AHMAD EREKAT: L’UCCISIONE DI PALESTINESI DA PARTE DI ISRAELE E’ STATA “ESECUZIONE EXTRAGIUDIZIALE”

0
281

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/02/24/ahmad-erekat-luccisione-di-palestinesi-da-parte-di-israele-e-stata-esecuzione-extragiudiziale/

https://www.middleeasteye.net/

24 febbraio 2021 

Una nuova inchiesta denuncia anche la mancanza di cure mediche fornite al palestinese e il trattamento degradante del suo corpo

Ahmad Erekat è stato ucciso a un posto di blocco israeliano il giorno del matrimonio di sua sorella l’anno scorso, 23 giugno 2020 (Facebook)

L’uccisione del palestinese Ahmad Erekat a un posto di blocco israeliano il giorno del matrimonio di sua sorella lo scorso anno è stata una “esecuzione extragiudiziale”, ha detto un gruppo di ricerca sui diritti umani.

L’uccisione di Erekat ha suscitato proteste diffuse a giugno, quando un video dell’incidente lo ha mostrato mentre scendeva dal suo veicolo nella Cisgiordania occupata e si allontanava dai soldati, con le mani alzate, quando è stato colpito.

Una nuova indagine del gruppo per i diritti umani con sede a Londra Forensic Architecture (FA) ha scoperto che Erekat, 26 anni, è stato colpito da sei colpi di arma da fuoco – tre mentre era a terra – poi ha avuto negato le cure mediche mentre era ancora in movimento nonostante non rappresentasse alcuna minaccia per i soldati israeliani pesantemente armati.

Erekat aveva sbattuto con la sua macchina contro una cabina a un posto di blocco militare prima di essere colpito.

“La nostra analisi solleva importanti interrogativi sull’uccisione di Ahmad che sollevano dubbi sulle affermazioni dell’esercito israeliano e richiedono ulteriori indagini”, ha scritto il gruppo, che, lavorando con l’organizzazione palestinese per i diritti umani Al-Haq, ha anche dettagliato il trattamento degradante del cadavere di Erekat.

Erekat è stato colpito e ucciso il 23 giugno 2020 al checkpoint del “Container” tra Betlemme e la casa della famiglia degli Erekat nella città di Abu Dis, fuori Gerusalemme est occupata, mentre si stava recando a prendere sua madre e sua sorella nel giorno del suo matrimonio.

Israele, che ha affermato che Erekat aveva cercato di speronare gli ufficiali israeliani con la sua auto, non ha aperto un’indagine formale sull’omicidio, né ha rilasciato tutte le riprese della sicurezza sull’incidente.

L’inchiesta della FA ha scoperto che l’auto di Erekat non ha accelerato quando ha colpito la cabina e potrebbe anche aver frenato.

Secondo quanto riferito, una donna soldato è stata leggermente ferita nell’incidente ed è stata evacuata in un ospedale di Gerusalemme.

La famiglia di Erekat ha detto a Middle East Eye l’anno scorso che non avrebbe mai commesso un attacco, figuriamoci il giorno del matrimonio di sua sorella.

“Aveva poco tempo per ritirare le sue sorelle, i fiori e tutte queste altre cose da Betlemme”, ha detto a MEE Emad Erekat, cugino di Ahmad, aggiungendo che Ahmad guidava un’auto a noleggio targata palestinese, che aveva affittato specificatamente per fare commissioni il giorno del matrimonio.

Trattamento “degradante”
Un video che è circolato sui social media subito dopo la sparatoria, presumibilmente preso da un testimone oculare dell’incidente, ha mostrato un Erekat ferito disteso a terra, rannicchiato in posizione fetale ma ancora in movimento, con una colata di sangue che scorreva dal suo corpo.

La polizia di frontiera israeliana ha detto al Times of Israel che Erekat ha ricevuto cure mediche “in pochi minuti”, ma FA ha scoperto che il suo corpo non è stato spostato per circa 45 minuti dopo la sparatoria, ed è stato quindi coperto con un telone.

Un’ambulanza israeliana è arrivata non più di 10 minuti dopo lo sparo, ma è partita mezz’ora dopo portando solo il soldato israeliano ferito, secondo FA.

A un’ambulanza palestinese arrivata circa 20 minuti dopo l’incidente è stato negato l’accesso alla scena.

“Dicono che vogliono trattenere questi corpi per lo scambio di prigionieri, ma le persone che vengono trattenute non sono prigionieri di guerra. Questi sono i civili

– Noura Erekat, avvocato per i diritti umani:
Un’ora e mezza dopo la sparatoria, Erekat appare completamente nudo a terra, nelle riprese ottenute da FA, che ha descritto il trattamento del suo corpo come “degradante”.

