Agnese Moro :«Israeliani e palestinesi combattenti per la pace»

DOMENICA 5 AGOSTO 2012

Nel mondo si stanno attivamente cercando modi nuovi per risolvere i conflitti, che puntino sul dialogo, e non sulle armi.

Uno di questi tentativi è il movimento Combatants for Peace» (Combattenti per la pace) che è stato creato congiuntamente da Palestinesi e Israeliani, che hanno avuto una parte attiva nel «ciclo della violenza»; gli Israeliani come soldati del proprio esercito, i Palestinesi come partecipanti alla lotta violenta per la libertà della Palestina. Scrivono sul loro sito http://cfpeace.org: «Dopo aver imbracciato le armi per tanti anni, ed esserci visti gli uni gli altri solo attraverso i mirini di quelle armi, abbiamo deciso di mettere giù i fucili e di combattere per la pace. Crediamo che solo unendo le forze saremo capaci di far smettere il ciclo della violenza, lo spargimento di sangue e l’occupazione e l’oppressione del popolo Palestinese. Non crediamo più che sia possibile risolvere il conflitto tra i due popoli attraverso la violenza; perciò dichiariamo che rifiutiamo di prendere ancora parte alla carneficina. Vogliamo agire solo attraverso metodi non violenti cosicché ognuna delle due parti possa arrivare a capire le aspirazioni dell’altra ad essere una nazione».

E’ un punto di incontro davvero insperato e insperabile. Le storie di vita di persone che sono poi entrate a far parte del Movimento sono tutte storie aspre e difficili; segnate in maniera davvero profonda dalla violenza inflitta e subita, anche in giovanissima età. Dall’una e dall’altra parte si sono attivamente combattuti, senza essersi mai incontrati davvero; entrambi sicuri di essere dalla parte della ragione. C’è chi ha detto basta vedendo la sofferenza inflitta ai bambini; chi a 14 anni ha ferito dei soldati e, in prigione, ha avuto la possibilità di istruirsi e ha cambiato percorso; c’è chi racconta una lunga strada di cambiamento, e altri per i quali tutto è avvenuto, apparentemente, all’improvviso.

Insieme lavorano per costruire una diversa cultura nelle città o nei villaggi, nelle case, per combattere la paura e l’ignoranza gli uni degli altri; controllano il territorio; promuovono rappresentazioni teatrali e realizzano video; incontrano i politici. Guardare i loro visi segnati o sereni fa venire voglia di conoscerli, di ascoltarli. E’ sempre il viso dell’altro – quando lo vediamo davvero – che ci mette in crisi, ci fa riflettere, ci spinge a muoverci. Loro lo fanno.

http://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/PdfNavigator.aspx?d=05-08-2012&pdfIndex=25
Pubblicato da 06:00
Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam