Appello di 11 organizzazioni israeliane per aumentare i finanziamenti alle 6 ong palestinesi prese di mira da Israele

293

Articolo pubblicato originariamente su Wafa e tradotto in italiano da Lungo la rotta balcanica

Domenica 11 organizzazioni della società civile israeliana (OSC) hanno lanciato un appello congiunto ai donatori delle ONG palestinesi designate per mantenere e persino aumentare i loro finanziamenti.

In una dichiarazione congiunta pubblicata su Haaretz il 5 novembre 2021, “abbiamo invitato la comunità internazionale ad opporsi inequivocabilmente alla designazione da parte del governo israeliano di sei organizzazioni della società civile palestinese come ‘organizzazioni terroristiche’. Come dice la nostra dichiarazione: criminalizzare il lavoro di queste importanti ONG palestinesi è un atto di codardia, caratteristico dei regimi autoritari repressivi.”

“Le designazioni hanno lo scopo di intimidire i donatori internazionali delle sei ONG e della società civile palestinese più in generale. Per anni, il governo israeliano e i gruppi ad esso affiliati hanno condotto campagne aggressive per togliere fondi alle ONG che sfidano pacificamente le politiche di occupazione e annessione di Israele. Le ONG palestinesi sono state il bersaglio principale di queste campagne. Le recenti designazioni sono l’ultimo tentativo del governo israeliano in questa direzione”.

“Esortiamo tutti i donatori delle sei ONG – governi, fondazioni e individui – a mantenere e, se possibile, ad aumentare i loro finanziamenti. Togliere fondi alle le ONG designate sulla base di accuse e designazioni infondate causa un danno irreparabile alla società civile palestinese in generale e mina decenni di lavoro umanitario e sui diritti umani”, conclude la dichiarazione.

I firmatari della dichiarazione sono l’Associazione per i diritti civili in Israele, Breaking the Silence, B’Tselem, Combatants for Peace, Center for the Defence of the Individual (Hamoked), Human Rights Defenders Fund, Ir Amim, l’Israeli Center for Public Affairs (Ofek), Parents Against Child Detention, Physicians for Human Rights Israel (PHRI) e Yesh Din.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.