Siria: dopo gli attacchi aerei israeliani siamo coinvolti

0

REDAZIONE 6 MAGGIO 2013

&nbspimmagine1;

di Robert Fisk – 6 maggio 2013

Luci nel cielo sopra Damasco. Un altro attacco israeliano – “audace”, naturalmente, nelle parole dei sostenitori di Israele e il secondo in due giorni – contro gli armamenti e le strutture militari e i magazzini di armi di Bashar al-Assad. La storia è già familiare: gli israeliani hanno voluto impedire una consegna di missili Fateh-110 di fabbricazione iraniana e Hezbollah in Libano; erano spediti dal governo siriano. Almeno secondo una “fonte dei servizi d’informazione” occidentali. Anonima, ovviamente. E ripropone la vecchia domanda: perché, mentre il regime siriano si sta battendo per sopravvivere, manderebbe missili avanzati fuori dalla Siria?

Ma gli stessi siriani hanno confermato ufficialmente che installazioni militari sono state colpite dagli israeliani. E non per la prima volta nel corso della ribellione. I Fateh-110 – almeno la nuova versione – hanno una portata di forse 250 chilometri. E potrebbero in effetti raggiungere Tel Aviv dal Libano meridionale. Se Hezbollah li ha effettivamente acquistati. Ma perché i siriani avrebbero dovuto mandarli, come affermavano anche fonti statunitensi ieri sera, quando gli stessi statunitensi affermavano solo nello scorso dicembre che i siriani avevano usato gli stessi missili terra-terra con le forze ribelli in Siria?

In altre parole, il regime siriano era pronto a privarsi dei propri missili a favore del Libano quando già li stava utilizzando nella brutale guerra in Siria … Ora ci sono altre domande da porre. Se l’aviazione siriana è in grado di usare i suoi MIG in modo così devastante – e a un tale costo per i civili – contro i propri nemici all’interno della Siria, perché non avrebbe mandato i suoi caccia a proteggere Damasco e ad attaccare l’aviazione israeliana? Non si presume che l’aviazione siriana protegga la Siria da Israele? O semplicemente i MIG non sono tecnicamente in grado di attaccare le macchine (statunitensi) d’avanguardia israeliane? O sarebbe semplicemente spingersi troppo in là?

Molto più importante, tuttavia, è il fatto saliente che Israele è ora intervenuto nella guerra siriana. Può dichiarare di aver preso di mira soltanto armi destinate a Hezbollah, ma queste erano anche armi usate contro le forze ribelli in Siria. Ridurre la disponibilità di queste armi da parte del regime significa perciò aiutare i ribelli a rovesciare Bashar al-Assad. E poiché Israele si considera una nazione occidentale – il miglior amico e il miglior alleato militare degli Stati Uniti in Medio Oriente, eccetera eccetera – ciò significa che “noi” siamo ora coinvolti nella guerra, direttamente e dall’aria.

Vediamo se gli USA e la UE condanneranno gli attacchi aerei israeliani. Ne dubito. Il che significherebbe, se restiamo zitti, che li approviamo. Il silenzio, per citare Tommaso Moro, è consenso.

Cosicché ora gli iraniani e Hezbollah sono accusati di intervenire in Siria – vero, anche se non nella misura in cui siamo indotti a credere – e il Qatar e l’Arabia Saudita inviano armi ai ribelli – vero, ma non abbastanza armi, come vi diranno i ribelli siriani – e gli israeliani sono entrati nel gioco. Ora siamo militarmente coinvolti.

Da Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte: http://www.zcommunications.org/the-truth-is-that-after-israel-s-air-strikes-we-are-involved-by-robert-fisk

Originale: The Independent

traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2013 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0

http://znetitaly.altervista.org/art/10743

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.