All’orizzonte 9mila case per coloni mentre Hamas e Fatah si autocelebrano

adminSito  mercoledì 2 gennaio 2013 08:25

Il premier israeliano Netanyahu da un lato si proclama a favore della soluzione dei 2 Stati e dall’altro si esclude qualsiasi concessione. Unica certezza la colonizzazione.

di Michele Giorgio – Il Manifesto 

Gerusalemme, 2 gennaio 2013, Nena News – Mentre la famiglia Shamasneh di Sheikh Jarrah (Gerusalemme Est), dieci persone tra cui sei bambini, passava la notte di Capodanno fuori dalla propria abitazione (ci viveva dal 1963) dopo essere stata costretta ad abbandonarla su ordine della polizia per far posto a coloni israeliani (una sorte già subita in quel quartiere dagli Hanoun, Al-Ghawi e al Kurd), a un paio di chilometri di distanza, a Beit Hanina, due famiglie palestinesi allargate (hamael) non trovano niente di meglio da dare per segnare l’anno nuovo che spararsi e accoltellarsi tra di loro per futili motivi: una faida costata la vita a un giovane di 22 anni e la distruzione di ben sei abitazioni date alle fiamme.

Colonna sonora di questa follia sono state le dichiarazioni dei leader palestinesi di Gaza e Cisgiordania. I primi, i dirigenti di Hamas, che per «meriti conquistati sul campo di battaglia con Israele» si propongono di «amministrare» quel misero 14% della Cisgiordania che, 19 anni dopo la firma degli accordi di Oslo, controlla l’Autorità nazionale palestinese di Abu Mazen. Quest’ultimo, da parte sua, vede nel 2013 l’anno della «libertà per il popolo palestinese, la liberazione dei suoi figli detenuti in Israele e il ritorno dei profughi nella loro Patria». Enfasi per il 48esimo anniversario della fondazione di Fatah, per decenni il principale movimento palestinese ma che da qualche anno rincorre Hamas. Fatah ora si prepara alle grandiose celebrazioni – venerdì nel centro di Gaza city – per l’anniversario della sua fondazione autorizzate per la prima volta dal 2007 dal governo del movimento islamico.

Tripudio di bandiere verdi e gialle
Good Morning Palestine, sveglia leader palestinesi. Il tripudio di bandiere verdi qualche settimana fa per l’anniversario di Hamas e gialle di Fatah in questi giorni, non riflette la realtà sul terreno. Il 2013 comincia sotto i peggiori auspici per le aspirazioni palestinesi. In Israele, dopo le elezioni del 22 gennaio, vedrà con ogni probabilità la luce il governo più schierato a destra della storia del paese. Esecutivo che, in continuità con quello in carica, proseguirà la massiccia campagna di colonizzazione della Cisgiordania e, in particolare, di Gerusalemme Est scattata dopo l’accoglimento della Palestina all’Onu come Stato osservatore. Con oltre 9.000 case per coloni già in fase di progettazione o costruzione, il premier Netanyahu ha chiarito molto bene a quale Stato di Palestina si riferisce quando riafferma, come ha fatto l’altro giorno all’università Bar Ilan, il suo sostegno alla «soluzione di pace» dei due Stati. Il mese scorso, nel giro di appena sette giorni, le autorità israeliane hanno velocizzato tutto il percorso di approvazione di vari progetti, ponendo le basi per la costruzione in tempi stretti di 5.000 appartamenti a Gerusalemme est e della prima nuova colonia (Givat Hamatos) negli ultimi 15 anni. «Cinquemila appartamenti che si aggiungono ai 4mila già in costruzione, si tratta di un processo che non ha precedenti per ampiezza e velocità e che è palesemente volto a silurare qualsiasi accordo di pace con i palestinesi», spiega Daniel Seidemann, esperto di costruzioni a Gerusalemme.

Se Dio vuole continuiamo 
Novemila case che aumenteranno del 20% le già esistenti 50mila abitazioni per coloni a Gerusalemme Est, il settore palestinese della Città Santa occupato militarmente da Israele 45 anni fa. «Se Dio vuole continueremo a vivere e a costruire a Gerusalemme che rimarrà unita sotto la sovranità israeliana», ha detto qualche giorno fa ad un comizio elettorale Netanyahu ribadendo che Israele non restituirà il settore Est della Città Santa che i palestinesi vorrebbero proclamare capitale del loro Stato. Sono con lui, secondo i sondaggi, gran parte degli israeliani che non considerano Gerusalemme Est occupata e chiamano le colonie ebraiche costruite dopo il 1967 nel settore arabo della città «quartieri, rioni» (ad onore del vero anche gran parte dei media italiani lo fanno, incuranti delle risoluzioni internazionali). Il premier israeliano ieri ha ribadito che «non farà concessioni». Partecipando ad una sessione di studi biblici ha spiegato il suo punto di vista. «In Egitto è cambiato il regime – ha detto -, in Siria il regime è stato scosso e questo potrebbe accadere anche all’Autorità nazionale palestinese (Anp) in Giudea e Samaria (la Cisgiordania occupata, ndr)»… «Tutti sanno che Hamas prenderà il controllo dell’Anp. Potrebbe accadere dopo o anche prima di un accordo… perciò mi oppongo a chi mi chiede di accelerare, di fare concessioni… altrimenti sorgerà una terza base per il terrorismo iraniano», ha aggiunto Netanyahu riferendosi ad Hamas e Hezbollah.

Non si capisce a quale Stato palestinese faccia riferimento il primo ministro israeliano quando riafferma il suo sostegno alla soluzione dei due Stati. Nena News

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=45925&typeb=0&All-orizzonte-9mila-case-per-coloni-mentre-Hamas-e-Fatah-si-autocelebrano

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam