Amira Hass // LA MORTE DI UN OPPOSITORE DI ABBAS DURANTE LA DETENZIONE PALESTINESE ALIMENTA IL DISGUSTO VERSO IL SUO GOVERNO

390

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/43204

26/06/2021

L’Autorità Palestinese e le sue agenzie di sicurezza non sono in grado di riparare il loro approccio sprezzante e distaccato nei confronti del proprio popolo

Fonte: English version

Di Amira Hass – 25 giugno 2021 

Foto di copertina: Una protesta a Ramallah giovedì dopo la morte del dissidente Nizar Banat sotto la custodia delle forze di sicurezza palestinesi. Credito: Mohamad Torokman / Reuters

Nizar Banat, un attivista politico che da anni critica l’Autorità palestinese (AP), è morto giovedì poco dopo essere stato arrestato dalle forze di sicurezza palestinesi. Le migliaia di palestinesi che hanno manifestato in Cisgiordania dopo la sua morte hanno affermato che si è trattato di un assassinio politico.

In realtà, il suo arresto crudo e violento suggerisce che il piano potrebbe non essere stato quello di ucciderlo, certamente non in questa fase, ma solo per dissuadere lui e gli altri di non osare criticare l’AP.

Dopotutto, maggiore è il disgusto e la repulsione per un regime autoritario impopolare che non cambierà, più sfacciati sono gli avvertimenti e i metodi di dissuasione di quel regime. Cioè, l’arresto di Banat e la violenza sono stati pianificati e calcolati, ma non il risultato: la sua morte.

La mancanza di moderazione delle forze di sicurezza indica che Banat era stato a lungo percepito come una spina nel fianco. Le forze di sicurezza palestinesi, controllate da potenti personaggi del movimento Fatah, sono la spina dorsale dell’Autorità Palestinese e del governo del presidente Mahmoud Abbas.

Non proteggono il loro popolo dagli attacchi dei coloni e dalle invasioni dell’esercito israeliano. Invece, assicurano l’esistenza dell’AP e l’agiatezza in cui vivono i massimi funzionari e politici, la nomenklatura, nonostante le critiche e i loro fallimenti politici, e la continua oppressione israeliana degli espropri di terra facilitata dal coordinamento della sicurezza con l’AP.

Banat è stato arrestato prima dell’alba giovedì non nella sua casa nella città di Dura ma nella casa dei suoi cugini a Hebron in area H2, la parte di Hebron sotto il controllo della sicurezza israeliana. In questa parte della città le forze di sicurezza palestinesi devono chiedere agli israeliani il permesso di effettuare arresti e coordinare l’ingresso di personale armato con l’esercito israeliano e il Coordinatore delle Attività Governative israeliane nei Territori (COGAT).

Una foto del dissidente Nizar Banat portata a una manifestazione a Ramallah.  Credito: Mohamad Torokman / Reuters

Banat si è recentemente considerato “braccato” dall’Autorità Palestinese, ha detto ad Haaretz un suo amico che vive a Dura. Ha detto che Banat si era trasferito temporaneamente in H2. Il 2 maggio sono stati sparati colpi e granate stordenti contro la sua casa a Dura. La sua casa è vicino al tribunale, quindi non mancano le guardie di sicurezza palestinesi nella zona.

Presumibilmente chiunque abbia sparato a casa di Banat si sentiva protetto e sicuro. Banat aveva quattro figli, il più piccolo di 4 mesi. Lo prese come un avvertimento. Apparentemente sperava che le forze di sicurezza palestinesi non si sarebbero preoccupate di arrestarlo in area H2, o avrebbero avuto difficoltà a ottenere il permesso di Israele per farlo. Si sbagliava.

La sparatoria ha seguito aspri scontri verbali tra Fatah e membri dell’AP e Banat, perché ha osato criticarli per il coordinamento della sicurezza con Israele, la corruzione e il clientelismo, e per quelli che vedeva come interessi personali anteposti al bene del popolo.

Nei giorni scorsi si è concentrato sull’accordo annullato in cui Israele avrebbe dato all’Autorità Palestinese i vaccini Pfizer-BioNTech che stavano per scadere, in cambio di nuovi vaccini che Israele avrebbe dovuto ricevere all’inizio del prossimo anno e che originariamente erano destinati al territorio palestinese. Come molti palestinesi, Banat trovava difficile credere che gli interessi finanziari personali delle figure di spicco non fossero dietro questo goffo accordo. La mancanza di trasparenza ha solo rafforzato i suoi sospetti.

L’avversione del popolo palestinese per l’AP, i suoi alti funzionari e il loro modus operandi e prestazioni continuano a ribollire sotto la superficie. Occasionalmente scoppiano in manifestazioni e si riflettono in conversazioni casuali e post sui social media. Presumibilmente la maggior parte delle persone sceglie con attenzione le proprie parole perché i funzionari della sicurezza dell’Autorità Palestinese arrestano le persone per tali dichiarazioni.

Banat non è stato attento. Nei video di se stesso che ha pubblicato su Facebook, il disgusto, la ripugnanza e la rabbia erano evidenti sul suo volto, nelle sue parole e nel modo in cui le pronunciava. Imperterrito da arresti e avvertimenti, ha continuato a scagliarsi contro l’Autorità Palestinese.

A novembre è stato arrestato e processato dopo aver criticato aspramente il Ministro degli Affari Civili Hussein al-Sheikh, la controparte del coordinatore del COGAT israeliano, e l’AP per aver ripreso il coordinamento della sicurezza con Israele. Ma il tribunale palestinese lo ha rilasciato.

Banat, che ha lavorato come pittore e decoratore, non ha smesso di colpire l’Autorità Palestinese anche dopo la sparatoria del 2 maggio. Era un candidato del partito Libertà e Dignità che aveva in programma di candidarsi alle elezioni del 22 maggio cancellate da Abbas. I preparativi per il voto e la cancellazione hanno fornito maggiori opportunità di critica.

Secondo testimonianze raccolte giovedì dal Centro Palestinese per i Diritti Umani, intorno alle 3 del mattino la finestra al piano terra del condominio di Majdi Banat a Hebron era rotta. Nizar Banat e i suoi parenti Mohammed e Hussein, i figli di Majdi, dormivano nella stanza. Due uomini armati in abiti civili sono entrati dalla finestra e hanno spruzzato uno spray al peperoncino su tutti i presenti. Uno dei due aprì la porta della stanza ed entrarono altri uomini della sicurezza, tra cui tre sui cui indumenti erano impresse le parole “Sicurezza Preventiva Palestinese”.

I membri della famiglia hanno stimato che all’arresto abbiano preso parte 20 agenti della sicurezza. Dopo averli spruzzati con spray al peperoncino, alcuni di loro hanno percosso Banat con gli sfollagente. Uno ha anche colpito Banat alla testa con una sbarra di metallo, mentre altri puntavano le armi contro i fratelli Hussein e Mohammed impedendo loro di intervenire. Membri della famiglia raccontano che circa sette minuti dopo, gli agenti di sicurezza trascinarono via Banat, senza vestiti, continuando a picchiarlo mentre urlava agonizzante.

Gli uomini della sicurezza hanno confiscato il telefono e il portatile di Banat; circa un’ora dopo arrivò l’annuncio della sua morte all’Ospedale Governativo di Hebron. La sua morte ha suscitato sgomento e proteste, sia virtuali che fisiche. L’AP ha annunciato la creazione di una commissione d’inchiesta governativa, ma sembra che sia l’AP che le sue agenzie di sicurezza non siano in grado di riparare il loro approccio sprezzante e distaccato nei confronti del loro popolo, che vive sotto il peso dell’occupazione israeliana.

Amira Hass è corrispondente di Haaretz per i territori occupati. Nata a Gerusalemme nel 1956, Amira Hass è entrata a far parte di Haaretz nel 1989, e ricopre la sua posizione attuale dal 1993. In qualità di corrispondente per i territori, ha vissuto tre anni a Gaza, esperienza che ha ispirato il suo acclamato libro “Bere il mare di Gaza”. Dal 1997 vive nella città di Ramallah in Cisgiordania. Amira Hass è anche autrice di altri due libri, entrambi i quali sono raccolte dei suoi articoli.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

La morte di un oppositore di Abbas durante la detenzione palestinese alimenta il disgusto verso il suo governo

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.