Anshel Pfeffer: PER I PALESTINESI, DA HEBRON A NABLUS, L’ANNESSIONE C’È GIÀ VIAGGIO NEI TERRITORI OCCUPATI

0
462

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

PALESTINACULTURALIBERTA.ORG

Anshel Pfeffer da Haaretz nella foto una strada di Betlemme Credit: Mahmoud Illean

Mentre il mondo trattiene il respiro in attesa di vedere cosa farà Netanyahu sull’annessione, Haaretz incontra i palestinesi in Cisgiordania per sentire le loro opinioni diverse su ciò che riserva il futuro. Per molti, una cosa è certa: non importa se la chiami occupazione o annessione, autorità palestinese o stato palestinese

“Non ho sentito cosa faranno gli israeliani, e non me ne importa”, dice Arafat Shaludi, organizzando le vasche di plastica bianca riempite fino all’orlo di 20 tipi di verdure in salamoia colorate, vicino alla sua bancarella nel vecchio mercato di Hebron.

“Qui non cambierà la situazione”, aggiunge, indicando la rete metallica sullo stretto vicolo, che divide il mercato dal quartiere dei coloni ebrei. Dal suo punto di vista, non c’è differenza se la presenza israeliana si chiama “occupazione” o “annessione”.

Nella settimana in cui politici in Israele e nei territori palestinesi hanno trattenuto il respiro in attesa dell’annuncio di Benjamin Netanyahu in merito all’annessione di parti della Cisgiordania, nei luoghi reali che saranno influenzati dalla decisione del primo ministro, sembra esserci ben poca aspettativa.

In Cisgiordania, le reazioni dei comuni palestinesi a proposito delle implicazioni di ciò che è stato definito come una mossa storica e che cambia le carte in tavola, vanno dall’apatia all’incredulità.

A food vendor in Hebron's old market area.
Vendita di alimentari nel mercato di Hebron Credit: Mahmoud Illean

Il piano di pace di Trump potrebbe esseregià morto appena arrivato, con il rifiuto della leadership palestinese fin dall’inizioe il governo Netanyahu interessato solo ad attuare le parti che avrebbero visto Israele formalizzare il suo controllo su circa il 30% della Cisgiordania. Ma la visione contenuta nel piano di uno stato palestinese, costituita da decine di enclavi e micro-staterelli, riflette una realtà che esiste già sul campo.

La cosiddetta Autorità palestinese, che esiste ormai da 27 anni, non è un’entità territoriale: è un servizio amministrativo locale e un dipartimento di polizia, con vari gradi di controllo su più o meno le stesse città e villaggi, ognuno dei quali di fronte a diverse circostanze geografiche ed economiche, e ognuno dei quali si adatta a suo modo alla situazione politica.

Autorità Palestinese? Quale autorità palestinese? ” ride un medico di Hebron, che chiede che il suo nome non venga pubblicato perché “l’unica cosa che fanno bene è fare arresti. L’AP è un datore di lavoro e una milizia armata, non un governo. Qui a Hebron, sono meno importanti perché solo il 30 percento è loro dipendente. Ma a Ramallah, sono i tre quarti. Quindi sono preoccupati per l’annessione lì, perché potrebbe portare allo scioglimento dell’AP. A Hebron non facciamo affidamento sull’AP. Contiamo su noi stessi. “

I palestinesi sono a malapena ascoltati nella discussione sull’annessione che sta avvenendo principalmente tra i politici israeliani e le loro controparti americane. Ma anche quando vengono citati i palestinesi, di solito sono i soliti portavoce dell ‘AP o attivisti e dipendenti di una manciata di ONG e think tank. Quando provi ad andare oltre quel livello di professionisti, capisci rapidamente che non esiste un’unica posizione palestinese sull’annessione. Tutto dipende da dove vivi e da come ti guadagni da vivere.

Hebron: Business as usual

highway-60-Hebron

Ci sono due ingressi a Hebron, entrambi fuori dalla Route 60. Ognuno racconta una storia molto diversa. Quello più conosciuto ai giornalisti, agli attivisti internazionali e a quel tipo di ebreo della Diaspora che fa un giro sui territori occupati per salvarsi la coscienza inizia dall’insediamento di Kiryat Arba e continua nell’antica area di Hebron, dove i piccoli quartieri ebraici – con il loro presidio militare sovraccarico – hanno imposto chiusure permanenti su interi quartieri, lasciando appartamenti vuoti e negozi chiusi.

Delle poche bancarelle ancora aperte nei vicoli di Shuhada Street vicino all’insediamento, la maggior parte di quelli che non vendono cibo, si guadagna scarsamente da vivere vendendo “articoli tradizionali palestinesi” a visitatori stranieri. Le fotografie di gruppi sorridenti della premurosa solidarietà europea si allineano sui loro muri. Ma anche quel flusso di entrate si è esaurito a causa della pandemia: “Il coronavirus ha ucciso il turismo del conflitto”, afferma un proprietario di negozio. “Ora apro solo due volte a settimana per aerare il posto, ma non vedo un turista da quattro mesi. Forse se Israele annette e c’è qualche interesse politico, torneranno ”.

Hebron, the largest city in the West Bank. If the future of the West Bank is as a series of city-states, Hebron feels the best prepared.
Hebron, la città più grande della West Bank. Se il suo futuro sarà una serie di città stato, Hebron si sente la più preparata .Credit: Mahmoud Illean

Poi c’è laltro ingresso per ‘Hebron, dove non vedi israeliani ma ci sono molte costruzioni e nuovi edifici per uffici. “Gli affari in questo momento sono terribili, ma è terribile per tutti nel mondo e anche per gli israeliani”, afferma un uomo d’affari locale. “Ma stiamo commerciando con i cinesi che hanno ripreso a lavorare come al solito.”

Lontano dalle enclavi dei coloni, Hebron gestisce i propri affari, le proprie rotte commerciali con il mondo. “Lavoravo principalmente con gli israeliani nelle costruzioni e nelle ristrutturazioni”, afferma Fadi Hirbawi, che possiede numerosi edifici nel centro della città, ma preferisce vivere nella vecchia casa di famiglia vicino al vecchio mercato. “Ma se già guardi oltre Hebron, al giorno d’oggi puoi fare scambi online e ordinare container dalla Cina, con qualsiasi merce sia attualmente richiesta qui.

A busy street in Hebron.
Hebron (Al Khalil) una strada affollata Credit: Mahmoud Illean

“L’annessione non cambierà nulla a Hebron”, afferma. “Dobbiamo continuare a ignorare i coloni, che sono come bambini stupidi che vogliono solo attirare l’attenzione. Possiamo lavorare con il resto degli israeliani. Non importa se la chiami occupazione o annessione, autorità palestinese o stato palestinese “.

Fadi Hirbawi, center. “Annexation won’t change anything in Hebron,” says the businessman.
Fadi Hirbawi, centro. “L’annessione a Hebron non cambierà niente,.Credit: Mahmoud Illean

Hebron è la città più grande della Cisgiordania, ma è anche la più nascosta e, essendo la più meridionale, anche isolata. Se il futuro della Cisgiordania è come una serie di città-stato, Hebron si sente la più preparata. Nella prossima città palestinese, 20 minuti più avanti sulla Route 60, le cose sono molto diverse.

Bethlehem: la sofferenza di ‘ una terza intifada’

highway-60-Bethlehem

Betlemme ha solo il turismo come risorsa e l’industria era in crisi prolungata molto prima dell’arrivo di COVID-19. Qui sono stati fatti importanti investimenti in hotel aperti nel 2000, per un boom alimentato da pellegrini che non si è mai materializzato. Invece, hanno avuto la seconda intifada e l’assedio della Chiesa della Natività. L’ultima volta che un gruppo di turisti è stato visto a Betlemme è stato Natale, ma il 2020 è stato “come una terza intifada”, afferma un direttore dell’albergo, seduto in uno dei pochi ristoranti ancora aperti.

