Agenti sotto copertura arrestano un importante attivista israeliano contro l’occupazione.

0
110

tratto da: INVICTA PALESTINA

Jonathan Pollak, a destra, alla corte del magistrato di Tel Aviv dopo essere stato arrestato sul posto di lavoro, il 6 gennaio 2020. (Oren Ziv / Activestills.org)

Gli agenti hanno arrestato Jonathan Pollak sul suo posto di lavoro, nel sud di Tel Aviv, dopo che si è rifiutato di comparire in tribunale per un procedimento giudiziario privato contro di lui presentato dal gruppo di estrema destra Ad Kan.

English version

Oren Ziv – 6 gennaio 2020

 

Agenti di polizia sotto copertura hanno arrestato lunedì mattina il noto attivista israeliano anti-occupazione Jonathan Pollak mentre era al lavoro, dopo che questi si era ripetutamente rifiutato di comparire in tribunale per un procedimento privato presentato contro di lui da un’organizzazione di estrema destra.

I tre  agenti sono arrivati all’edificio di Haaretz nel sud di Tel Aviv, dove Pollak lavora come graphic designer e lo hanno preso  in custodia.

Nel dicembre 2018, Local Call  riferì che il gruppo di estrema destra Ad Kan aveva lanciato un’azione legale privata contro tre israeliani, tra cui Pollak, per aver partecipato alle proteste contro la barriera di separazione in Cisgiordania. L’azione  privata di Ad Kan, la prima nel suo genere contro attivisti anti-occupazione, sostiene l’accusa secondo la quale gli imputati “hanno attaccato soldati dell’IDF e ufficiali di polizia di frontiera”.

Quando le autorità israeliane ritennero non opportuno accusare i tre attivisti, Ad Kan – diventato famoso negli ultimi anni per aver infiltrato alcuni suoi membri all’interno di organizzazioni per i diritti umani e per aver registrato ogni loro mossa con telecamere nascoste – prese in mano la situazione.

Pollak, tuttavia, ha ripetutamente rifiutato di comparire in tribunale, affermando di non riconoscere la legittimità di un sistema che mantiene una “dittatura militare” su “soggetti che in Cisgiordania e Gaza mancano di tutti i diritti democratici di base” o che sono “cittadini di seconda classe” in Israele.

Nonostante due i mandati di arresto emessi contro di lui a luglio e settembre su richiesta di Ad Kan, nonché un mandato emesso a dicembre, Pollak ha continuato a partecipare regolarmente alle manifestazioni in Cisgiordania e a Gerusalemme. L’Avv. Tzur Felk, che rappresenta Ad Kan, ha dichiarato in una recente udienza presso il Jerusalem Magistrate’s Court di aver ripetutamente informato in tempo reale la polizia che Pollak stava partecipando alle manifestazioni, ma che  la polizia non lo aveva arrestato.

In seguito al mandato di arresto di luglio, gli agenti di polizia sono andati  ​​ripetutamente all’appartamento di Pollak per arrestarlo. Non essendo mai riusciti a trovarlo, Ad Kan ha chiesto al tribunale di sostituire l’indirizzo di Pollak  con quello della sede di Haaretz.

Da allora, gli ufficiali si sono recati alla sede di Haaretz in diverse occasioni, ma  fino a lunedì mattina non sono stati in grado di  trovare Pollak. L’Avv. Felk ha affermato che la polizia gli aveva riferito  che i colleghi di Pollak lo stavano coprendo. Il ripetuto rifiuto di Pollak di comparire in tribunale significa che può essere legalmente tenuto in custodia a tempo indeterminato o fino a quando non accetta di pagare la cauzione e di partecipare alle udienze presso il tribunale di Gerusalemme.

È incredibile che la polizia agisca come la milizia privata di un’organizzazione di estrema destra che ha presentato un’azione legale penale priva di fondamento e senza alcuna giurisdizione per farlo”, ha affermato Atty. Gaby Lasky, che rappresenta gli altri due imputati nell’accusa. “È triste che la corte si stia prestando a una violazione così grave del diritto alla libertà”.

Nel luglio dello scorso anno, Pollak venne aggredito fisicamente da due persone mentre usciva dal lavoro. Secondo quanto riferito, mentre lo picchiavano gli aggressori  urlavano “stronzo di sinistra”, quindi uno di loro estrasse un coltello e lo ferì leggermente in faccia e sulle  braccia. Nessuno degli assalitori è stato catturato.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in ebraico su Local Call.

 

Oren Ziv è fotoreporter, membro fondatore del collettivo di fotografia Activestills e scrittore  dello staff di Local Call. Dal 2003 ha documentato una serie di questioni sociali e politiche in Israele e nei territori palestinesi occupati, con particolare attenzione alle comunità di attivisti e alle loro lotte. I suoi reportages si sono concentrati sulle proteste popolari contro il muro e gli insediamenti, sugli alloggi a prezzi accessibili e su altre questioni socio-economiche, sulle  lotte contro il razzismo e sulla discriminazione e la lotta per liberare gli animali.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo,contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

Agenti sotto copertura arrestano un importante attivista israeliano contro l’occupazione.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.