AMNESTY INTERNATIONAL CONTRO IL PIANO BEGIN-PRAWER

19 luglio 2013

Israele: le demolizioni di case beduine nel deserto del Negev devono finire immediatamente

immagine1


18 luglio 2013

Israele deve fermare immediatamente tutte le demolizioni delle case dei beduini arabi in comunità nel deserto del Negev / Naqab che il governo si è rifiutato di riconoscere ufficialmente, Amnesty International ha dichiarato, dopo la notizia che il villaggio di
al-‘Araqib è stato nuovamente raso al suolo dalle autorità per le terre.

“Le autorità israeliane devono fermare le demolizioni in queste comunità e cambiare rotta completamente per garantire il diritto a un alloggio adeguato di tutti i cittadini”, ha dichiarato Philip Luther, direttore del Programma Africa del Nord e Medio Oriente di Amnesty International .

” Il piano Prawer-Begin del governo israeliano porterebbe allo sgombero forzato di decine di migliaia di cittadini beduini arabi di Israele. Il piano è di per sé discriminatorio, vola a fronte degli obblighi internazionali di Israele e non può essere accettato in nessun caso. “

I bulldozer della Amministrazione per la Terra di Israele, accompagnati da una grande forza di polizia e pesantemente armata con più di 60 veicoli, sono arrivati ad al-‘Araqib martedì mattina presto e hanno cominciato a distruggere 15 baracche, spianando in modo efficace il villaggio e spostando 22 famiglie.
Il villaggio, che non è mai stato riconosciuto ufficialmente dalle autorità israeliane nonostante le dichiarazioni di lunga data dei residenti sulle loro terre, è stato demolito più di 50 volte negli ultimi tre anni. Ogni volta, i residenti hanno cercato di ricostruire le loro case, erigendo rifugi di fortuna sullo stesso terreno.

“Abbiamo il diritto di rimanere qui, la nostra lotta è continuata per generazioni e noi perseveriamo”, ha detto Aziz al-Turi, un abitante del villaggio. “I nostri nonni sono sepolti in questa terra. Noi continueremo a ricostruire e a dimostrare per difendere il nostro diritto di vivere qui. “

L’ultima demolizione è venuta un giorno dopo le proteste di massa che sono state organizzate in tutta Israele, nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza, contro la proposta di “Legge per la regolarizzazione abitativa dei beduini nel Negev” . Questa legge dovrebbe prevedere lo sgombero forzato di oltre 30.000 abitanti dai 35 “non riconosciuti” villaggi beduini nel deserto del Negev. In alcune zone, tra cui Be’er Sheva e Sakhnin, la polizia israeliana ha fatto uso eccessivo della forza contro i manifestanti pacifici che si oppongono al piano.

Tutta la costruzione in questi villaggi è considerata illegale dalle autorità israeliane, e i loro 70.000 abitanti mancano i servizi di base, tra cui l’acqua e l’elettricità.

Amnesty International chiede alle autorità israeliane di rottamare il progetto di legge , che dovrebbe portare ad un aumento massiccio di demolizioni di case in queste comunità. Anche se il progetto ha superato solo la prima lettura alla Knesset (parlamento), la Land Administration di Israele demolisce regolarmente case e altre strutture in questi villaggi, senza ostacoli. Più di 120 abitazioni e altre strutture in questi villaggi sono state demolite negli ultimi cinque mesi.

“Le demolizioni ripetute ad al-‘Araqib e in altri villaggi mostrano che il piano Prawer-Begin viene attuato sulla terra, nonostante il fatto che il disegno di legge è ancora in corso alla Knesset e che le comunità che saranno interessate ancora non sono state davvero consultate “, ha dichiarato Philip Luther.

“Il piano Prawer-Begin discrimina i beduini arabi, fornendo meno protezione per la propria terra e il diritto alla casa rispetto ad altri cittadini israeliani. La comunità internazionale deve esercitare pressioni sul governo israeliano perchè rispetti i suoi obblighi dei diritti umani all’interno dei suoi confini, così come nei territori palestinesi occupati. “

Per ulteriori informazioni:

Le proteste, il 15 luglio e le risposte delle autorità

Le proteste contro il piano Prawer-Begin e il progetto di legge israeliana hanno avuto luogo il 15 luglio nelle comunità palestinesi in Israele, così come nei territori palestinesi occupati. L’Alto comitato di monitoraggio per i cittadini arabi di Israele ha chiamato anche per uno sciopero generale.

Le forze di sicurezza israeliane e la polizia hanno fatto uso eccessivo della forza contro i manifestanti a Be’er Sheva e Sakhnin, mentre l’amministrazione de facto di Hamas ha impedito una manifestazione di giovani attivisti a Gaza City e l’Autorità palestinese ha impedito ai manifestanti di marciare da Ramallah verso l’insediamento israeliano illegale di Beit El.

A Be’er Sheva, la più grande città nel sud della regione di Israele del Negev, la polizia israeliana e le forze speciali di polizia hanno arrestato 14 manifestanti, tra cui due donne e due bambini. I delegati di Amnesty International Israele hanno osservato la protesta. I manifestanti erano pacifici, ma la polizia israeliana è piombata tra la folla a cavallo e ha usato la forza durante gli arresti. I manifestanti sono stati accusati di “aver aggredito un agente di polizia.”

In Sakhnin, nel nord di Israele, le forze israeliane hanno arrestato circa 14 manifestanti, tra cui tre donne e un bambino. Una delle donne arrestate era Fathiya Hussein, un’ attivista dei diritti umani che lavora presso Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele. Le forze di polizia israeliane sono passati tra i manifestanti a cavallo e hanno sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma contro i manifestanti.

A Gerusalemme Est occupata, le forze israeliane hanno arrestato almeno 10 manifestanti, alcuni dei quali erano bambini. Circa 12 manifestanti sono stati feriti quando le forze israeliane, tra cui uomini in abiti civili, hanno attaccato i manifestanti e i passanti.

Filmato che mostra l’impatto delle demolizioni in al-‘Araqib nel gennaio 2011:

http://www.amnesty.org/en/news/israel-demolitions-bedouin-homes-negev-desert-must-end-immediately-2013-07-18#.Ueh49PjxeSB.twitter

 

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste?ref=stream

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam