Ahmad ha cercato di proteggere i passanti dai coloni violenti. È stato picchiato e incarcerato dai poliziotti israeliani

431

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto dall’inglese da Beniamino Rocchetto

I coloni si scatenano in una città palestinese, lanciando pietre, rompendo finestre. La polizia e i soldati israeliani osservano di lato, ma non fanno nulla per trattenere i coloni. I palestinesi che cercano di difendersi vengono picchiati e arrestati. Questa è la storia di Ahmad Shaaweet.

Di Gideon Levy e Alex Levac

Tutto è iniziato a causa di una bandiera. Una bandiera della Palestina è stata appesa a un palo dell’elettricità sulla strada principale di Hawara, una cittadina a Sud di Nablus. La strada, la Statale 60, è anche la principale strada che collega il Nord e il Sud della Cisgiordania sia per i palestinesi che per i coloni. La bandiera non era gradita a un gruppo di coloni che stavano percorrendo l’autostrada, quindi l’hanno strappata e gettata via.

In una regione occupata, dove il vasto numero di abitanti vede la bandiera della Palestina come bandiera nazionale e non vi è alcuna restrizione legale contro la sua esposizione; ma dove le bandiere dello Stato occupante sono onnipresenti e quasi tutti i segnali stradali portano i nomi di insediamenti ebraici, in quella regione ogni bastardo è un Re, come si suol dire, e ogni colono è signore della terra.

Gli incidenti sono iniziati a metà maggio. Quando i giovani di Hawara hanno scoperto che i coloni avevano rimosso la loro bandiera dalla strada, hanno deciso di lanciare la propria protesta. Il giorno dopo, hanno addobbato la strada principale della loro città con numerose bandiere palestinesi. Così iniziò la guerra delle bandiere ad Hawara. I giovani issano le loro bandiere, i coloni le fanno a brandelli e devastano tutta la città per punire i locali ribelli che non obbediscono agli ordini dei signori della terra. Nel frattempo, la polizia e l’esercito restano a guardare e solo in seguito sfogano la loro rabbia sui palestinesi, che stanno semplicemente cercando di difendere le loro proprietà. Anche i soldati israeliani si sono mobilitati per l’operazione di pulizia e hanno iniziato a strappare le bandiere, ovviamente senza alcun motivo legale per farlo. La polizia, dal canto suo, non esita ad effettuare arresti, ma solo tra i cittadini palestinesi, vittime delle violenze. È noto che anche gli agenti di polizia e i soldati picchiano occasionalmente la gente del posto. Dopotutto, l’ordine pubblico deve essere preservato.

Questo va avanti da più di quattro mesi, quasi ininterrottamente, con episodi di violenza frequenti, quasi quotidiani. Solo questa settimana, durante le festività di Rosh Hashanah, il capodanno laico israeliano, quando i coloni si sono tenuti lontani dalla città, sono tornati tranquilli, anche se solo momentaneamente. La storia di Ahmad Shaaweet dice tutto.

Questa settimana non abbiamo visto bandiere sulla strada principale di Hawara. Forse anche qui i palestinesi hanno ceduto. Nella spaziosa ma vuota sala del Consiglio di Hawara, abbiamo incontrato Shaaweet, vittima della violenza della polizia. Sposato e padre di due figlie, Shaaweet, 39 anni, lavora in un negozio di ricambi per auto sulla strada principale della città. Il suo braccio sinistro è ingessato. Lo scorso maggio, un residente locale ha fotografato un poliziotto che spruzzava i residenti con spray al peperoncino direttamente in faccia, durante una delle prime incursioni dei coloni qui a seguito di una bandiera issata. L’immagine parla da sé: poliziotti che spruzzano spray negli occhi di un residente che non sembra metterli minimamente in pericolo.

Lo scorso lunedì, 19 settembre, Shaaweet ha lasciato il negozio durante l’ennesimo attacco, per pranzare con i suoi colleghi, come faceva ogni giorno. Ha visto i coloni scagliare vari oggetti, tra cui sedie e tavoli, lanciare pietre contro le auto palestinesi sulla strada, fermare con la forza il traffico e mandare in frantumi le vetrine dei negozi.

