Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

 

1/2/2018

Di Mark Levine.

Ahed Tamimi ora è solo un numero. Solo una delle migliaia di palestinesi imprigionati illegalmente da Israele, quando siamo a metà del suo cinquantunesimo anno di occupazione. Per la precisione 6.154, 59 delle quali donne, 250 bambini, ed ora un altro. Ahed è in prigione perché ha “schiaffeggiato” un soldato israeliano che stava occupando casa sua. Poco prima, lui o un commilitone aveva sparato in testa a suo cugino con un proiettile di gomma, mandandolo in coma. Ahed, assieme a suo cugino e poi a sua madre, è uscita e ha iniziato a gridare al soldato di andarsene, e lo ha spinto. Lui sembrava reagire. Ha continuato ad urlare e a picchiarlo ancora diverse volte, mentre sua madre filmava la scena.

 

© Agenzia stampa Infopal
E’ permessa la riproduzione previa citazione della fonte “Agenzia stampa Infopal – www.infopal.it”

Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

Ahed Tamimi, la Mandela palestinese

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam