A GAZA, LE FAMIGLIE CHIEDONO AIUTO DOPO CHE DUE BAMBINI MUOIONO IN ATTESA DI PERMESSI PER CURE MEDICHE IN ISRAELE

0
647

tratto da: rete Italiana ISM

https://mondoweiss.net/

3 LUGLIO 2020

 TAREQ S. HAJJAJ
Due bambini sono morti nella Striscia di Gaza in attesa di permessi per cure mediche in Israele, una tragedia che i palestinesi temono con ansia possa crescere nelle prossime settimane. I permessi per i pazienti più malati di Gaza per ricevere cure in Israele e in Cisgiordania sono  terminati bruscamente il 19 maggio quando il presidente palestinese Mahmoud Abbas annunciò la fine del coordinamento con Israele. È stata una mossa di protesta contro i piani di Israele di annettere parti della Cisgiordania a luglio.

Jehad Yaghi raccoglie un’immagine di suo nipote, Yaghi Omar di nove mesi- dal momento che questa ultima settimana a Gaza l’Autorità Palestinese ha congelato i permessi di uscita per i Palestinesi che cercano un trattamento medico in Israele o in West Bank (Foto: Mohammed Salem)

Il primo bambino è morto la scorsa settimana, Omar Yaghi, di nove mesi, in attesa del permesso di uscire da Gaza per un intervento chirurgico per un’anomalia cardiaca. Lunedì, Anwar Harb è morto nove giorni dopo la sua nascita, anche lui per una malattia cardiaca.

Mercoledì l’inviato speciale delle Nazioni Unite in Medio Oriente, Nikolay Mladenov, ha dichiarato che sia Israele che l’Autorità palestinese sono responsabili della “fine del coordinamento civile” e della morte di Omar Yaghi.

“Già, un bambino di [nove] mesi ha perso la vita a causa di questa situazione”, ha detto Mladenov. “Sicuramente ci deve essere una linea rossa quando si tratta della vita dei bambini.”

Jehad Yaghi, il nonno di Omar, ha dichiarato: “Sarebbe sopravvissuto se avesse potuto sottoporsi ai suoi due interventi chirurgici rimanenti che avrebbero dovuto essere il 21 maggio all’ospedale di Sheba in Israele”.

Le vite dei pazienti sono sacre e non devono essere manipolate per situazioni politiche. Ormai Omar sarebbe stato tra le braccia della sua famiglia se avesse subito un intervento chirurgico quando era programmato. I dottori lo hanno confermato, tuttavia, è deceduto. Un angelo che aveva un sorriso affascinante, è morto solo perché era malato a Gaza”, ha detto.

JEHAD YAGHI VISUALIZZA FORME MEDICHE, RISULTATI DI LABORATORIO E FOGLI DIAGNOSTICI PER IL SUO NIPOTE, OMAR YAGHI CHE È MORTO L’ULTIMA SETTIMANA. (FOTO: MOHAMMED SALEM)

Yaghi mostrò rapporti di rinvio da parte di medici e vecchi moduli di permesso che aveva presentato per gli ultimi quattro interventi chirurgici di Omar. In lacrime, ha aggiunto, “Era un bambino molto bello e sorrideva ogni volta che lo prendevamo e lo abbracciavamo. Era un angioletto e ora è andato in paradiso.

Omer è nato con malformazioni congenite nel suo cuore. Due ore dopo la sua nascita è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Abdel Aziz Al-Rantisi per bambini. Quando è stato chiaro che nessun ospedale di Gaza era in grado di eseguire l’intervento di cui aveva bisogno, la sua famiglia si assicurò quindi i permessi per quattro diversi interventi chirurgici in Israele.

“La famiglia stava sperando in base al feedback dei medici che avevano ricevuto, che ce l’avrebbe fatta”, ha detto Yaghi. “Le sue condizioni erano curabili se le cose fossero andate come previsto. È disumano sottoporre i pazienti a differenze politiche. ”

“I pazienti che necessitano di cure non sono nemici, in particolare i bambini”, ha detto il nonno.

L’Autorità palestinese ha dichiarato che cesserà di coordinarsi con Israele e avrebbe congelato la commissione per gli affari civili palestinese, l’organismo responsabile della presentazione delle richieste di permesso medico all’amministrazione civile dell’esercito israeliano per i pazienti che vivono a Gaza. Inoltre, l’AP ha affermato che avrebbe smesso di pagare le spese mediche per i palestinesi già in Israele sottoposti a cure.

Il coordinatore per le attività governative nei territori, o COGAT, l’amministratore civile militare israeliano ha confermato sui social media che non riceveva più permessi dall’AP.

“In questo periodo ci sono ritardi e disordini nel processo di trasferimento delle richieste di permessi per i residenti di Gaza per entrare in Israele. I disordini sono il risultato della decisione del comitato civile dell’AP di smettere di gestire le richieste [per i permessi] dalla Striscia di Gaza e di trasferirle a noi “, ha scritto il COGAT su Facebook, ha riferito il Times of Israel.

JEHAD YAGHI MOSTRA UN RAPPORTO DI RIFERIMENTO PER SUO NIPOTE, OMAR YAGHI. (FOTO: MOHAMMED SALEM)

 

Alcuni palestinesi hanno contattato urgentemente la Croce Rossa e i Medici per i diritti umani implorando le agenzie di aiuto di presentare richieste di permesso. Alcuni hanno avuto successo, ma non è ancora chiaro se la maggior parte dei palestinesi che avevano programmato interventi chirurgici o chemioterapia in Israele ha avuto successo.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità prima dell’inizio della pandemia, oltre 1.750 pazienti di Gaza hanno presentato ogni mese domande di permesso per cure negli ospedali israeliani e della Cisgiordania. I dati del gruppo israeliano per i diritti umani Gisha mostrano prima di marzo, circa 1500 palestinesi lasciavano Gaza ogni mese per accedere alle cure. Dopo l’inizio dell’epidemia il numero è precipitato a 200. I numeri di giugno dovrebbero essere al massimo poche decine.

“Quasi un terzo delle domande è rivolto da pazienti oncologici; altri richiedono interventi chirurgici specializzati, diagnostica per immagini, cardiologia o altri servizi altrimenti non disponibili “, ha riferito l’OMS la scorsa settimana. “Complessivamente, questo gruppo di pazienti è molto malato, con probabilità di sopravvivenza a sei mesi dalla prima domanda di permesso inferiore al 90%.”

La famiglia del quindicenne Bayan Kahlout ha raggiunto la Croce Rossa e lunedì ha appreso che la loro richiesta di permesso è stata presentata per cure presso l’ospedale Al Makassed di Gerusalemme est. Ha già perso il suo primo appuntamento, che era previsto per quattro giorni fa.

“Sapevamo che se fossimo rimasti in silenzio sarebbe morta, quindi abbiamo iniziato a fare tutto il possibile per farla trasferire per il trattamento”, ha detto suo zio Hadi Kahlout. “Abbiamo pubblicato il suo status e le foto sui social media, abbiamo sempre chiamato la Croce Rossa, abbiamo chiesto loro di trovare un modo per aiutare Bayan prima che sia troppo tardi.”

“Lunedì la Croce Rossa ci ha informato che sarebbe riuscita a trasferirla in Israele, hanno ottenuto un permesso urgente a causa del peggioramento delle condizioni di Bayan. Ma fino a lunedì sera Bayan non stava entrando in ospedale. ” Ritardi al checkpoint di Erez, l’uscita da Gaza verso Israele ha impedito il loro viaggio, “ma forse ci sarà stanotte?” Kahlout ha continuato.

Altri palestinesi a Gaza hanno un disperato bisogno di riprendere il trattamento regolare per le condizioni che non possono essere curate a Gaza. Fayez Abu Shurbi, 55 anni, ha iniziato la chemioterapia per la leucemia mieloide acuta lo scorso novembre. Al tempo gli fu diagnosticato mentre stava lavorando in edilizia e aveva inspiegabili attacchi di fatica.

“Scoprire che ho avuto questa grave malattia ha sconvolto la mia vita. Ho iniziato ad andare all’ospedale An-Najah nella città di Nablus in Cisgiordania, molte volte “, ha detto Abu Shurbi.

Il suo primo ciclo di chemioterapia è durato quattro mesi e gli appuntamenti erano incoerenti. Ogni volta che veniva curato, aveva bisogno di un nuovo permesso di uscita.

“A volte ho ottenuto il permesso, altre volte no. La mia salute stava diventando sempre più debole, ho lasciato il mio lavoro e l ho dedicato la mia vita a seguire il mio trattamento “, ha detto.

Il suo ultimo trattamento, un trapianto di midollo osseo, era inizialmente fissato per metà marzo. Tuttavia, una volta che la pandemia di coronavirus ha raggiunto la regione, l’ospedale ha annullato l’operazione. Sono arrivate e passate anche altre due date riprogrammate per l’intervento,  questa volta perché l’AP ha bloccato l’ufficio autorizzazioni.

“Nel frattempo la mia condizione sta peggiorando”, ha detto Abu Shurbi. “Il nuovo appuntamento è il 7 luglio e non so se avrò il trattamento o meno.”

A Gaza, le famiglie chiedono aiuto dopo che due bambini muoiono in attesa di permessi per cure mediche in Israele

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.