Ricorda di aver visto un gruppo di coloni per strada lanciare oggetti contro le auto e circa 10 veicoli della polizia e dell’esercito parcheggiati nelle vicinanze. Gli abitanti iniziarono a radunarsi; le forze di sicurezza hanno sparato lacrimogeni per disperderli. Alcuni coloni hanno spruzzato spray al peperoncino sui palestinesi, mentre altri si sono diretti al ristorante dove Shaaweet si stava dirigendo, il Fast Meal, e hanno iniziato a lanciare sul pavimento contenitori di insalata situati sul bancone e a lanciare tavoli e sedie contro i passanti.

Shaaweet ha chiesto ai soldati di disperdere i rivoltosi che stavano aggredendo la gente del posto. Un palestinese disabile nelle vicinanze ha fotografato gli eventi con il suo cellulare. Un colono li ha aggrediti e ha spinto sia Shaaweet che l’uomo disabile. Poi alcuni soldati si sono uniti ai coloni iniziando ad attaccare le persone, ricorda. Un colono lo ha aggredito. Mentre Shaaweet cercava di respingerlo, vide avvicinarsi gli agenti di polizia. Era sicuro che avrebbero trattenuto i coloni e aiutato a porre fine agli assalti. “Sono con voi, ma fate attenzione ai coloni”, ha detto a un agente nel suo ebraico stentato.

In risposta, tuttavia, l’agente gli ordinò di spostarsi in una piazza vicina, dove iniziò a prendere a pugni Shaaweet. Altri poliziotti si sono uniti, trascinandolo in un punto dietro il loro veicolo, dove gli hanno ordinato di sedersi per terra, apparentemente per poterlo ammanettare. Nel frattempo, i coloni si sono avvicinati. Shaaweet aveva paura di restare lì, immobilizzato: rischiava di essere aggredito dai coloni. Disse agli agenti: “Se pensate che io sia una minaccia, allora ammanettatemi, ma non lasciatemi seduto per terra”.

Infuriati, gli agenti gli hanno afferrato il braccio destro, torcendolo con forza e bloccandolo dietro la schiena. Il dolore era atroce. Gli agenti hanno quindi iniziato a picchiarlo su tutto il corpo con il calcio dei fucili. Quando ha abbassato la testa per proteggersi, hanno colpito anche lui. La forza del colpo lo gettò a terra.

Gli agenti di polizia, apparentemente notando che il suo braccio sinistro era stato gravemente ferito in quel momento, gli hanno ammanettato le mani davanti. Gli hanno anche immobilizzato le gambe. La persona che mentre si recava a pranzo con i suoi colleghi ha cercato di difendere i passanti palestinesi, è stata arrestata. Nel frattempo, i coloni hanno continuato a scatenarsi, distruggendo la facciata del negozio del ristorante KFC in fondo alla strada e i finestrini di alcune auto. Nessuno li ha fermati. Shaaweet sedeva, immobilizzato e sofferente, per terra.

È stato quindi portato alla stazione di polizia nell’insediamento urbano di Ariel, dove è stato costretto a sedersi davanti a un condizionatore d’aria gelido. Il suo dolore aumentava. Aveva difficoltà a respirare perché alcune costole erano ammaccate. Fu solo dopo due ore che un agente di polizia israeliano si avvicinò a lui. Shaaweet chiese e ricevette un bicchiere d’acqua ma non riuscì a tenerlo in mano a causa del dolore. Si chinò, appoggiando il bicchiere sulle ginocchia e sorseggiandolo. (Ci mostra come ha fatto ma chiede di non farsi fotografare, perché pensa che sia umiliante.)

Shaaweet ha chiesto un medico e gli è stato detto che avrebbe dovuto prima essere interrogato. È stato portato in una cella di detenzione e gli è stato offerto il pranzo, che non riusciva a mangiare a causa del dolore. C’erano due letti nella cella, ma quattro detenuti palestinesi. Gli altri lo aiutarono a sdraiarsi su uno dei letti e lo coprirono. I suoi vestiti erano strappati e sporchi per la violenza che aveva subito.

Intorno alle 16 è stato portato nella stanza degli interrogatori. In un primo momento Shaaweet disse che non avrebbe seguito l’agente che era venuto a prenderlo a meno che non avesse ricevuto cure mediche, ma alla fine ha ceduto dopo che gli era stato promesso che un’ambulanza era in arrivo. Nella stanza degli interrogatori, i paramedici del servizio medico di emergenza della Croce Rossa israeliana lo hanno visitato. Gli dissero che se lo avessero portato in ospedale avrebbe dovuto pagarlo.

“Mi avete picchiato e portato qui, e volete che paghi?” disse agli agenti di polizia. “Denuncerò domani in tribunale tutto quello che mi è successo”.

Dopo alcuni negoziati, fu rilasciato su cauzione di 2.000 shekel (573 euro) e gli fu detto di chiamare i parenti per portare i soldi. Gli contestarono che era sospettato di aver aggredito agenti di polizia in servizio, che lo hanno accusato di aver aggredito uno di loro a gomitate. “Cosa indossate?” ha chiesto loro. “Indossate un giubbotto e un equipaggiamento protettivo per il corpo e avete un fucile. Se dovessi attaccare un agente a gomitate, vedreste dei segni sul gomito. Ha suggerito di controllare il suo gomito per verificare se ci fossero lividi.

“Chi dice la verità? Io o gli agenti?” chiese, al che gli ufficiali hanno ribattuto che era un bugiardo.

Abbiamo chiesto alla polizia israeliana: perché Shaaweet è stato arrestato, picchiato e gli sono state negate le cure mediche? Quanti coloni sono stati arrestati durante l’attacco? L’Unità del Portavoce della polizia, ignorando alcune delle domande, ha risposto: “A seguito di un disordine nel villaggio di Hawara, sono arrivate sul posto le forze di polizia e l’IDF. Mentre disperdevano i rivoltosi, un sospetto è stato arrestato. Quando è arrivato alla stazione di polizia, si è lamentato di non sentirsi bene ed è stato portato dalla Croce Rossa israeliana in ospedale per cure mediche. Le indagini sull’accaduto sono in corso. Naturalmente, non possiamo dare informazioni sulle indagini, ma continueremo a indagare per arrivare alla verità sulla questione”.

Contrariamente alla dichiarazione della polizia, la Croce Rossa non ha portato Shaaweet in ospedale per cure mediche.

Alle 19:15, Shaaweet chiamò suo cognato e gli chiese di portare i soldi della cauzione e riaccompagnarlo a casa. Il cognato lo portò all’Ospedale Rafidia di Nablus, dove gli furono radiografati la testa, il torace e il braccio sinistro. Gli furono riscontrati una commozione cerebrale, lividi intorno alle costole e una frattura al braccio. Tra due settimane verrà presa una decisione sulla necessità di un intervento chirurgico al braccio sinistro che comporterebbe l’impianto di una placca di platino.

Shaaweet non è ancora tornato al lavoro. Il giorno dopo l’incidente, i coloni si sono scatenati di nuovo nello stesso posto. Anche domenica, vigilia di Rosh Hashanah, hanno aggredito un camionista ad Hawara.

Salma a-Deb’I, ricercatrice sul campo per l’organizzazione per i diritti umani B’Tselem, ha documentato tutti gli attacchi ad Hawara dal 17 maggio, quando a quanto pare è iniziata la guerra delle bandiere.

Ad Hawara aspettano il 12 ottobre, primo giorno della raccolta delle olive, con una certa trepidazione. La gente del posto sa esattamente cosa aspettarsi nei loro oliveti. Anche lì non ci sarà nessuno a proteggerli.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso.

Alex Levac è diventato fotografo esclusivo per il quotidiano Hadashot nel 1983 e dal 1993 è fotografo esclusivo per il quotidiano israeliano Haaretz. Nel 1984, una fotografia scattata durante il dirottamento di un autobus di Tel Aviv smentì il resoconto ufficiale degli eventi e portò a uno scandalo di lunga data noto come affare Kav 300. Levac ha partecipato a numerose mostre, tra cui indiani amazzonici, tenutesi presso l’Università della California, Berkeley; la Biennale israeliana di fotografia Ein Harod; e il Museo di Israele a Gerusalemme. Ha pubblicato cinque libri.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.