Amira Hass: PRIVAZIONE DEL SONNO E CELLA FREDDISSIMA. UNA DONNA PALESTINESE VIENE INTERROGATA DA ISRAELE

0

Sintesi personale 

  donne palestinesi e arabe

Articolo in lingua inglese qui 

Una frase sentita da Lama Khater, durante il periodo in cui fu interrogata dal servizio di sicurezza di Shin Bet, la aiutò a resistere. “Nessun interrogatorio dura per sempre“, le disse il rappresentante della Croce Rossa, che la vide per la prima volta circa due settimane dopo il suo arresto.

Come ha sottolineato Khater il mese scorso a casa sua a  Hebron  in  CisgiordaniaAnche se in quel momento sentivo  che l’interrogatorio sarebbe durato per sempre e il tempo nel reparto Shin Bet nella prigione di Ashkelon si era fermato, la frase è diventata un’ancora per me, una chiave per ricordare che il tempo non si ferma e non si ferma qui.” Khater è stata arrestata il 24 luglio 2018 e immediatamente trasferita per l’interrogatorio dello Shin Bet , durato 35 giorni.

L’arresto non è stato una sorpresa.

Scrive articoli altamente critici nei confronti dell’Autorità Palestinese e del suo coordinamento sulla sicurezza con Israele, sostenendo il  diritto di resistere all’occupazione israeliana. Non si aspettava un interrogatorio così lungo finalizzato ad  avere informazioni da lei e  a farle ammettere  di svolgere attività civili (non militari)  con HamasNon si aspettava un interrogatorio che includesse la privazione del sonno, l’essere dolorosamente ammanettata per molte ore ogni giorno, l’essere messa in una cella maleodorante con un condizionatore d’aria gelida e poi in una cella ancora più maleodorante (n. 8 ) dove il rubinetto forniva solo acqua marrone arrugginita.

“Avevo dolori intestinali”, dice. “Mi sono lamentata dell’acqua, ma l’interrogatore ha risposto: ‘La Croce Rossa controlla l’acqua e va bene. Proprio come nelle carceri dei paesi arabi’”. 

Khater, 43 anni, del villaggio di Ein Siniya vicino a Ramallah, ricorda i nomi della maggior parte dei suoi interrogatori: “Dov, il maggiore Yehiya,  capo della sezione degli interrogatori, Haroun, Marcel, Russo, Rino, Binji, Johnny,  vice  di Yehiya, il colonnello Itzik, che viene ogni domenica e si è rivolto a me in modo molto minaccioso. Inoltre c’era il generale Herzl, che affermava di essere responsabile di tutti i centri specializzati per gli interrogatori  in Cisgiordania e “Mirol” o qualcosa del genere. Forse non ho capito del tutto il nome.

Khater afferma che la Croce Rossa ha cercato di garantire che una donna fosse presente nella stanza degli interrogatori, come richiesto dalla legge. “Sì, c’era sempre una donna nella stanza. Le donne venivano sostituite ogni due ore, giorno e notte. Si sedevano dietro il tavolo e guardavano i loro cellulari. Di tanto in tanto una di loro aveva un libro. Il maggiore Yehiya ha anche sottolineato che erano lì  solo per giocare con i loro cellulari.  Voleva  dire che con il mio silenzio stavo facendo sprecare risorse. A volte c’era un interrogatore nella stanza, a volte due, a volte tre. Durante il giorno l’interrogatorio avveniva in stanze diverse, al primo piano, di notte  nel seminterrato. L’interrogatore si sedeva dietro la sua scrivania e poi prendeva la sedia e si sedeva proprio di fronte a me. Gli dicevo di allontanarsi. Infatti, per motivi religiosi non gli era permesso avvicinarsi così tanto. Durante il periodo degli interrogatori è stata portata da un medico tre volte – una volta quando l’interrogante ha visto che stava per svenire e due volte su sua richiesta. Una di quelle volte fu “quando avevo le mestruazioni, quindi forse è per questo il mal di schiena era più insopportabile del solito”

Il dottore, un uomo di circa 60 anni la rimandò nella stanza degli interrogatori. Mentre Khater e io parlavamo nel suo salotto, suo figlio di 3 anni Yihya correva ridendo e saltando da una sedia all’altra, non toccato dall’argomento della nostra conversazione. La fotografia di sua madre che lo abbraccia nella notte in cui è stata arrestata, è diventata un’altra icona palestinese.

L’arresto, che ha avuto luogo alle 2 del mattino, non è stato particolarmente aggressivo. Fakhouri, il marito di Khater, ricorda che sono venuti circa 20 soldati armati e mascherati oltre all’ufficiale dello Shin Bet con il volto coperto. Ha chiesto dove fosse Lama e ha anche chiesto il suo cellulare e computer. Nonostante le sue obiezioni una donna soldato l’ha sottoposta a una perquisizione del corpo senza ordinarle di  spogliarsi completamente. Le è stato chiesto se era incinta e se aveva qualche malattia. Ha detto di essere anemica  e le è stato permesso di prendere le sue pillole.

E’ stata quindi condotta  in una base militare con molti soldati, dove le è stato permesso di pregare, poi portata in una clinica.  Al mattino è stata trasferita – ancora non ammanettata – in una base dell insediamento di Gush Etzion. Lì è stata sottoposta a un’altra perquisizione del corpo e, per la prima volta, bendata, ammanettata e messa in una “bosta” – il veicolo usato per trasportare i detenuti dalle  prigioni al  tribunale.

Quello è stato il momento più difficile. Ti fanno sedere su un sedile all’interno di questa stretta scatola di ferro. Sono stata trattenuta lì per circa due ore prima che l’auto iniziasse a muoversi. Canzoni ebraiche ad alti decibel mi frastornavano. ”Durante il viaggio la radio è stata spenta, ma la sua testa urtava contro le pareti di ferro. Il veicolo si è fermato nella prigione di Shikma ad Ashkelon. Quando la benda le è stata tolta, ha visto che l’orologio al polso di un ufficiale di polizia segnava le 14:30.

Ancora una volta è  stata sottoposta a un’ispezione corporale “non nuda”, Poi  è stata condotta  in una stanza  per gli interrogatori  fino alle 3 del mattino. Le  è stato mostrato anche un pezzo di carta con l’elenco dei suoi diritti: una doccia quotidiana, l’uso del bagno e il diritto al silenzio.“Mi hanno fatto sedere su una sedia fissata al pavimento, alta quanto le sedie usate  in una scuola elementare. Le mie mani erano legate con delle manette di ferro alla sedia. Quando mi sono rifiutato di fornire la mia password e-mail, l’ ‘agente dello  Shin Bet, mi ha detto: “Okay, sei solo all’inizio dell’interrogatorio”. Le ha chiesto delle sue attività per Hamas e lei ha risposto di non aver legami con Hamas. “Non ti stiamo arrestando per quello che hai scritto ma per quello che hai fatto”. Tuttavia, per l’intero periodo dell’interrogatorio, mi hanno posto domande su quanto avevo scritto risalendo anche a 19 anni prima”, afferma Khater.

“Ho specificato che che non rinnegavo quello che avevo scritto, ma mi sono rifiutato di attribuirmi l’appartenenza ad Hamas. L’interrogatore mi disse che ero bugiarda  e se avessi continuato a negarlo saremmo andati a un livello più alto di interrogatorio. Ha minacciato di non lasciarmi andare al bagno. Ho menzionato il documento sui diritti che mi avevano mostrato e lui si è arrabbiato, affermando che non avevo il diritto di dire a un ufficiale dello Shin Bet  ciò che poteva o non poteva fare. Disse che aveva lavorato per 15 anni nella Shin Bet e  solo quattro o cinque persone non avevano confessato in un interrogatorio da lui gestito. Era Dov. 

Dopo di lui è arrivato HarounMi hanno detto: “Se confessi, ti faremo parlare con la tua famiglia, ti metteremo in una cella migliore. Molte persone hanno cercato di non confessare e dopo 10-15 giorni lo hanno fatto. Salvati. In quel primo giorno di interrogatorio il maggiore Yehiya mi  disse: ‘Sei un individuo e  noi rappresentiamo uno stato. Tutte le agenzie di intelligence del Medio Oriente vengono e imparano da noi. L’individuo ha un’energia limitata. Non importa quanto fingi di essere una combattente, ti indebolirai. L’individuo non può resistere a uno stato.” Alle 3:30 del mattino, 25 ore dopo il suo arresto, è stata posta  in isolamento. “Tre metri per due, forse meno. Il buco per il bagno era dentro e molto sporco. L’acqua del rubinetto gocciolò per cinque secondi, quindi si fermò. Sul pavimento c’era un materasso sottile con tre coperte: una come cuscino e due per coprirmi. Faceva tremendamente freddo perché il condizionatore d’aria funzionava alla temperatura più bassa. Mi sembrava che fosse inverno. La luce era sempre accesa. Ho preso cibo tre volte al giorno, piatti difficili da mangiare.” 

Dopo la prima notte in isolamento, una donna soldato l’ha condotta, ammanettata e con gli occhi coperti, di nuovo nella stanza degli interrogatori. Ancora una volta sulla sedia bassa, con le mani ammanettate dietro la schiena:  Ti lasceremo qui per sei mesi. Porteremo qui i tuoi figli se non parli, ti rovineremo la vita. “Nei primi giorni l’interrogatorio si prolungava per  10 ore al giorno” e all’epoca ne sentivo la pesantezza. Mi hanno lasciato andare in bagno quando ho chiesto ciò. Avrei potuto chiedere di farmi una doccia. La doccia è in una cella di isolamento separata, ma non ti fa venir voglia di usarla perché è sporca e la pressione dell’acqua è debole e l’acqua è fredda. 

Nei primi giorni mi hanno anche permesso di tornare nella cella di isolamento nel pomeriggio, aggiungendo che ‘non avevo ancora visto niente’ ”. Più tardi hanno iniziato a interrogarla per circa 20 ore al giorno, e questo è andato avanti per due settimane e mezza – dalle 7:00 alle 2:30, sempre ammanettata alla sedia.“Mi portavano il cibo lì. Aprivano  le manette quando mangiavo o  e pregavo. Quando chiedevo di andare in bagno, mi concedevano fino a cinque minuti.  Se ritenevano che stavo impiegando troppo tempo, la donna soldato apriva la porta. La cosa più difficile è stata durante il mio periodo. Mi imbarazzava chiedere di andare in bagno. Avevo portato con me assorbenti da casa, me li hanno presi e me ne hanno dato altri di scarsa qualità.”

Anche quando tornava nella cella, non riusciva a dormire. Qualcuno, fuori dalla cella, batteva contro il muro, le vertigini, il dolore alla testa e al collo la tenevano sveglia.

“Gli interrogatori,quando vedevano che stavo crollando sulla sedia, dicevano: ‘Se vuoi dormire, confessa. Altrimenti sarà più difficile. Se vuoi riposare, sai cosa fare.’ E così giorno dopo giorno. Il mio cuore batteva più forte di giorno in giorno. Non potevo camminare, raddrizzare la schiena. Lo sfinimento e il dolore alla schiena e alla testa erano sempre presenti. 

La cosa più difficile da sopportare è stata la privazione del sonno. Quando mi sono appisolata un po’, l’interrogatore ha minacciato di trasferirmi in una cella di isolamento più dura.”  Era  la cella n. 8 dove, per alcuni giorni, lei è stata mandata durante le brevi pause tra gli interrogatori.

Ricorda l’ interrogatore di nome Marcel: “ In  ognuna delle sue sessioni sono stata insultata. Mi disse: “Tuo nonno era sicuramente tra quelli che massacrarono ebrei a Hebron nel 1929”. Risposi che la mia famiglia non era di Hebron. “Allora sicuramente  era il nonno di tuo marito” .

Sostenevano che ero responsabile della sezione comunicazioni di Hamas, che avevo organizzato corsi politici per resistere agli interrogatori. Ho risposto: ‘Come posso allenarmi in qualcosa che non ho sperimentato?’”

Dopo 35 giorni di interrogatorio Khater viene trasferita nella prigione di Damun con altre donne di Hebron, arrestate con l’accusa di essere membri del comitato femminile di Hamas.

Il suo processo è durato a lungo perché non ha confessato. Alla fine, a giugno, ha raggiunto un patteggiamento con l’accusa militare che ha ridotto le accuse ed è stata condannata per “servizio in carica per un’associazione illegale“.

È stata condannata a 13 mesi di carcere e a  una multa di 4.000 sicli ($ 1.150). Tre settimane prima della sua liberazione, il 26 luglio, suo figlio, uno studente, è stato arrestato per sospetto di associazione con Hamas.

Lo Shin Bet non ha risposto alla domanda di Haaretz :” Come mai  la privazione del sonno e le posizioni dolorose non sono considerate torture illegali?

 

 

 

Amira Hass: PRIVAZIONE DEL SONNO E CELLA FREDDISSIMA. UNA DONNA PALESTINESE VIENE INTERROGATA DA ISRAELE

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/10/sintesi-personale-una-frase-sentita-da.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.