La stagione turistica più importante, la Pasqua, è stata una rovina. A quindici anni dalla fine della seconda Intifada, è un lontano ricordo per un’intera generazione di giovani palestinesi. Una crisi affrontata dai loro genitori. Ora ne hanno una tutta loro.

The West Bank separation barrier in Bethlehem. “Israeli business is what could save Bethlehem, if only there was no wall.”
Il muro di separazione in Bethlehem. “Gli affari con Israeliani potrebbero salvare Bethlehem, se solo non ci fosse il muro” dice un abitante del luogo .Credit: Mahmoud Illean

“Ho iniziato a lavorare qui 13 anni fa”, afferma Ala’a Salame, seduto nel ristorante della sua famiglia, vicino a Manger Square. “Questo è il peggio che ricordo. Stiamo facendo meno del 10 percento di quello che facevamo prima del coronavirus. Non abbiamo solo perso il turismo; abbiamo anche perso i dipendenti della AP che ora hanno paura di mangiare fuori perché non sanno se avranno presto gli stipendi, date le minacce di chiudere la PA per l’annessione. “

The Church of the Nativity in Bethlehem. The coronavirus has wiped out tourism to the city.
La Chiesa della natività. Il corona virus ha spazzato via il turismo. Credit: Mahmoud Illean

Salame accusa Netanyahu per questo: “Vuole solo più terra”. Ma una generazione più anziana nel settore della ristorazione è più ottimista. “La più grande fonte di reddito che avevamo a Betlemme proveniva dagli israeliani”, afferma un imprenditore, che ha chiesto di non essere nominato perché “il tema è sensibile”.

Ala’a Salame, sitting in his family’s restaurant off Manger Square in Bethlehem.
Ala’a Salame, nel suo ristorante in Manger Square in Bethlehem.Credit: Mahmoud Illean

Aggiunge: “Voglio uno stato palestinese, come qualsiasi altro palestinese. Ma ricordo anche il tempo precedente alla prima intifada, quando gli israeliani facevano la spesa qui e riempivano i ristoranti ogni Shabbat. Gli affari con israeliani sono ciò che potrebbe salvare Betlemme, se solo non ci fosse un muro ”. Inclina la testa, come fanno le persone a Betlemme, verso la barriera di separazione coperta di graffiti che taglia fuori la città da Gerusalemme. “Alcune persone qui sperano che l’annessione possa portare a uno stato – anche se sembra improbabile ora”, dice.

E’ difficile dire quanto prevalgano tali speranze tra i palestinesi. Pochi, se ce ne sono, sono disposti a far registrare cose del genere. “Non vendiamo un tappeto da mesi”, afferma Assem Barakat, che possiede un negozio di tappeti con suo fratello nel mercato di Betlemme. “Le persone avranno di nuovo bisogno di tappeti ad un certo punto e aspetteremo. Le persone qui non chiudono i negozi che hanno ereditato dai loro genitori, perché è proprietà nostra e abbiamo pazienza. Ecco perché non siamo preoccupati per l’annessione. È solo l’ultima folle idea di Netanyahu, ma non è una soluzione per nessuno, nemmeno per gli israeliani. Abbiamo più pazienza degli israeliani e sappiamo che le cose peggioreranno, prima di migliorare. Possiamo vivere brutti momenti. “

Assem Barakat at his carpet store in Bethlehem. “We’re not worried about annexation. It’s just Netanyahu’s latest crazy idea, but it’s not a solution for anyone – not even the Israelis.”
Assem Barakat nel suo negozio di tappeti. Non siamo preoccupati dell’annessione. E’ giusto una idea folle di Netanyahu, ma non è una soluzione, neanche per gli israeliani.”Credit: Mahmoud Illean

Periodo di rara calma

Percorrendo parti della Route 60 – l’antica autostrada da Be’er Sheva a Nazareth, che collega da nord a sud tutte le principali città sullo spartiacque centrale, la spina dorsale appuntita della Cisgiordania – è possibile, a tratti, non vedere più l’ occupazione. Auto israeliane e palestinesi si sorpassano. Ci sono meno posti di blocco e pattuglie militari israeliane che in qualsiasi altro momento dall’inizio della prima intifada nel 1987, con gli israeliani che sono passati alla sorveglianza elettronica di bassa intensità lungo gran parte del percorso.

I grandi cartelli rossi che avvertono gli israeliani che è pericoloso e illegale per loro entrare nell ‘”Area A”, dove l’AP ha il controllo di sicurezza, possono essere facilmente ignorati nella maggior parte dei luoghi. Ci sono checkpoint palestinesi qua e là all’interno dell’Area A, ma in questo momento sono principalmente preoccupati di cercare di fermare la diffusione del coronavirus.

A group of men playing cards in a West Bank cafe.giocatori di carte in un caffè della West Bank (Cisgiordania) Credit: Mahmoud Illean

Per gli israeliani, il periodo 2019-2020 è stato un periodo di rara calma (anche tenendo conto della pandemia), con attacchi palestinesi contro obiettivi israeliani al livello più basso da oltre cinque anni. Per i palestinesi, tuttavia, c’è un costante promemoria – sotto forma di insediamenti in cima alle colline e all’occasionale pattuglia israeliana – che qualunque libertà di movimento essi possano avere può essere terminata in qualsiasi momento.

E poi c’è Gerusalemme, che taglia in due la Route 60 sul bordo settentrionale di Betlemme. Per quelli con carta d’identità e targa israeliane, ci sono soli 15 minuti di auto lungo la Begin Highway, quando non è ora di punta, per emergere dall’altra parte della capitale, di nuovo sulla Route 60. Per i palestinesi, è una lunga e tortuosa circonvallazione da scavalcare attorno ai confini orientali di Gerusalemme, attraverso Abu Dis e Azzariyeh, che nel caso migliore prende 90 minuti, spesso molto di più se i soldati al checkpoint Container impiegano più tempo.

Nablus: ‘Occupazione deluxe’

highway-60-Nablus

Dopo Hizma, israeliani e palestinesi possono guidare senza ostacoli di blocchi stradali per quasi un’ora, fino a Nablus. Ci sono soldati nei posti di osservazione in tre punti lungo il percorso, ma non ostacolano il traffico. Ci sono cartelloni pubblicitari in arabo lungo il ciglio della strada, accanto a manifesti di coloni che chiedono “piena sovranità” e non la versione annacquata offerta dall’amministrazione Trump – che alcuni di loro temono possa portare a uno stato palestinese. Anche mutilato.

Abbiamo una ‘ occupazione deluxe’ qui”, ride il proprietario di un supermercato a Hawara, la città a sud di Nablus sulla Route 60. “Gli affari si sono rapidamente ripresi [dalla pandemia] perché siamo ancora il luogo che viene attraversato dai palestinesi e dagli israeliani. Nulla cambierà qui dopo l’annessione, anche se accadrà, perché siamo sulla strada principale e Israele non rinuncerà alla Route 60. ” Semmai, è preoccupato per gli israeliani che se ne andranno dopo la costruzione di una nuova by pass road di Hawara.

The second biggest city in the West Bank, Nablus prides itself on its cosmopolitan nature.
Nablus seconda città della Cisgiordania è orgogliosa della sua natura cosmopolita Credit: Mahmoud Illean

Hawara è attualmente nell’area C, il che significa sotto il pieno controllo israeliano. Ad eccezione delle parti di Hebron sotto controllo israeliano, Hawara è la più grande comunità palestinese in Cisgiordania che vive sotto controllo israeliano diretto. Coloro che hanno proprietà o lavorano in aziende lungo la Route 60 sentono di ottenere il meglio da entrambi i mondi. In una filiale locale di KFC, dove i dipendenti mettono rigorosamente il disinfettante sulle mani di ogni cliente e rifiutano l’ingresso senza mascherina, il manager Adel al-Auna afferma: “Le persone qui si preoccupano solo del proprio lavoro. Serviamo tutti, compresi i coloni di Ariel. “

Questo atteggiamento fa infuriare altri palestinesi. A Nablus, circondato da pile di telecamere a circuito chiuso di fabbricazione cinese, Muhammad Badawi, che possiede una azienda di videosorveglianza domestica, è arrabbiato. “Ho negozi in tutta la Cisgiordania. Ho spedizioni che attraversano continuamente il porto di Ashdod e vendono anche a israeliani “, dice. “Ma non riesco a smettere di pensare che se mando uno dei miei figli in uno dei miei altri negozi, rischia la vita. Ho paura, perché non dimentico che sulla strada ci sono soldati a cui è stato insegnato ad uccidere i palestinesi “.

L’unica cosa che i nativi di Nablus, l’altra grande città della Cisgiordania, sembrano avere in comune con quelli di Hebron è il disprezzo per l’Autorità Palestinese a Ramallah, che considerano ancora poco più che un villaggio fuori Gerusalemme. Anche se stanno attenti a non criticarlo in pubblico, ti ricorderanno che il presidente Mahmoud Abbas non ha visitato nessuna delle due città da anni.

Nablus. Palestinian President Mahmoud Abbas hasn't visited the northern city or the southern city of Hebron in years.
Nablus. Il Presidente non visita da anni né la città al nord né Hebron al sud .Credit: Mahmoud Illean

Ma qui che finisce il paragone tra Hebron e Nablus. Mentre i Khalilesi (dal nome arabo di Hebron, al-Khalil) si accontentano di essere lasciati in pace, pienamente consapevoli di essere bersaglio delle barzellette palestinesi, gli abitanti di Nablus si considerano cosmopoliti, abitanti della capitale culturale della Cisgiordania, con i migliori ristoranti, la più grande università e un flusso costante di visitatori, provenienti da tutta la Cisgiordania e anche di arabi israeliani.

Ma alcuni sono meno ottimisti. “Abu Mazen [Abbas] ci ha venduto a Netanyahu”, afferma un commerciante locale che ha chiesto di non essere nominato. “È l’appaltatore della sicurezza di Israele, e questo non cambierà se Netanyahu fa l’nnessione. Troverà un modo per fingere di essere contrario all’annessione, e quindi continuare “business as usual”.

Nablus, tuttavia, non si percepisce come una città arrabbiata. La scorsa settimana, l’AP ha ordinato ai negozi di chiudere dopo che è stato rilevato un focolaio di coronavirus in una delle sue periferie. Ma questa settimana il mercato è stato indaffarato come non mai, con ristoranti e caffè con narghilè di nuovo in attività. “Nessuno andrà all’estero quest’anno”, dice un proprietario di ristorante. “Anche quelli con soldi rimarranno in Cisgiordania, e questo significa che verranno qui per mangiare bene.” Alcuni di loro stanno già arrivando per le prime vacanze. In una stanza sul retro con aria condizionata di una libreria vicino al mercato, Fuad al-Hannah, un fisioterapista di Ramallah, sta incontrando vecchi amici dato che il suo “ambulatorio è chiuso a causa del coronavirus”.

A stall in Hebron's old market area.
Hebron. Al vecchio mercato

I loro discorsi riguardano raramente la politica. “Nessuno sa cosa farà Netanyahu, quindi perché perdere tempo a parlarne?” lui chiede. “Comunque, ognuno ha un punto di vista diverso. Chi lavora in Israele spera che ci saranno più possibilità. Chi lavora per la AP è preoccupato che Israele prenda il controllo e di perdere la loro posizione. E le persone come me che sono lavoratori autonomi sperano solo nel meglio. ”

Nel suo negozio di sorveglianza, Badawi dice di non credere all’annessione “Netanyahu sta per fare l’annessione? Perché dovrebbe? Controlla già la Cisgiordania e pensa come un uomo d’affari, quindi voleva solo qualcosa per distogliere l’attenzione degli israeliani dal suo processo per corruzione. Ma ora gli sta esplodendo in faccia perché ha creato aspettative. Ad ogni modo, non ha nulla a che fare con i palestinesi “.

traduzione Alessandra Mecozzi da https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.MAGAZINE-for-palestinians-from-hebron-to-nablus-annexation-is-already-here-1.8959494

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2020/07/anshel-pfeffer-per-i-palestinesi-da.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.