Algeria: brutalità dell’esercito contro nemici e innocenti

0

REDAZIONE 19 GENNAIO 2013

di Robert Fisk – 19 gennaio 2013

L’esercito algerino, ci è stato detto ieri pomeriggio dai soliti sospetti – alla televisione francese e negli Stati Uniti – “non è morbido con i terroristi” e ha “esperienza” nel “combattere il terrorismo”. Sin troppo vero, ma solo a metà. Perché non è “morbido” neppure con gli ostaggi. E’ spietato con i sequestrati quanto lo è con i sequestratori.

Il massacro dei buoni e dei cattivi nel sito di estrazione del gas di In Amenas, ieri, era perciò del tutto prevedibile, perché l’esercito algerino – il vero padrone della nazione – si è “sporcato di sangue” in una guerra civile che gli ha insegnato a curarsi degli innocenti tanto poco quanto si curava dei colpevoli.

Fu l’esercito algerino che inviò ufficiali dei servizi segreti a Damasco nel 1993 a imparare come Hafez el-Assad aveva distrutto gli islamisti di Hama undici anni prima, e che poi utilizzò le stesse tattiche per liquidare l’insurrezione islamista in Algeria.

Corre voce che ufficiali algerini abbiano visitato la Siria l’anno scorso per restituire il favore: insegnando all’esercito siriano – ora in lotta contro una rivolta molto più pericolosa – come gli algerini avevano vinto la loro guerra “sporca” contro il Gruppo Islamico Armato e i suoi affiliati di al-Qaeda.

Gli algerini avevano offerto la loro “esperienza” al tunisino Ben Ali appena prima del suo rovesciamento e avevano fatto lo stesso con i gorilla di Mubarak in Egitto.

Per quanto opaco possa sembrare agli stranieri l’esercito algerino, il suo mito fondamentale – di assoluta brutalità nei confronti del nemico, quale che sia il costo – era piaciuto al Pentagono e ai francesi che avevano entrambi mantenuto la loro collaborazione con l’élite dell’esercito a Cherchell, fuori da Algeri, negli anni ’90, quando sapevano perfettamente bene che i soldati e le forze paramilitari del paese si stavano abbandonando a un’orgia di torture.

Tre cose sono state certe la notte scorso a proposito del bagno di sangue algerino: che gli algerini attribuiranno l’intera responsabilità dell’uccisione degli ostaggi ai rapitori ispirati da al-Qaeda, che i governi occidentali i cui cittadini sono morti si dichiareranno d’accordo e che per mezzogiorno di oggi l’intera storia cambierà sino a diventare irriconoscibile. I primi ministri, i ministri degli esteri e le redazioni giornalistiche prestino attenzione.

La completa ignoranza da parte di David Cameron dell’intrinseca crudeltà del governo algerino ha indotto Downing Street a borbottare ieri alcune osservazioni stupide. Gli algerini, ha dichiarato, “sono sembrati decisi ad assumere la guida”.

Ci si può scommettere. Parlare con i sequestratori di ostaggi è per loro un anatema, al meglio un mezzo per logorare i rapitori prima di annientarli.

E sì, naturalmente, gli islamisti che hanno sequestrato così tanti ostaggi in Algeria vanno alla fine condannati per il massacro. Nessuna delle parti ha lasciato spazi; così gli ostaggi, gli astanti, i civili sono “danni collaterali” per entrambi gli schieramenti.

Da Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

Fonte: http://www.zcommunications.org/brutalised-algerian-army-is-as-ruthless-with-the-innocent-as-it-is-with-its-enemies-by-robert-fisk

Originale: The Independent

traduzione di Giuseppe Volpe

Traduzione © 2013 ZNET Italy – Licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0

http://znetitaly.altervista.org/art/9426

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.