A 4 ANNI E MEZZO DALL’OFFENSIVA ISRAELIANA SU GAZA, 13 MILA PALESTINESI ANCORA SENZA CASA

500

5/3/2019

Gaza-MEMO. Circa 13 mila palestinesi nella Striscia di Gaza continuano a essere senza una casa, a quattro anni e mezzo dall’ultima offensiva israeliana.

Durante i 50 giorni della “Operazione Protective Edge” nel 2014, gli attacchi israeliani causarono danni significativi alle infrastrutture civili, con circa 18 mila unità residenziali completamente distrutte o gravemente danneggiate. Più di 100 mila palestinesi rimasero senza casa – circa 17 mila famiglie.

Secondo un aggiornamento dell’ONG per i diritti umani B’Tselem, circa il 20% delle abitazioni è ancora inutilizzabile e 2.300 famiglie – o 13 mila persone – sono senza casa.

1.600 di queste famiglie ricevevano sussidi per l’affitto dall’UNRWA, ma a seguito dei tagli dei finanziamenti USA, l’anno scorso, l’agenzia delle Nazioni Unite è stata costretta ad interrompere l’assistenza finanziaria.

“La distruzione è stata causata dalla politica israeliana di ‘fuoco a volontà’, che includeva il bombardamento di strutture civili dall’aria, dalla terra e dal mare”, ha dichiarato B’Tselem. Secondo i dati dell’esercito, “la scala dei bombardamenti durante l’operazione non ebbe precedenti: 35.000 proiettili di artiglieria di diversi tipi e 14.500 proiettili di carri armati, esclusi i bombardamenti aerei”.

B’Tselem ha aggiunto che “Israele ha rifiutato ogni responsabilità per i risultati delle sue azioni militari durante la “Operazione Protective Edge” e ha evitato di pagare il prezzo dei suoi atti”.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal

E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

A 4 anni e mezzo dall’offensiva israeliana su Gaza, 13 mila palestinesi ancora senza casa

A 4 anni e mezzo dall’offensiva israeliana su Gaza, 13 mila palestinesi ancora senza casa

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.