A Lucca la giornata Onu per i diritti della Palestina

0

Img1-3

Un grande appuntamento internazionale a Lucca il prossimo 29 novembre. Si terrà infatti in città la giornata Onu per i diritti della Palestina, che assume un valore ancora più significativo nel 2014, anno dichiarato proprio dalle Nazioni Unite come anno della solidarietà per il popolo palestinese. In programma un convegno con ospiti di rilievi internazionale, un incontro con le scuole e alcune mostre fotografiche dislocate in vari punti della città. L’evento è promosso da Pax Christi con la collaborazione della Provincia, della Scuola per la Pace e del Comune di Lucca e la partecipazione di molte associazioni del territorio, organizzate a Lucca fra il 28 e il 29 novembre, “per dare voce alle diverse forme di resistenza non violenta che operano per una pace giusta e la fine della colonizzazione dei territori palestinesi occupati”.

Il programma delle due giornate è stato presentato a Palazzo Ducla e dall’assessore provinciale Mario Regoli, dal vicesindaco del Comune di Lucca Ilaria Vietina e da don Nandino Capovilla, coordinatore per Pax Christi Italia della campagna Ponti e non muri.

“Questa sarà davvero l’occasione per discutere di un tema solo geograficamente lontano da noi – spiega Don Capovilla – e che ogni giorno ci propone scene di una vita difficilissima, di un’esistenza infuocata e lacerata dallo scontro continuo. Penso che soltanto attraverso il dialogo tra tutti noi si possa addivenire ad una soluzione”. Di conflitto anacronistico parla anche l’assessore Mario Regoli: “In questi giorni ricordiamo con gioia i 25 anni dalla caduta del muro di Berlino – dice – e tutto questo stona molto con i muri alti e spessi che vediamo issare in altre parti del mondo. Sono d’accordo sul fatto che non si debba mai smettere di sensibilizzare e, sotto questo profilo, vi dico che le sale deputate ad ospitare gli studenti sono già esaurite da mesi. Sintomo che le scuole sentono molto, come è giusto, questo tema”.

E, del resto, proprio di muri da abbattere e di ponti da costruire parlerà la due giorni. “Un appuntamento al quale stavamo lavorando da un anno – precisa l’assessore Vietina – e che ci riempie di orgoglio. Lucca sarà al centro di un’occasione internazionale e tutti insieme discuteremo di una situazione alla quale non è possibile assuefarsi”.
Per quanto concerne gli eventi, procedendo in ordine cronologico la due giorni si aprirà, il 28 novembre (9,30-1,30), con l’incontro “Toscana. Guardare oltre, verso Israele e Palestina: i loro confini, le loro abitudini, le loro convinzioni. Per un mondo terra di tutti”.  In questa occasione saranno protagonisti i ragazzi delle scuole superiori, pronti ad affollare Sala Accademia I. Ospiti d’eccezione saranno Ray Dolphin (rappresentante Onu a Gerusalemme) che parlerà di confini e di come questi siano stati modificati nel tempo in modo arbitrario con conseguenze importanti per la popolazione; Mohammed Kathib (rappresentante dei comitati popolari di resistenza dei villaggi palestinesi) che focalizzerà l’attenzione sulle abitudini e le convinzioni di chi vive sotto occupazione, sulla vita quotidiana nei Territori occupati, e il giornalista Gideon Levy che farà una riflessione sulla condivisione di una terra, “per un mondo terra di tutti”. L’incontro in questione verrà moderato dal professor Mario Toschi ed è prevista l’interazione con studenti ed insegnanti.

Il giorno seguente (29 novembre) gli stessi ospiti animeranno Homeland: Quale solidarietà per il popolo palestinese?, convegno che si terrà in San Romano con inizio previsto alle ore 9.30. Il focus della giornata sarà rappresentato proprio dallo slogan: Ponti e non muri che accompagna l’evento. Il 2014, infatti. è stato scelto come anno internazionale di solidarietà verso il popolo palestinese proprio in occasione dei 10 anni dalla condanna dell’Onu alla costruzione del muro che separa i due popoli.

Moltissime le associazioni che prenderanno parte all’iniziativa, aderendo o collaborando: Amani Nyayo Onlus, Amnesty International – Sezione italiana Lucca, Arci Lucca, Arci Toscana, Associazione di Amicizia italopalestinese Onlus Firenze, Associazione Ghassan Kanafani Lucca, Associazione culturale Graffiti, AssoPace Palestina, Cineforum Ezechiele 25,17, Equinozio commercio equo e solidale, Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Lucca, Emergency Lucca, Commissione Giustizia e Pace della Diocesi di Lucca, Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie sezione di Lucca, Gruppo Palestina Pisa, Rete Radié Resch Pisa-Viareggio, Coordinamento Freedom Flotilla La Spezia-Massa Carrara, InvictaPalestina Lamezia e l’Anpi sezione intercomunale di Lucca.

Oltre ai due appuntamenti principali ci saranno poi eventi paralleli, sparsi un po’ per tutta la città: così, dal 28 novembre al 13 dicembre (sala accademia II di Palazzo Ducale) sarà possibile ammirare la mostra Effetti collaterali, una serie di scatti capaci di far rivivere tutta la drammatica quotidianità di un popolo dilaniato, condannato ad una tragedia senza tregua. Effetti collaterali è proprio il titolo della raccolta di foto realizzate nel corso degli ultimi vent’anni nelle città palestinesi di Gerusalemme, Betlemme, Gericho, Hebron, Tulkarem, Nablus e Gaza da un gruppo di fotografi dell’Associazione Graffiti Press guidati da Gianni Pinnizzotto, che raccontano di bambini, di madri, che lasciano intravedere dai loro sguardi il dolore e la disperazione di una vita quotidiana vissuta in un campo profughi, nello scenario dell’atrocità della guerra.

Le esposizioni tuttavia non si fermano qui e, come detto, sono dislocate in diversi punti della città: il 29 novembre, in San Romano, ecco dunque I popoli che resistono – Mostra delle opere partecipanti al concorso d’arte contemporanea organizzato da InvictaPalestina Ticket to rights Partenza: Palestina; Destinazione: mondo. Viaggio attraverso i diritti umani negati, a cura di No mas!. Dal 24 novembre al 1° dicembre, invece, alla biblioteca civica Agorà sarà visitabile Una tragedia rimossa: la Palestina negli anni 2002 – 2004. Spaccato di un popolo devastato e parole di un poeta che celebra l’eternità dell’amore per la propria terra. A cura dell’Associazione di Amicizia italo-palestinese onlus di Firenze. Dal 28 al 30 novembre, invece,  sotto al Loggiato di Palazzo Pretorio, Piazza San Michele arriva Undici giorni in Palestina: si tratta di un insieme di  scatti e suggestioni da una terra controversa, a cura di Pattuglia Palestina Clan2011 Lucca. Chiudono la rassegna artistica la mostra Daily life in area C (27 novembre-30 novembre) dentro alla chiesa di San Salvatore: un’esposi-zione capace di restituire agli occhi dei visitatori la quotidianità nei territori palestinesi attraverso gli occhi di chi l’occupazione la vive ogni giorno, a cura di Gvc, Gruppo di volontariato civile onlus (Bologna).

Enrico Pace

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.