al-Araqib: Israele demolisce un villaggio beduino palestinese per la 114esima volta

al-Araqib: Israele demolisce un villaggio beduino palestinese per la 114esima volta

Betlemme (Ma’an) – Le forze israeliane hanno demolito il villaggio beduino di al-Araqib nella regione del Negev del sud di Israele per la 114esima volta mercoledì mattina, e per la sesta volta quest’anno, in base all’agenzia di stampa dell’Autorità Palestinese (PA) Wafa.

al-Araqib – 14 giugno 2017

Wafa ha citato testimoni che hanno detto che i funzionari dell’Autorità di Israele per la Terra (ILA), accompagnati da polizia e bulldozer israeliani, hanno fatto irruzione nel villaggio di  al-Araqib e demolito tutte le case di lamiere della zona, che erano state costruite dai residenti del villaggio dopo la più recente demolizione nell’ incursione del mese scorso.

Un portavoce della polizia israeliana ha detto a Ma’an che non erano a conoscenza di eventuali incidenti in al-Araqib il mercoledì.

Al-Araqib è uno dei 35 villaggi beduini considerati “non riconosciuto” da parte dello Stato di Israele. Secondo l’Associazione per i Diritti Civili in Israele (ACRI), più della metà dei circa 160.000 beduini nel Negev risiedono in villaggi non riconosciuti.

Gruppi di destra dicono che la demolizione dei villaggi beduini non riconosciuti è una politica israeliana centrale volta a rimuovere la popolazione indigena palestinese dal Negev e a trasferirla nelle township suddivise dal governo in zone per fare spazio all’espansione della comunità israeliane ebraiche.

La classificazione dei loro villaggi come “non riconosciuti” impedisce ai beduini di sviluppare o espandere le loro comunità, mentre le autorità israeliane hanno anche rifiutato di collegare i non riconosciuti villaggi beduini alle reti di acqua e di energia elettrica nazionali, e hanno escluso le comunità dall’ accesso ai servizi sanitari e educativi.

Inoltre, ai residenti di al-Araqib è stato ordinato di pagare più di due milioni di shekel (circa $ 541.000) per il costo cumulativo delle demolizioni imposte dagli israeliani effettuate contro il villaggio dal 2010.

I villaggi beduini non riconosciuti sono stati stabiliti nel Negev subito dopo la guerra arabo-israeliana del 1948, in seguito alla creazione dello Stato di Israele. Molti dei beduini sono stati forzatamente trasferiti ai siti del villaggio durante il periodo di 17 anni , quando i palestinesi all’interno di Israele erano governati dal diritto militare israeliano, che si è concluso poco prima del cambio di gestione militare di Israele a Gaza e in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, nel 1967.

Ora più di 60 anni dopo, i villaggi devono ancora essere riconosciuti da Israele e vivono sotto continue minacce di demolizione e rimozione forzata.

Nel frattempo, le comunità ebraiche israeliane nel Negev continuamente si espandono, con cinque nuovi piani abitativi ebraici approvati l’anno scorso. Secondo un’indagine svolta dai gruppi per i diritti israeliani ACRI e Bimkom, due delle comunità approvate sono situate in zone dove già esistono villaggi beduini non riconosciuti.

Trad. Il popolo che non esiste – Roma

Fonte: https://www.maannews.com/Content.aspx?id=777646

 

 

al-Araqib: Israele demolisce un villaggio beduino palestinese per la 114esima volta

al-Araqib: Israele demolisce un villaggio beduino palestinese per la 114esima volta

Contrassegnato con i tag: , , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam