Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

0

 

1/2/2018

Di Mark Levine.

Ahed Tamimi ora è solo un numero. Solo una delle migliaia di palestinesi imprigionati illegalmente da Israele, quando siamo a metà del suo cinquantunesimo anno di occupazione. Per la precisione 6.154, 59 delle quali donne, 250 bambini, ed ora un altro. Ahed è in prigione perché ha “schiaffeggiato” un soldato israeliano che stava occupando casa sua. Poco prima, lui o un commilitone aveva sparato in testa a suo cugino con un proiettile di gomma, mandandolo in coma. Ahed, assieme a suo cugino e poi a sua madre, è uscita e ha iniziato a gridare al soldato di andarsene, e lo ha spinto. Lui sembrava reagire. Ha continuato ad urlare e a picchiarlo ancora diverse volte, mentre sua madre filmava la scena.

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.