A GAZA, DOVE IL BUIO DURA DA ANNI

lunedì 16 dicembre 2013

 immagine1

Diario da Gaza: La guerra per restare al caldo

In inverno a Gaza siamo abituati a guardare la TV e a fare caldarroste, ora è una lotta per la doccia durante il breve tempo in cui abbiamo l’elettricità.

Per Abeer Ayyoub | Dicembre 15, 2013

Mentre sto scrivendo in questo momento, sono in una corsa contro il tempo, non solo perché ho una scadenza, ma anche perché ho solo tre ore di elettricità al giorno. Durante le tre ore, devo caricare il mio laptop e i telefoni cellulari, fare la fila per la doccia, lavare e stirare i vestiti, e completare i miei pezzi .

Ho sempre amato l’inverno, era sempre il mio preferito. Per me, è sempre stata una stagione in cui passo il tempo attorno alla stufa insieme con i miei fratelli e genitori a guardare la TV e a fare caldarroste. Questa scena non è più il nostro inverno tipico, oggi, il nostro inverno è di combattere su chi si lava per primo.

Oggi, non ci esponiamo più fuori ovunque, le mie sorelle e io non lasciamo mai i nostri letti in quanto è l’unico modo per tenere fuori il freddo: a a malapena funziona.

La crisi del blackout non è nuova. Più di 1,7 milioni di abitanti di Gaza ne sono stati colpiti dal 2007, ma è diventato più complicato, con la tempesta che ha colpito i territori palestinesi. Per gli ultimi tre giorni, la mia famiglia e io non abbiamo mai lasciato la nostra casa, né per il lavoro né per le scuole.

Per gli ultimi due giorni, anche le tre ore non erano più utili per niente. Con le crescenti esigenze elettriche, la potenza elettrica è troppo debole per attivare qualsiasi cosa, tranne che le luci.

Dato che io vivo in città, in un edificio alto da vincere, la mia casa non era davvero colpita dalla tempesta, ma non abbiamo potuto adattarci al freddo estremo a causa della mancanza di elettricità. Mia mamma ha finito per usare il riscaldamento a carbone per noi, in modo da ottenere un po ‘di calore durante la notte, ma siamo sempre preoccupati a causa del fumo soffocante.

Fuori dal nostro quartiere, centinaia di case sono state danneggiate; le persone hanno dovuto evacuare le loro case per i “rifugi” che è accaduto siano scuole pubbliche. Decine di persone sono rimaste ferite, molte hanno avuto i loro mobili rovinati e molti negozi hanno dovuto sbarazzarsi delle loro merci dopo che le inondazioni le ha danneggiate.

Il mio amico mi ha parlato della sua famiglia che ha dovuto abbandonare la propria casa utilizzando barche. Sì, barche! L’unico modo con cui i membri della protezione civile sono stati in grado di mettere in sicurezza i bambini e i vecchi erano le barche da pesca.

Gaza non ha assistito a tali basse temperature negli ultimi decenni, ma ciò che ha reso tutto peggio è stato il deterioramento della situazione umanitaria delle persone che vivono nell’enclave costiera assediata. Dopo la cacciata del presidente egiziano lo scorso luglio, una volta fedele al governo di Hamas a Gaza, le autorità egiziane hanno iniziato una campagna sistematica di arresto di migliaia di tunnel, che funzionavano come un’ancora di salvezza per la gente di Gaza, sotto i confini egiziano-palestinesi.

Con le frontiere chiuse, Gaza ha iniziato a rivivere una vecchia crisi del carburante. Mentre il combustibile israeliano è spesso disponibile, è troppo costoso perchè la gente qui possa permetterselo. La maggior parte delle auto sono inattive, le persone non possono accendere i loro generatori quando l’elettricità è spenta; è troppo da sopportare per i residenti di
Gaza .

Lo scorso inverno, abbiamo vissuto a Gaza un inverno molto violento, dopo che Israele ha combattuto un’ offensiva di otto giorni su Gaza. Oggi, siamo di fronte ad una calamità naturale da soli, senza il sostegno di nessuno. Come qualcuno che ha scelto di rimanere nella sua patria per sempre, mi sento una persona che ha scelto di andare a combattere solo per continuare a respirare.

http://www.haaretz.com/news/features/1.563616

 

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam