AMNESTY: ISRAELE HA PALESEMENTE VIOLATO GLI OBBLIGHI DI VACCINARE I PALESTINESI

0
216

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42327

 

A Palestinian man is helped by his son as he receives a vaccination against the coronavirus disease (COVID-19) as Israel continues its national vaccination drive, in East Jerusalem December 23, 2020. REUTERS/Ammar Awad

Il rapporto del gruppo per i diritti umani afferma che Israele non è riuscito a somministrare il vaccino a cinque milioni di palestinesi in Cisgiordania e Gaza, il che è un “esempio dell’estensione della discriminazione istituzionalizzata”.

English version 

Di Lee Harpin, 7 aprile 2021, 12:17

 

Amnesty International ha ipotizzato che Israele, con la sua politica di gestione dei vaccini Covid-19 nei confronti dei palestinesi,  “abbia violato in modo flagrante” i suoi “obblighi come potenza occupante ai sensi del diritto internazionale” .

Il rapporto annuale globale dell’ente di beneficenza per i diritti umani, pubblicato mercoledì, afferma che le autorità israeliane non sono riuscite a fornire vaccinazioni a cinque milioni di palestinesi nella Cisgiordania occupata e a Gaza quando è iniziata la campagna di vaccinazione nel dicembre 2020.

Il rapporto sullo Stato dei diritti umani nel mondo ha affermato che questo è stato “un chiaro esempio della portata della discriminazione istituzionalizzata in Israele e nei territori palestinesi occupati”.

Il Rapporto afferma: “Questo comportamento viola  in modo flagrante gli obblighi di Israele come potenza occupante ai sensi del diritto internazionale”.

Da dicembre Israele è diventato il primo paese al mondo per la percentuale dei  cittadini vaccinati contro il Covid-19.

A marzo Israele ha deciso di iniziare a vaccinare tutti i palestinesi che vengono a lavorare in Israele o negli insediamenti israeliani in Cisgiordania.

Ma per i palestinesi che vivono in Cisgiordania e Gaza – dove vivono circa cinque milioni di persone – il programma di vaccinazione è rimasto indietro.

L’Autorità Palestinese aveva annunciato di aver acquistato le proprie scorte di vaccino dalla Russia e non chiedeva assistenza agli israeliani.

In base agli accordi di Oslo, l’Autorità Palestinese è responsabile dell’assistenza sanitaria dei suoi cittadini. Sebbene una riga nell’accordo relativa alle malattie contagiose sia stata utilizzata per pensare che Israele ha la responsabilità di fornire i vaccini Covid.

L’ex capo del programma di vaccinazione israeliano Ronnie Gamzu è tra coloro che  sostengono che Israele dovrebbe  vaccinare contro il Covid una regione più ampia senza limitarsi ai suoi confine.

Il nuovo rapporto di Amnesty ha anche accusato le autorità israeliane di ricorrere a raid, molestie giudiziarie e divieti di viaggio per intimidire i critici pacifisti – tra cui l’attivista di Amnesty International Laith Abu Zeyad che continua a vedersi cancellati i suoi viaggi.

Amnesty ha anche accusato le autorità palestinesi in Cisgiordania e l’amministrazione de facto di Hamas nella Striscia di Gaza di continuare a reprimere il dissenso, anche soffocando la libertà di espressione e di riunione, attaccando i giornalisti e arrestando gli oppositori.

Il nuovo rapporto afferma anche che Israele ha continuato a compiere violazioni sistematiche, inclusi crimini di diritto internazionale, contro i palestinesi impunemente.

Ha affermato che l’ istruttoria presso la Corte penale internazionale stava ancora esaminando la questione della giurisdizione della corte nei territori occupati, il cui risultato potrebbe consentire all’Ufficio del Procuratore di aprire un’indagine sui crimini ai sensi del diritto internazionale.

Il rapporto afferma che Israele ha continuato a imporre una discriminazione istituzionalizzata contro i palestinesi che vivono sotto il suo governo in Israele e nei territori occupati, sfollando almeno 996 palestinesi in Israele e nella Cisgiordania occupata attraverso la demolizione di case.

Ha detto che a Gaza e nel sud di Israele sono scoppiate sporadiche esplosioni di ostilità armate tra Israele e gruppi armati palestinesi.

Israele “ha mantenuto il suo blocco illegale sulla Striscia di Gaza”, aggiunge il rapporto.

Il Rapporto globale 2020/21 di Amnesty ha affermato che la pandemia globale ha “smascherato la terribile eredità di politiche deliberatamente divisive e distruttive che hanno perpetuato disuguaglianza, discriminazione e oppressione e aperto la strada alla devastazione causata dal COVID-19 a livello globale e all’interno del Medio Oriente e del Nord. Africa (MENA).”

Ha affermato che il coronavirus ha anche aggravato la già vulnerabile situazione dei lavoratori migranti che sono vincolati dal sistema abusivo di kafala (sponsorizzazione*) in Bahrain, Giordania, Kuwait, Libano, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti).

Ha avvertito che i leader in MENA e in tutto il mondo hanno sfruttato spietatamente la crisi per continuare i loro attacchi ai diritti umani.

In Egitto, Iran e Arabia Saudita le autorità hanno rifiutato l’assistenza sanitaria come punizione, provocando alcuni decessi in Egitto.

“Il COVID-19 ha brutalmente smascherato e approfondito la disuguaglianza sia all’interno che tra i paesi e ha evidenziato lo sbalorditivo disprezzo dei nostri leader per la nostra umanità condivisa. Decenni di politiche divisive, misure di austerità sbagliate e scelte dei leader di non investire in infrastrutture pubbliche fatiscenti, hanno lasciato troppe facili prede di questo virus “, ha affermato Agnès Callamard, nuovo Segretario generale di Amnesty International.

“Affrontiamo un mondo allo sbando. A questo punto della pandemia, anche i leader più ingannevoli farebbero fatica a negare che i nostri sistemi sociali, economici e politici siano infranti“.

 

(*) La kafala prevede che il migrante, per trovare lavoro nel paese ospitante, si serva di un’agenzia preposta che lo metta in contatto con il futuro datore di lavoro, detto sponsor.  Perché si tratta di un ricatto? Perché la residenza del migrante all’interno del Paese è interamente legata al contratto di lavoro e al datore, che detiene la “proprietà” su di lui, trattenendo anche fisicamente i suoi documenti.

 

Trad. Invictapalestina.org

 

Amnesty: Israele ha palesemente violato gli obblighi di vaccinare i palestinesi

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.