimosso dal mio braccio con la chirurgia, dopo di che ho dovuto passare attraverso 6 trattamenti chemioterapici. Sono stata molto male durante il trattamento e non ero in grado di mangiare per 10 giorni. Non posso ancora usare il mio braccio destro completamente, perchè i nervi intorno alla ferita sono ancora in guarigione. “

Nonostante il trattamento, il cancro tornò e Sabreen ha subito un altro intervento chirurgico lo scorso ottobre per rimuovere il tumore dal suo braccio. Lei dice: “Il mio medico mi ha detto che ho anche bisogno di sottopormi a radioterapia in un ospedale specializzato in Gerusalemme. Ha spiegato che i tumori si diffonderanno in tutto il mio corpo, se non ho la radioterapia. Aveva preparato la documentazione necessaria per me, in modo che io potessi andare in un ospedale specializzato a Gerusalemme per questo trattamento il 20 dicembre. “

Per viaggiare da Gaza verso l’ospedale di Gerusalemme, Sabreen e la suocera, che è l’accompagnava , hanno bisogno di attraversare il controllo israeliano del valico di frontiera di Erez. “Mi è stato detto che, secondo la procedura standard, dovevo andare per un colloquio con il servizio di intelligence israeliano prima di passare attraverso Erez. Quando sono arrivata al valico, il 20 dicembre, in primo luogo mi hanno fatto aspettare in una stanza per 3 ore. Poi sono stato interrogata su questioni che non hanno nulla a che fare con la mia malattia. Mi hanno chiesto se mio marito era affiliato ad Hamas. Dopo le indagini, mi hanno messo in una piccola stanza per più di 3 ore prima che mi hanno mandato a casa. Loro non mi hanno permesso di andare in ospedale e non capisco perché. “

Il 7 gennaio, Pchr ha inviato una lettera alle autorità israeliane che operano al valico di Erez, chiedendo che la domanda di Sabreen sia riconsiderata. Due settimane più tardi, i funzionari di frontiera hanno risposto dicendo che sarebbe stata nel file di Sabreen. Fino ad oggi, Sabreen non ha ricevuto il permesso di attraversare la frontiera per raggiungere l’ospedale.

E ‘impossibile per Sabreen capire perché a lei è stato negato l’accesso alle cure mediche salvavita: “Ho bisogno per sopravvivere del trattamento con radiazioni, ma mi è stato negato tale trattamento. Mi potete dire perché non ho il permesso di andare in ospedale? Senza riguardo della mia nazionalità e religione, dovrei essere vista come un essere umano, come una paziente che ha bisogno di cure. Il cancro può succedere a chiunque. Se il soldato alla frontiera, che sbarra la strada per l’ospedale, aveva il cancro, o uno dei suoi parenti , lui non avrebbe fatto passare un minuto prima di agire. Ho aspettato per 2 mesi. “

Mentre a lei è stato detto di aspettare, Sabreen può sentire il cancro crescere dentro il suo corpo. “Ho dolore al braccio. . Sento che il mio corpo non è lo stesso di prima “. Mostra un livido sulla sua mano, dice:” Mi sento che vi è il cancro che cresce qui. Questa malattia che ho è pericolosa. Non posso aspettare, lo vedete. Sapete cosa mi accadrà alla fine. Chi si prenderà cura dei miei figli? Chi li crescerà? “

I giorni passano, la disperazione di Sabreen cresce. “Mi sento psicologicamente esausta. Tutto quello che mi è stato detto è che devo aspettare. Ma per quanto tempo devo aspettare? Questo è disumano. Ho paura che qualcosa mi accadrà . ” Dopo aver sperimentato il pericolo di cancro nel suo passato, la preoccupazione di Sabreen è su ciò che potrebbe accadere a lei. Suo fratello è morto di cancro all’età di 17 anni.

A causa della sua difficile situazione economica, Sabreen non può permettersi di viaggiare all’estero, per esempio in Egitto, per le cure mediche. “Mio marito è un operaio edile, il cui stipendio è insufficiente e incerto. Non abbiamo i soldi per niente. Le camere di questa casa sono vuote. I soffitti hanno perdite, e il frigorifero era un regalo di una organizzazione di carità. L’ospedale di Gerusalemme è la mia unica opzione. “

Quando due delle sue figlie (Raghad, 9, e Malak, 6) tornano a casa da scuola, Sabreen parla con orgoglio materno su quanto bene le sue ragazzine stanno facendo a scuola. “Gli insegnanti mi dicono sempre quanto sono intelligenti. Stanno facendo bene in tutte le classi e mi rendono molto orgogliosa di loro. Hanno cominciato a dire le prime parole quando avevano 9 mesi di età. “

Sabreen cerca di proteggere i suoi figli dalla dura realtà della sua malattia. “Cerco di vivere la mia vita normalmente come posso e dico alle mie figlie che non sto male. Un giorno, mia figlia di 6 anni Malak tornò a casa da scuola piangendo. Qualcuno le aveva detto che ho il cancro e avevo bisogno di andare a Gerusalemme per il trattamento. Chiede ancora di me a riguardo, ma le dico che sto facendo bene. I miei figli sono troppo piccoli per capire cosa è il cancro. “

“Prego Allah di darci la pazienza, e che ci ridia le nostre vite. Voglio vivere la mia vita normalmente, ed essere in grado di crescere i miei figli. “

Dal giugno 2007, quando la chiusura di Gaza è diventata quasi assoluta, 64 pazienti sono morti per essere stata loro negata la possibilità di lasciare Gaza per cure mediche, o per la mancanza di medicine causata dalla chiusura. Tra coloro che sono morti, c’erano 18 donne e 16 bambini. Su base annua, PCHR assiste in media 23 pazienti nella loro richiesta di un permesso di viaggio, di fronte a molti ritardi, rifiuti, e altri ostacoli.

Come potenza occupante, Israele ha l’obbligo di cui all’articolo 12 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali, e culturali, che riconosce a tutti il “diritto al godimento del più alto livello possibile di salute fisica e mentale.” Come risultato della prolungata chiusura illegale della Striscia di Gaza, il sistema sanitario locale soffre di croniche carenze nelle forniture mediche e impianti di trattamento. La chiusura della Striscia di Gaza imposta da Israele è una forma di punizione collettiva, che è una violazione dell’articolo 33 della Quarta Convenzione di Ginevra. Come si infliggono grandi sofferenze alla popolazione civile di Gaza, ciò equivale anche a un crimine di guerra, per il quale la leadership politica e militare israeliana sopporta la responsabilità penale individuale.

http://www.pchrgaza.org/portal/en/index.php?option=com_content&view=article&id=9273%3Acan-you-tell-me-why-im-not-allowed-to-go-to-the-hospital&catid=144%3Anew-reports

……………………………………………………………………………………………………

immagine7

LA GERMANIA RALLENTA IL PAGAMENTO DEI RISARCIMENTI AI SOPRAVVISSUTI DELL’OLOCAUSTO. E ISRAELE SI ARRABBIA: PARE SIA UNA RITORSIONE CONTRO LA COSTRUZIONE DEGLI INSEDIAMENTI NELLA PALESTINA OCCUPATA

Israele furioso sui collegamenti tra i pagamenti ai sopravvissuti all’Olocausto e la costruzione degli insediamenti

Martedì 19 Febbraio, 2013 16:50

Rabbia su Angela Merkel per il “ritardo intenzionale” a pagare un risarcimento ai sopravvissuti all’olocausto.

Fonti di stampa israeliane hanno riferito che la Germania sta ritardando i pagamenti di compensazione per i sopravvissuti all’olocausto fino a quando Israele non fermerà la sua costruzione di insediamenti nella Cisgiordania occupata.

Il quotidiano israeliano, Yedioth Ahronoth, ha riferito che fonti governative israeliane hanno trasmesso la loro rabbia all’ufficio del Cancelliere tedesco, Angela Merkel. Le fonti hanno rifiutato il “ritardo deliberato” a pagare il risarcimento per i sopravvissuti dell’Olocausto.

Le fonti, secondo il giornale, hanno detto che non è opportuno collegare una “questione umanitaria, connessa ai sopravvissuti dei crimini dei nazisti durante la seconda guerra mondiale, e una questione politica riguardante le relazioni di Israele con i suoi vicini.”

“C’è un alto funzionario dell’ufficio di Merkel che sta lavorando alla distruzione delle relazioni tranquille e delicate tra Israele e la Germania”, il giornale ha affermato. “Dal momento in cui il funzionario è entrato in carica, ha escluso incontri tra Merkel e l’ambasciatore israeliano a Berlino, Jacob Hadas.”

Il giornale ha riferito che i colloqui tra le due parti hanno avuto luogo a metà dello scorso dicembre. Israele, dice il giornale, passa un messaggio ai funzionari tedeschi che “la Germania deve accelerare i pagamenti ai sopravvissuti all’olocausto il cui numero è in diminuzione per morte a causa della vecchiaia.”

Il quotidiano israeliano ha riferito la storia dei tedesco-israeliani accordi di compensazione che è iniziata nel 1952. Con la firma del primo accordo, la Germania si è impegnata a pagare DEM 3billion (1.325 £ b) in Israele e DEM450 milioni (£ 198m) alle organizzazioni ebraiche.

In seguito alla caduta del Muro di Berlino nel 1991, l’accordo è stato aggiornato e la Germania ha pagato DEM 5000 (£ 2.200b) a 522.000 sopravvissuti e si sono impegnati a pagare DEM500 (£ 220) a 50.000 sopravvissuti mensilmente. Nel 2000, il settore industriale tedesco ha istituito il Fondo di compensazione ebraica e nel 2007, il governo tedesco ha istituito il Fondo di compensazione del Ghetto.

Attualmente, i negoziati sono in corso per un impegno tedesco a pagare uno stipendio mensile di pensione di EU300 per i lavoratori del Ghetto.

Secondo il quotidiano israeliano, il totale dei pagamenti tedeschi a Israele è stato finora USD 70 miliardi.

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/5273-israel-furious-over-links-between-payments-to-holocaust-survivors-and-building-settlements

……………………………………………………………………………………………………

Mercoled’ 20 febbraio 2013

immagine8
BREVE SINTESI DEGLI ULTIMI AVVENIMENTI IN PALESTINA

Attivisti a Nazareth piantano una tenda a sostegno degli scioperanti della fame
Pubblicato ieri (aggiornato) 20/02/2013 20:44

BETLEMME (Ma’an) – I manifestanti a Nazareth hanno eretto una tenda di solidarietà mercoledì per mostrare il sostegno per palestinesi scioperanti della fame nelle carceri israeliane, un gruppo locale ha detto. I manifestanti hanno montato una tenda in Al-Ayin Square e una conferenza stampa si è tenuta per inaugurare l’area di protesta, che si aprirà da giovedi dalle ore 10 tutti i giorni, il Supremo comitato arabo ha detto in un comunicato. Ex-detenuti parteciperanno agli eventi e condivideranno le loro esperienze di carcerati nelle prigioni israeliane. Centinaia di palestinesi nelle carceri israeliane hanno dichiarato una giornata di digiuno martedì in solidarietà con Samer Issawi e tre altri prigionieri in sciopero della fame. Il Club dei Prigionieri Palestinesi, che si occupa del benessere dei detenuti e delle loro famiglie, ha detto che 800 prigionieri stavano prendendo parte alla giornata di digiuno. Più tardi lo stesso giorno, un tribunale israeliano ha stabilito che Issawi deve rimanere in custodia nel carcere israeliano. Sua madre è crollata come il giudice ha annunciato che Issawi sarebbe rimasto in carcere fino alla prossima udienza tra un mese. La campagna dei prigionieri contro le detenzioni senza processo ha scatenato violente proteste nelle ultime settimane di fuori da un carcere militare israeliano e in tutta la Cisgiordania. Nella Striscia di Gaza, la Jihad islamica ha dichiarato che la tregua con Israele che ha concluso otto giorni di combattimenti nel mese di novembre potrebbe essere rotta se uno scioperante della fame morisse.
__________________________________________

