A un anno dal micidiale conflitto Israele / Gaza, l’incubo continua

giovedì 14 novembre 2013

 immagine1

UN ANNO FA, L’ECCIDIO DI GAZA DURANTE I MICIDIALI OTTO GIORNI DI “PILLAR OF DEFENSE”. CHI HA PAGATO PER QUEI CRIMINI, AD OGGI? E GAZA MUORE ANCORA OGGI, LENTAMENTE, NELLA MORSA DI UN DUPLICE ASSEDIO.

A un anno dal micidiale conflitto Israele / Gaza, l’incubo continua

14 novembre 2013

In un batter d’occhio, il peggior incubo di ‘Attiyeh si è avverato.
Il 21 novembre 2012, suo figlio Mahmoud , 13 anni, è stato ucciso quando fu colpito da un missile sparato da un drone israeliano mentre camminava a un negozio lungo la strada da casa sua nella zona di al-Manara di Gaza City. Non aveva con sé nient’altro che una moneta in mano per comprare una penna per la sua sorellina.

“Quando hanno trovato il corpo di Mahmoud e lo hanno portato in ospedale, il medico ha aperto la sua mano, che era chiusa a pugno, e ha scoperto che lui stava stringendo la moneta,” ‘Attiyeh Abu Khousa ha raccontato ai delegati di Amnesty International che hanno esaminato il sito in cui il missile aveva colpito un paio di giorni dopo.

Il missile ha colpito Mahmoud su una larga strada con buona visibilità dall’alto. La sorveglianza aerea israeliana avrebbe dovuto essere in grado di vedere che era un bambino. Testimoni hanno detto che non c’erano obiettivi militari evidenti nelle vicinanze al momento.

Mahmoud è stato ucciso l’ultimo giorno di un conflitto di otto giorni tra i gruppi armati palestinesi e i militari israeliani nella Striscia di Gaza. Le forze israeliane avevano lanciato l’ Operazione “Pilastro della Difesa”, il 14 novembre 2012 uccidendo il leader dell’ala militare di Hamas, a seguito di attacchi illegali da entrambe le parti nei giorni precedenti.

In poco più di una settimana, più di 165 palestinesi, tra cui più di 30 bambini e circa 70 altri civili che non erano direttamente partecipanti alle ostilità, e sei israeliani, tra cui quattro civili, sono stati uccisi. Un cessate il fuoco è stato raggiunto la sera del 21 novembre.
L’esercito israeliano non ha commentato l’uccisione di Mahmoud in uno dei 18 attacchi documentati da Amnesty International in cui i civili di Gaza sono stati uccisi da missili sparati da droni israeliani durante quella tragica settimana.

Decine di migliaia di abitanti di Gaza sono fuggiti dalle loro case durante il conflitto. Mentre la maggior parte di queste famiglie è stata in grado di tornare alle loro case dopo il cessate il fuoco, ancora lottano con il trauma di essere dovute fuggire, spesso sotto il fuoco. E centinaia di famiglie di Gaza sono sfollate perché le loro case sono state distrutte nel conflitto. Un anno dopo, la maggior parte non è stata in grado di ricostruire a causa delle restrizioni israeliane continue per l’importazione di materiali da costruzione a Gaza.

Indiscriminati razzi da Gaza

Anche in Israele, i civili sostenuto il peso del conflitto. Gruppi armati palestinesi hanno sparato più di 1.500 razzi e colpi di mortaio durante gli otto giorni. La stragrande maggioranza di queste armi erano indiscriminate, il che significa che esse non erano in grado di essere dirette a obiettivi militari e quindi il loro uso ha violato il diritto internazionale umanitario.

David Amsalem e la sua famiglia non potranno mai dimenticare la mattina del 15 novembre 2012. Sua moglie gli ha telefonato al lavoro alle 08:00 per assicurargli che le cose erano calme. Ma 15 minuti dopo, tutto è cambiato quando un razzo sparato da Gaza ha colpito il suo condominio a Kiryat Malachi, uccidendo suo figlio Itzik, di 24 anni.
“Non appena la segnalazione di allarme suonò, il nostro figlio più giovane ha spinto mia moglie fuori di casa, ma Itzik ha tardato. Mia moglie ha gridato ‘Itzik, Itzik!’ Il nostro vicino è entrato per tirarlo fuori e lui è stato ucciso. Itzik è stato colpito con un colpo diretto … Nella settimana dopo l’evento, mentre eravamo seduti in lutto, centinaia di razzi sono caduti “, ha detto ad Amnesty International.
Il vicino di casa era il padre di tre figli, Aharon Smadja, 49 anni. La madre di tre figli, Mirah Scharf, 25 anni, è stata uccisa nello stesso attacco.

