Adalah: oltre 2.000 bambini beduini in età prescolare bloccati a casa a causa di una disputa sul bilancio degli scuolabus

0
17

tratto da: rete Italiana ISM

https://imemc.org/
14 febbraio 2020 

Il trasporto scolastico per bambini provenienti da 20 villaggi della regione di Naqab (Negev) si interrompe improvvisamente dopo che il consiglio regionale incolpa il Ministero dell’istruzione israeliano per non aver trasferito fondi.

Adalah – Il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele ha presentato una petizione urgente alla corte martedì 11 febbraio 2020, poiché 2.200 bambini in età prescolare di 20 villaggi beduini sono stati bloccati a casa per un mese a causa di una disputa di bilancio tra il Ministero dell’istruzione israeliano e un consiglio regionale nella regione Naqab (Negev) del paese.

La petizione, presentata dall’avvocato Aala Haj Odeh di Adalah a nome dei genitori con figli colpiti e del Consiglio regionale per i villaggi non riconosciuti nel Naqab (RCUV), è stata depositata presso il tribunale distrettuale di Be’er Sheva contro il Consiglio regionale di Neve Midbar e il Ministero dell’Istruzione israeliano. I firmatari chiedono che le autorità israeliane riprendano immediatamente il servizio di scuolabus che è stato interrotto un mese fa.

Il 12 gennaio 2020, il Consiglio regionale di Neve Midbar ha improvvisamente annunciato che il servizio di autobus per bambini in età prescolare di tre e quattro anni provenienti da 20 villaggi (quattro villaggi riconosciuti e 16 non riconosciuti) sarebbe stato sospeso il giorno seguente perché il Ministero dell’istruzione israeliano non era riuscito a trasferire i fondi necessari.

Nonostante i ripetuti appelli di Adalah al Ministero dell’Istruzione e al Consiglio regionale di Neve Midbar, il servizio di scuolabus non è stato ancora ripristinato.

Nella sua serie di lettere alle autorità, Adalah ha sottolineato che la mancata agevolazione del servizio di accompagnamento scolastico costituisce una violazione grave e sproporzionata del diritto all’istruzione.

Il ministero dell’Istruzione non ha risposto alle domande di Adalah e il Consiglio regionale di Neve Midbar ha ribadito solo che il servizio di autobus è stato interrotto a causa dell’incapacità del ministero dell’Istruzione di trasferire il budget necessario.

Nonostante un emendamento del 1984 alla legge sull’istruzione obbligatoria (1949) per fornire un’istruzione gratuita e obbligatoria per i bambini dai tre anni di età – e una direttiva del 2012 che entro il 2016 questa legge doveva essere attuata per includere tutti i bambini, un rapporto della Knesset indica che 4.718 bambini beduini tra i tre e i cinque anni non hanno frequentato le scuole materne  durante l’anno accademico 2017-2018.

Il programma di scuolabus nel Consiglio regionale di Neve Midbar è servito come soluzione per le autorità per conformarsi alla legge sull’istruzione obbligatoria, poiché la maggior parte dei 20 villaggi in questione non ha scuole. Gli scuolabus servivano i bambini in età prescolare portandoli a studiare a distanze fino a 20 chilometri dalle loro case.

L’avvocato Adalah Aiah Haj Odeh ha commentato la grave situazione:

In generale, Israele non riesce a soddisfare adeguatamente le esigenze educative dei bambini beduini. Ora non riesce nemmeno ad adempiere ai propri obblighi ai sensi della legge sull’istruzione obbligatoria. È difficile immaginare questa situazione, ma per il fatto che questi bambini fanno parte della comunità araba beduina che le autorità israeliane considerano immeritevoli nei servizi forniti dallo stato. È esasperante che questi bambini vengano sfruttati cinicamente in una disputa tra autorità statali. La legge decreta che sia il Ministero dell’Istruzione che il Consiglio regionale di Neve Midbar condividono la responsabilità del trasporto di bambini in età scolare, quindi abbiamo presentato una petizione contro entrambe le parti per porre fine a questo scandalo.”

 

Adalah: oltre 2.000 bambini beduini in età prescolare bloccati a casa a causa di una disputa sul bilancio degli scuolabus

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.