Attivisti locali e internazionali hanno denunciato l’omicidio di Erekat come un altro esempio della politica israeliana “sparare per uccidere”, che i gruppi per i diritti umani hanno definito “esecuzioni autorizzate dallo stato”.

Dal 2015, in mezzo a un’ondata di accoltellamenti e presunti attacchi effettuati da palestinesi contro le forze israeliane, l’uccisione di palestinesi ai posti di blocco è diventata sempre più comune, anche se i sospetti non rappresentano una minaccia immediata per i soldati.

Il gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem ha documentato dozzine di casi negli ultimi anni in cui descrive la condotta dei soldati israeliani come un “quadro grave e allarmante di uso eccessivo e ingiustificato di armi da fuoco letali, che in alcuni casi equivaleva a esecuzione sommaria di aggressori o sospetti aggressori ”.

Questa politica è stata costantemente sostenuta dai politici israeliani, molti dei quali sostengono l’esecuzione extragiudiziale dei palestinesi, ritenuti minacce dalle forze di sicurezza nei territori occupati

“Punizione collettiva”
Dopo la sparatoria, centinaia di familiari e amici si sono riuniti intorno alla casa degli Erekat ad Abu Dis per piangere la morte di Ahmad, che, secondo la sua famiglia, avrebbe sposato la sua fidanzata il mese successivo.

A otto mesi dalla sparatoria fatale, le autorità israeliane non hanno ancora rilasciato l’autopsia che dettaglia l’accaduto.

Né hanno restituito il corpo di Erekat alla sua famiglia.

Il giovane imprenditore è uno dei 70 palestinesi i cui corpi sono detenuti da Israele, una pratica che la FA chiama “punizione collettiva delle famiglie palestinesi”.

Israele ha adottato una politica di trattenere i corpi dei palestinesi uccisi dai suoi militari dal 1967. Si stima che da allora almeno 253 corpi siano stati tenuti nel “cimitero dei numeri” di Israele – mai restituiti alle loro famiglie per una sepoltura adeguata.

La pratica, che è stata ampiamente condannata dai gruppi per i diritti umani come una violazione del diritto internazionale, è stata riavviata nel 2015, quando Israele ha iniziato a detenere i corpi di dozzine di palestinesi accusati di attacchi e metterli in congelatori.

Mentre la politica era inizialmente focalizzata sul prendere di mira i politici affiliati ad Hamas, Israele iniziò ad applicarla ai palestinesi uccisi di qualsiasi – o meno – affiliazione politica, con il pretesto che la politica serviva da “deterrente” contro futuri attacchi.

“Questa è una politica eclatante che Israele definisce come una questione di sicurezza nazionale”, ha detto a MEE l’anno scorso Noura Erekat, un avvocato statunitense per i diritti umani, che è anche cugino di Ahmad.

“Dicono di voler trattenere questi corpi per lo scambio di prigionieri, ma le persone trattenute non sono prigionieri di guerra. Questi sono civili. “

Nel 2019, la Corte Suprema israeliana ha confermato la politica, affermando che i regolamenti di emergenza consentivano ai militari israeliani di ordinare la sepoltura temporanea dei corpi dei palestinesi classificati come nemici “sulla base di considerazioni che tengono conto della sicurezza dello Stato, dell’ordine civile e della necessità di negoziare per la restituzione delle salme dei soldati israeliani ”.

Al-Haq ha criticato la sentenza all’epoca, dicendo che “equivale a una pratica discriminatoria di sparizioni forzate, un trattamento crudele e disumano delle famiglie in lutto e ad un atto di punizione collettiva contro i palestinesi”.

“Immagina solo una morte tragica; è un momento di orrore inaspettato, fuori dal tuo controllo o previsione“, ha detto Noura Erekat.

“E dopo quella tragica morte, vedi le riprese dal vivo della sua esecuzione, poi lui muore dissanguato. Immagina all’indomani di tutto ciò, di non essere in grado di avere una chiusura “.

Najah, la madre di Ahmad, ha esortato la comunità internazionale a “intervenire e fare pressione su Israele”.

“Sono stanca”, ha detto a MEE l’anno scorso. “Le giornate sono dure, molto dure. Tutto quello che voglio è che torni da me. Adesso è in paradiso, ma io lo voglio qui.“

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/02/24/ahmad-erekat-luccisione-di-palestinesi-da-parte-di-israele-e-stata-esecuzione-extragiudiziale/

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.