Giustizia negata

A un anno dal conflitto, nessuna delle due parti ha condotto indagini indipendenti e imparziali sulle accuse di violazioni.
L’avvocato generale militare di Israele ha ricevuto decine di denunce da parte delle ONG palestinesi e israeliane, compresi i casi di civili che sono stati uccisi in attacchi, cosa che potrebbe essere stata crimini di guerra, ma deve ancora aprire una singola indagine penale a conoscenza di Amnesty International.

Il governo de facto di Hamas nella Striscia di Gaza non ha condotto indagini di alcun tipo nelle violazioni del diritto internazionale umanitario da parte di gruppi armati palestinesi durante il conflitto. Oltre ai quattro civili israeliani illegalmente uccisi da razzi indiscriminati, ci sono prove che alcuni civili palestinesi a Gaza sono stati uccisi dai razzi palestinesi.

La mancanza di responsabilità per le gravi violazioni del diritto umanitario internazionale, tra cui crimini di guerra, va ben al di là del conflitto di novembre 2012. E ‘sistemica, e bruciano i timori tra palestinesi e israeliani che i civili dovranno ancora sopportare il peso di eventuali futuri cicli di combattimento.

Le violazioni israeliane sia nella Striscia di Gaza che in Cisgiordania continuano su base giornaliera, compreso l’uso regolare della forza letale contro i civili palestinesi che non presentano alcuna minaccia per le forze israeliane. Dalla fine del mese di febbraio, i gruppi armati palestinesi a Gaza hanno sporadicamente sparato razzi e colpi di mortaio verso le comunità civili in Israele.

“La paura di ulteriori spargimenti di sangue pende come una nube scura sopra gli uomini, donne e bambini che si sentono intrappolati in un ciclo di violazioni alimentate da un clima di impunità”, ha detto Deborah Hyams, Ricercatore in Israele e nei Territori Occupati Palestinesi di Amnesty International.

E se la paura di più attacchi mortali non bastasse, chi vive a Gaza deve fare i conti con gli effetti disastrosi del continuo blocco israeliano di terra, di mare e aereo del territorio, insieme con le restrizioni imposte dall’ Egitto. Gli abitanti di Gaza non hanno acqua potabile, affrontano interruzioni di corrente 12 ore su base giornaliera, e molti lottano per accedere a beni di prima necessità come cibo e medicine adeguate.

Queste difficoltà sono state aggravate dal 1 ° novembre di quest’anno, quando l’unica centrale elettrica di Gaza è stata costretta a chiudere per mancanza di carburante, compromettendo ulteriormente i servizi igienico-sanitari di salute e quelli vitali.
“Il mondo si è dimenticato di Gaza, delle donne e dei bambini. Il blocco è così dannoso come la guerra. Che è come una morte lenta per tutti a Gaza. Stiamo pagando il prezzo per le controversie tra diverse potenze. Non si vergogna il mondo..? Ha perso la sua umanità “‘, ‘Attiyeh Abu Khousa ha detto ad Amnesty International la scorsa settimana.

“Il mondo continua a guardare dall’altra parte quando si tratta del blocco su Gaza, che punisce collettivamente 1,7 milioni di civili. A questa forte violazione del diritto internazionale è stato permesso di continuare per più di sei anni”, ha detto Deborah Hyams.
“A meno che i leader israeliani e palestinesi dimostrino la volontà politica di proteggere i civili, da entrambe le parti – il ciclo di violazioni diventerà un incubo ricorrente. E se la comunità internazionale assicura che la fine delle violazioni dei diritti umani e dell’impunità per i crimini di diritto internazionale è prioritaria, una giusta e duratura risoluzione del conflitto rimane sfuggente “.

Come una donna di Gaza la cui figlia è stata uccisa nel conflitto di novembre 2012 ha raccontato ad Amnesty International l’anno scorso: “Siamo stanchi di vivere nella paura. Pensi che noi vogliamo vivere così? No, noi vogliamo vivere in pace.”

TESTIMONIANZA

Ashour Muhammed Ibrahim, otto anni, è stato tagliato in pezzi quando un missile sparato da un drone israeliano lo ha colpito mentre giocava nel suo giardino in al-Zaytoun, Gaza City, il 20 novembre 2012.
Altri cinque bambini e suo nonno di 80 anni sono stati feriti dalle schegge del missile.
Tre giorni dopo l’attacco, i delegati di Amnesty International hanno visitato la famiglia e hanno esaminato la scena dell’attacco, tra cui i resti di missili, granate a forma di cubo incorporate negli alberi del giardino, e buchi a forma di cubo nei serbatoi d’acqua.
Non vi era alcuna prova che i locali fossero utilizzati per scopi militari, e anche se l’esercito israeliano presume che il giardino era stato usato per scopi militari ad un certo punto, i bambini che giocavano avrebbero dovuto essere visibili agli aeromobili di sorveglianza israeliana.
“Non c’era nessuno, tranne i bambini e il loro nonno,” Muhammed Rizq ‘Ashour, lo zio del ragazzo che è stato ucciso, ha detto ad Amnesty International. “Che cosa avevano fatto questi bambini ? Qual era il loro crimine? Stavano solo giocando in giardino. Anche durante la guerra, i bambini vogliono giocare. Avrebbero dovuto essere visibili ai droni di Israele [vigilanza] sopra nel cielo . Vogliamo sapere perché un missile è stato sparato a questi bambini “.

tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………………………………..

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.amnesty.org/en/news/year-deadly-israelgaza-conflict-nightmare-continues-2013-11-14

 

14 November 2013

A year on from deadly Israel/Gaza conflict, the nightmare continues

 

 

IMMAGINE2

On 21 November 2012, 13-year-old Mahmoud was killed by a missile fired by an Israeli drone fired in the al-Manara area of Gaza City.

© Amnesty International

 

In the blink of an eye, ‘Attiyeh’s worst nightmare came true.

On 21 November 2012, his 13-year-old son Mahmoud was killed when he was struck by a missile fired by an Israeli drone as he walked to a shop down the road from his home in the al-Manara area of Gaza City. He was carrying nothing but a coin in his hand to buy a pen for his little sister.

“When they found Mahmoud’s body and took him to hospital, the doctor opened his hand, which was closed in a fist, and found that he was clutching the coin,” ‘Attiyeh Abu Khousa told Amnesty International delegates who examined the site of the missile strike a few days later.

The missile struck Mahmoud on a wide road with good visibility from above. Israeli aerial surveillance should have been able to see that he was a child. Witnesses said there were no evident military targets in the vicinity at the time.

Mahmoud was killed on the last day of an eight-day conflict between the Israeli military and Palestinian armed groups in the Gaza Strip. Israeli forces had launched Operation “Pillar of Defense” on 14 November 2012 by killing the leader of the military wing of Hamas, following unlawful attacks by both sides in the preceding days.

Within just over a week, more than 165 Palestinians, including more than 30 children and some 70 other civilians who were not directly participating in hostilities, and six Israelis, including four civilians, were killed. A ceasefire was reached on the evening of 21 November.

The Israeli military has not commented on the killing of Mahmoud in one of 18 strikes documented by Amnesty International in which civilians in Gaza were killed by Israeli drone-fired missiles during that tragic week.

Tens of thousands of Gazans fled their homes during the conflict. While the majority of these families were able to return to their homes after the ceasefire, they still struggle with the trauma of having had to flee, often under fire. And hundreds of families in Gaza remain displaced because their homes were destroyed in the conflict. A year on, most have been unable to rebuild because of the continuing Israeli restrictions on the import of construction materials into Gaza.

Indiscriminate rockets from Gaza
In Israel, too, civilians bore the brunt of the conflict. Palestinian armed groups fired more than 1,500 rockets and mortars during the eight days. The vast majority of these weapons were indiscriminate, meaning that they were not capable of being directed at military targets and therefore their use violated international humanitarian law.

David Amsalem and his family will never forget the morning of 15 November 2012. His wife phoned him at work at 8am to assure him that things were calm. But 15 minutes later, everything changed when a rocket fired from Gaza struck his apartment block in Kiryat Malachi, killing his 24-year-old son, Itzik.

“As soon as the alarm warning rang, our youngest son pushed my wife out of the apartment, but Itzik got delayed. My wife shouted ‘Itzik, Itzik!’ Our neighbour entered to get him out and he was also killed. Itzik was struck in a direct hit…In the week after the event, while we were sitting in mourning, hundreds of rockets fell,” he told Amnesty International.

The neighbour was father of three Aharon Smadja, 49. Mother of three Mirah Scharf, 25, was also killed in the same attack.

Justice denied
A year on from the conflict, neither side has conducted independent and impartial investigations into the allegations of violations.

Israel’s Military Advocate General has received scores of complaints from Palestinian and Israeli NGOs, including cases of civilians who were killed in attacks which may well have been war crimes, but has yet to open a single criminal investigation to Amnesty International’s knowledge.

The Hamas de facto administration in the Gaza Strip has not conducted investigations of any kind into violations of international humanitarian law by Palestinian armed groups during the conflict. In addition to the four Israeli civilians unlawfully killed by indiscriminate rockets, there is evidence that several Palestinian civilians in Gaza were killed by Palestinian rockets.

The lack of accountability for serious violations of international humanitarian law, including war crimes, goes well beyond the November 2012 conflict. It is systemic, and fuels fears among Palestinians and Israelis alike that civilians will again bear the brunt of any future rounds of fighting.

Israeli violations in both the Gaza Strip and the West Bank continue on a daily basis, including regular use of lethal force against Palestinian civilians posing no threat to Israeli forces. Since late February, Palestinian armed groups in Gaza have sporadically fired rockets and mortars towards civilian communities in Israel.

“The fear of more bloodshed hangs like a dark cloud over men, women and children who feel trapped in a cycle of violations fuelled by a climate of impunity,” said Deborah Hyams, Researcher on Israel and the Palestinian Occupied Territories at Amnesty International.

And if the fear of more deadly attacks wasn’t bad enough, those living in Gaza have to contend with the disastrous effects of Israel’s continuing land, sea and air blockade of the territory, together with restrictions imposed by Egypt. Gazans lack safe drinking water, face 12-hour power outages on a daily basis, and many struggle to access basic necessities such as adequate food and medicines.

These hardships were compounded on 1 November this year when Gaza’s sole power plant was forced to shut down due to lack of fuel, further jeopardizing vital health and sanitation services.

“The world has forgotten Gaza, its women and children. The blockade is as bad as the war; it’s like a slow death for everyone in Gaza. We are paying the price for disputes between different powers. Isn’t that shameful? The world has lost its humanity,” ‘Attiyeh Abu Khousa told Amnesty International last week.

“The world continues to look the other way when it comes to the blockade on Gaza, which collectively punishes 1.7 million civilians. This stark violation of international law has been allowed to continue for more than six years,” said Deborah Hyams.

“Unless Israeli and Palestinian leaders demonstrate political will to protect civilians –on both sides – the cycle of violations will become a recurring nightmare. And unless the international community ensures that ending human rights abuses and impunity for crimes under international law are prioritized, a just and enduring resolution of the conflict will remain elusive.”

As a Gazan woman whose daughter was killed in the November 2012 conflict told Amnesty International last year, “We are sick of living in fear. Do you think we want to live like this? No, we want to live in peace.”

TESTIMONY
Eight-year-old Muhammed Ibrahim ‘Ashour was cut into pieces when a missile fired by an Israeli drone hit him as he played in his garden in al-Zaytoun, Gaza City, on 20 November 2012.

Five other children and his 80-year-old grandfather were injured by shrapnel from the missile.

Three days after the attack, Amnesty International delegates visited the family and surveyed the scene of the strike, including the missile remnants, cube-shaped shrapnel embedded in trees in the garden, and cube-shaped holes in water tanks.

There was no evidence that the premises had been used for any military purposes, and even if the Israeli military presumed that the garden had been used for military purposes at some point, the children playing there should have been visible to Israeli surveillance aircraft.

“There was no one there except the children and their grandfather,” Muhammed Rizq ‘Ashour, the uncle of the boy who was killed, told Amnesty International. “What did these children do? What was their crime? They were just playing in the garden. Even during a war, children want to play. They should have been visible to the Israeli [surveillance] drones in the sky above. We want to know why a missile was fired at these children.”

 

 

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam