Ancora arresti di bambini e il mondo resta a guardare…

0

Solo poche settimane fa abbiamo visto e rivisto quelle Ancora arresti di bambini e il mondo resta a guardare…
immagini dell’arresto di alcuni bambini ad Hebron, in quella Suhada Street che da tempo abbiamo scelto come meta del nostro fermarci solidale a dormire presso le famiglie della città-fantasma. Era il 2 maggio e l’unica colpa di Bilal e Ahmed era quella di voler andare a scuola. Ma per i coloni erano solo un facile bersaglio per un lancio di pietre che i soldati non avevano la minima intenzione di fermare. Tra le grida e le lacrime, i soldati israeliani hanno pensato di risolvere la questione arrestando i due piccoli dodicenni, salvo dover constatare che la mamma di Bilal era riuscita a liberare il figlioletto dal cellulare della milizia.

Ma non era certo un episodio isolato, infatti in questi giorni le famiglie di Osama e Yasser, due ragazzini del villaggio di Burqin, a Jenin, stanno impazzendo perché non hanno notizie dopo che i loro figli sono stati arrestati ad un posto di blocco a Jenin.

Sembra che i due ragazzini delle medie siano rinchiusi nel carcere di Megiddo e nonostante si siano mobilitati l’Unicef, il Comitato internazionale della Croce Rossa e Medici Senza Frontiere, il papà di Osama non riesce più ad entrare in casa, sperando che da un momento all’altro il piccolo possa ritornare ad abbracciare i suoi cari.

BoccheScucite

LR-8218

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.