Neonata ferita nell’incendio di una casa a Gaza
21:43 pubblicato ieri

GAZA CITY (Ma’an) – Una bambina di un giorno di vita ha subito ustioni di terzo grado mercoledì in un incendio di una casa nel nord della Striscia di Gaza, un funzionario dell’ospedale ha detto. Jannat Ahmad Abu Ihayyil è stata ricoverata in terapia intensiva dell’ospedale al Shifa a Gaza City, il capo del dipartimento di emergenza Ayman Sahabani ha detto. La neonata ha subito ustioni al 45 per cento del suo corpo, tra cui la testa, il collo e il viso, Sahabani ha detto. L’incendio, a Beit Lahiya, è stato causato da una candela.

___________________________________________

Un uomo muore per le ferite riportate nell’ intifada
Pubblicato ieri (aggiornato) 20/02/2013 16:21

RAMALLAH (Ma’an) -. A 27 anni uomo è morto a Ramallah mercoledì per le ferite riportate negli scontri con le forze israeliane all’inizio della seconda Intifada. Rami Jamal Talib, del campo profughi al-Jalazoun , era stato ferito alla schiena e parzialmente paralizzato negli scontri con i soldati israeliani nell’ottobre 2000. Un gran numero di persone in lutto ha partecipato al suo funerale mercoledì nel campo al-Jalazoun . Il movimento Fatah locale ha inviato le condoglianze alla famiglia di Talib.

________________________________________

Il governo di Hamas rilascia 50 detenuti, il ministero dice
14:22 pubblicato ieri

GAZA CITY (Ma’an) – Il governo di Hamas a Gaza ha liberato 50 prigionieri mercoledì, una dichiarazione del ministero degli interni ha detto. I prigionieri avevano tutti scontato almeno due terzi della loro pena in centri di riabilitazione e sono stati rilasciati in una cerimonia che ha visto la partecipazione di funzionari della prigione. Durante la cerimonia di rilascio, i detenuti hanno promesso di non commettere ulteriori reati.Il ministero dell’Interno di Gaza ha anche annunciato che avrebbe rilasciato altri 93 prigionieri che scontano la pena in centri di riabilitazione.

________________________________________

Ufficiale: Israele distrugge rete elettrica a Nablus
Pubblicato ieri (aggiornato) 20/02/2013 20:44

NABLUS (Ma’an) – Le forze israeliane hanno demolito una rete elettrica a Nablus mercoledì, portando a scontri con i residenti locali, un funzionario dell’Autorità Palestinese ha detto. Bulldozer israeliani sono arrivati nel villaggio di Qusra a mezzogiorno e distrutto una rete elettrica nella zona , togliendo l’alimentazione a decine di residenti, l’ufficiale della PA Ghassan Daghlas ha detto a Ma’an. Giovani locali hanno lanciato pietre contro le forze israeliane, che hanno sparato gas lacrimogeni e granate assordanti al villaggio, ha aggiunto. Diverse persone sono rimaste leggermente ferite. Un portavoce dell’esercito israeliano non ha risposto alle chiamate in cerca di commento.

_______________________________________

Testimoni: le forze israeliane hanno arresto due pescatori di Gaza
Pubblicato il Martedì 19/02/2013 (aggiornato) 20/02/2013 14:22

GAZA CITY (Ma’an) -. Forze israeliane hanno arrestato due pescatori al largo della costa settentrionale di Gaza martedì, gente del posto ha detto. Mahmoud Saad Allah e suo fratello Muhammad sono stati arrestati dalla marina israeliana e portati in un luogo sconosciuto, testimoni hanno detto a Ma’an. Le loro barche da pesca sono state confiscate. Un portavoce dell’esercito israeliano non ha risposto alle richieste di commentare l’accaduto. Il Centro Palestinese per i Diritti Umani lunedi ha espresso preoccupazione per l’escalation di attacchi israeliani ai pescatori di Gaza. Lunedi mattina, cannoniere israeliane hanno aperto il fuoco su una barca da pesca palestinese a distanza ravvicinata, ferendo due pescatori, PCHR ha detto in un comunicato. L’attacco è avvenuto tre miglia nautiche dalla costa di Gaza, entro le 6 miglia del concordato accordo di cessate il fuoco di Israele con Hamas in novembre, PCHR ha aggiunto. Negli Accordi di Oslo, Israele ha accettato 20 miglia nautiche per la zona di pesca al largo della costa di Gaza, ma ha imposto 3 miglia per diversi anni, aprendo il fuoco contro i pescatori che si allontanavano ulteriormente. Israele ha controllato le acque di Gaza dopo la sua occupazione della zona nel 1967, e ha tenuto diverse navi da guerra di stanza al largo della costa dal 2008.

……………………………………………………………………………………………………

immagine9

IL PROGETTO DI UN ASILO NIDO A KHAN YOUNIS, NELLA STRISCIA DI GAZA. AVRA’ IL NOME DI VITTORIO ARRIGONI. 

Quello che vogliamo costruire a Gaza può sembrare un sogno velleitario, un’utopia, ma Vittorio conosceva benissimo il significato profondo di questa parola

http://www.freedomflotilla.it/2013/02/19/quello-che-vogliamo-costruire-nel-nome-di-vittorio…/

……………………………………………………………………………………………………

immagine10

DOPO IL “SUICIDIO” DELL’AGENTE X, RIEMERGE IL MISTERO SULLA SORTE DEI PRIGIONIERI ARABI E PALESTINESI NELLE CARCERI SEGRETE ISRAELIANE. 

130 detenuti palestinesi e arabi nelle carceri segrete israeliane

Martedì 19 Febbraio, 2013 13:45

Decine di famiglie in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza sono in attesa del destino dei loro figli scomparsi. Questo è secondo le informazioni ricevute da ex prigionieri che erano essi stessi detenuti da Israele in prigioni segrete con nomi falsi e simbolici, come l’australiano ‘agente X’.

Anche se il numero effettivo di prigionieri segreti è noto, le informazioni ottenute dal giornale Al-Quds Al-Arabi con sede a Londra da più fonti suggeriscono che superano i 130. Essi comprendono persone di nazionalità araba e palestinese, provenienti principalmente dalla Cisgiordania. Un piccolo numero è scomparso più di un quarto di secolo fa, mentre altri sono scomparsi 30 o 40 anni fa.

Un semplice calcolo mostra risultati che le famiglie di questi prigionieri non vogliono contemplare: che un certo numero di prigionieri sono morti nelle prigioni segrete, la più famosa delle quali è la prigione N. 1391. Si tratta di una costruzione in cemento al centro di un kibbutz (cooperativa locale) e circondato da alberi fitti, alte mura e da torri di sorveglianza militare. Israele l’ha dichiarata una zona militare chiusa.

Il problema dei palestinesi scomparsi è emerso di recente in seguito alle rivelazioni sull’ australiano Agente X, che si sarebbe suicidato in cella di isolamento nel dicembre 2010, così come il rilascio di Israele di centinaia di cadaveri di palestinesi che erano stati sepolti nel “Cimitero dei Numeri . “

Il passaggio di consegne dei resti palestinesi e le informazioni circa l’Agente X hanno rassicurato altre famiglie, che non hanno ancora ricevuto i corpi dei loro figli, che non erano in quelle tombe, e sono ancora detenuti nelle prigioni segrete.

I ricercatori e specialisti in questioni di stress dei detenuti sostengono che i detenuti in carceri segrete sono sottoposti a studi privati e confidenziali di carattere prevalentemente militare. Essi si svolgono in momenti specifici e non sono documentati. Nessuno sa cosa succede alle deliberazioni, e i prigionieri non hanno alcuna difesa legale.

http://www.middleeastmonitor.com/news/middle-east/5269-130-palestinian-and-arab-detainees-in-israeli-secret-jails

……………………………………………………………………………………………………

 

SONO ARTICOLI TRATTI DA: http://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam