Agnese Moro :«Israeliani e palestinesi combattenti per la pace»

0

DOMENICA 5 AGOSTO 2012

Nel mondo si stanno attivamente cercando modi nuovi per risolvere i conflitti, che puntino sul dialogo, e non sulle armi.

Uno di questi tentativi è il movimento Combatants for Peace» (Combattenti per la pace) che è stato creato congiuntamente da Palestinesi e Israeliani, che hanno avuto una parte attiva nel «ciclo della violenza»; gli Israeliani come soldati del proprio esercito, i Palestinesi come partecipanti alla lotta violenta per la libertà della Palestina. Scrivono sul loro sito http://cfpeace.org: «Dopo aver imbracciato le armi per tanti anni, ed esserci visti gli uni gli altri solo attraverso i mirini di quelle armi, abbiamo deciso di mettere giù i fucili e di combattere per la pace. Crediamo che solo unendo le forze saremo capaci di far smettere il ciclo della violenza, lo spargimento di sangue e l’occupazione e l’oppressione del popolo Palestinese. Non crediamo più che sia possibile risolvere il conflitto tra i due popoli attraverso la violenza; perciò dichiariamo che rifiutiamo di prendere ancora parte alla carneficina. Vogliamo agire solo attraverso metodi non violenti cosicché ognuna delle due parti possa arrivare a capire le aspirazioni dell’altra ad essere una nazione».

E’ un punto di incontro davvero insperato e insperabile. Le storie di vita di persone che sono poi entrate a far parte del Movimento sono tutte storie aspre e difficili; segnate in maniera davvero profonda dalla violenza inflitta e subita, anche in giovanissima età. Dall’una e dall’altra parte si sono attivamente combattuti, senza essersi mai incontrati davvero; entrambi sicuri di essere dalla parte della ragione. C’è chi ha detto basta vedendo la sofferenza inflitta ai bambini; chi a 14 anni ha ferito dei soldati e, in prigione, ha avuto la possibilità di istruirsi e ha cambiato percorso; c’è chi racconta una lunga strada di cambiamento, e altri per i quali tutto è avvenuto, apparentemente, all’improvviso.

Insieme lavorano per costruire una diversa cultura nelle città o nei villaggi, nelle case, per combattere la paura e l’ignoranza gli uni degli altri; controllano il territorio; promuovono rappresentazioni teatrali e realizzano video; incontrano i politici. Guardare i loro visi segnati o sereni fa venire voglia di conoscerli, di ascoltarli. E’ sempre il viso dell’altro – quando lo vediamo davvero – che ci mette in crisi, ci fa riflettere, ci spinge a muoverci. Loro lo fanno.

http://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/PdfNavigator.aspx?d=05-08-2012&pdfIndex=25
Pubblicato da 06:00

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.