Aqaba: Il pittoresco villaggio palestinese che funge anche da Firing Zone dell’esercito di Israele

350

 

AQUABA: I RESIDENTI DEL VILLAGGIO CISGIORDANO DI AQABA VIVONO NELLA PAURA DI SOLDATI E CARRI ARMATI ISRAELIANI CHE DI NOTTE SI ESERCITANO NEL LORO VILLAGGIO

di Gideon Levy e Alex Levac, 23 giugno 2017

Questa è una piccola storia di un piccolo paese che è come nessun altro sotto il sole dell’occupazione. E’ la storia di un villaggio modello, che sembra un appartamento modello in un nuovo progetto di costruzione: ingannevole, a volte anche allucinatorio.

I viaggiatori sulla strada per Nablus, che salgono dal nord della Valle del Giordano e attraversano  i villaggi di Taysir e Tubas, si trovano improvvisamente di fronte ad un’apparizione. Sappiamo che non è il sogno di un giorno di mezza estate, perché abbiamo visitato Al-Aqaba 11 anni fa, in primavera. Ma tra le povere comunità di pastori sulle quali Israele sta facendo ogni sforzo per espellerli da questa terra, con creazione di massicciate   destinate a soffocarli, insediamenti verdeggianti e città palestinesi i cui abitanti a volte servono come mezzadri dei coloni – tra tutti questi spicca un piccolo villaggio dove alcune delle case sembrano come se fossero fatte di marzapane.

Le case ad Aqaba sono piuttosto scarse, anche se alcune sono nuove e colorate, tra cui una che è viola, ma il centro del paese e alcune delle sue strutture pubbliche sembrano provenire da un altro mondo. Ci sono murales colorati. Uno sollecita l’economizzare nel consumo di acqua; un altro dichiara “Siamo tutti di Gerusalemme” in inglese. C’è un parco giochi pulito realizzato con   pneumatici dipinti, una piccola fabbrica di formaggio e un’altra impresa che produce il tè, entrambe gestite dalla cooperativa femminile locale, anche se ci lavorano  degli uomini. I loro prodotti sono esportati in Kuwait, Arabia Saudita, Venezuela e Israele.

La torretta distintiva della moschea locale spicca ad un’altezza di 42 metri; alla sua sommità due dita sembrano segnalare la vittoria nella sfida. C’è una guest house modesta con 35 posti letto, una sorta di B&B, in cui, secondo il capo del consiglio locale che ha gli uffici accanto, gli israeliani a volte pernottano. La via principale del paese è divisa a metà da una fila di alberi, protetta come uno spartitraffico a righe. Aqaba è anche uno dei pochi villaggi in Cisgiordania le cui strade hanno nomi e le cui case sono numerate – un vero e proprio miraggio nella Rift Valley.

A presiedere tutta questa abbondanza è il leggendario capo del consiglio di Aqaba negli ultimi 20 anni, Sami Sadeq. E’ su una sedia a rotelle da quando è stato colpito, da ragazzo, dai soldati delle Forze di Difesa israeliane che stavano facendo formazione nel suo villaggio, un fatto che gli conferisce un’aura speciale.

Cavalcando la sua sedia a rotelle elettrica, che manovra con velocità e abilità sorprendenti, Sadeq fa il giro come uno sceriffo, dando ordini ai lavoratori che stanno imbiancando le pareti che sono state proprio di recente dipinte – come vecchie basi IDF, anche qui, le pareti devono sempre essere imbiancate – per ospitare visitatori da tutto il mondo.

Il governo tedesco ha donato un pozzo, il Giappone ha costruito una clinica, i belgi hanno istituito il parco giochi, i britannici hanno eretto i pali dell’elettricità, gli Stati Uniti hanno costruito una strada, ed i norvegesi, anche, hanno fatto molto per Aqaba. Sadeq sollecita l’aiuto del mondo, in parte per mezzo di un opuscolo di successo che ha diffuso anni fa, e il mondo ha risposto.

Sadeq ha visitato la Knesset poche settimane fa, come ospite dei parlamentari della Lista Araba Comune, anche se non senza litigare con le guardie di sicurezza all’ingresso per il suo desiderio di indossare una kefiah. Alla fine, è stato ammesso con essa, dopo che gli è stato chiesto se era “per motivi di religione o per motivi di dimostrazione”. Sadeq ha risposto che indossa abitualmente una kefiah anche nel suo villaggio.

La sua personalità vivace, il suo buon ebraico e il suo linguaggio di pace fanno di Sadeq un eccezionale capo del consiglio locale. Non molto è cambiato nel suo villaggio da quando siamo stati lì nel 2006, e anche lui non è cambiato. Lo stesso villaggio ben coltivato, la stessa sedia a rotelle e gli stessi problemi. Ora 62enne, Sadeq è stato ferito nel 1971, quattro anni dopo l’inizio dell’occupazione, dagli spari dei soldati che stavano usando il villaggio come un luogo di formazione. “Sono stato su una carrozzina per 46 anni, e dalla carrozzina parlo di pace”, dice.

Quasi tutte le terre di Aqaba sono state espropriate e trasformate in zone di tiro IDF – quasi nulla è stato lasciato a pastori e contadini. Solo 300 persone rimangono nel villaggio, gli altri 400 hanno lasciato a causa dei furti di terra. Ma nessun soggetto disturba Sadeq più degli esercizi di addestramento dell’esercito nel villaggio. Forse è a causa della sua tragedia personale, forse è la semplice verità che le truppe dell’esercito non hanno davvero alcun motivo di essere in questo posto tranquillo, diverso da quello di utilizzarlo per la formazione. In un modo o l’altro, Sadeq è inesorabile. Il capo del consiglio locale contro l’IDF.

Ha messo a segno la sua prima vittoria nel 1999. Il Comando Centrale HQ aveva pubblicato un documento che bloccava i soldati dall’ utilizzare il paese per scopi di formazione. L’IDF, che insiste a chiamare il villaggio “Hurba al-Aqaba,” o “Hirbet al-Aqaba” – la “rovina al-Aqaba ” – ha promesso al momento che avrebbe proibito ai suoi soldati di muoversi tra le case dei
residenti . Le linee guida di formazione rilasciate il ​​7 giugno del 1999, affermano che mezzi blindati sono bloccati dal villaggio. Si tratta di un argomento delicato, perché otto abitanti del villaggio sono stati uccisi nel corso degli anni a seguito di esercizi di addestramento IDF ed ordigni lasciati in giro.

Uno sguardo alla valle spiega perché: di fronte ad Aqaba l’IDF ha costruito un piccolo villaggio di strutture in calcestruzzo dove i soldati si allenano per il combattimento in un centro abitato. Un villaggio modello contro un altro villaggio modello.

“A quel tempo, l’IDF si allenava qui perché hanno detto che assomigliava al sud del Libano”, dice Sadeq, che chiama le strutture di formazione dell’esercito intorno al suo villaggio “avamposti”. Egli è riuscito a ottenere che uno di questi “avamposti” fosse rimosso nel 2000, dopo una petizione all’Alta Corte di Giustizia .

Dopo di che, Aqaba era tranquilla: dopo il rilascio delle linee guida ed avere evacuato i centri di formazione, l’IDF non è entrata più nel villaggio. Cioè, fino alla fine dello scorso anno. Durante gli ultimi tre mesi del 2016, le truppe israeliane hanno ancora una volta cominciato a fare lì esercizi di allenamento durante la notte. Sul suo computer portatile, Sadeq mi mostra immagini dell’8 dicembre che lo agitavano – di un carro armato e altri veicoli blindati guidando dalla moschea locale. Egli ha fatto mostrare dalla sua segretaria il filmato più e più volte, e il frastuono dell’avanzamento dei carri armati riempie il suo ufficio. Nel frattempo ci sono verificati numerosi incidenti, e vivere per la gente del posto è diventato un incubo. I bambini vivono nella paura.

Ciò che in quasi ogni campo profughi della Cisgiordania accade praticamente ogni notte non deve accadere nel suo villaggio, e in effetti, Sadeq non accetta questa situazione supinamente. L’avvocato Netta Amar-Shiff ha inviato una lettera a suo nome al Comando Centrale, che ha risposto il 6 febbraio: “Un esercizio di addestramento militare ha effettivamente avuto luogo, in cui le forze dell’IDF hanno proceduto lungo una strada adiacente al Hirbet al-Aqaba da sud a nord . [Le forze] consistevano in un convoglio di veicoli militari come parte degli esercizi di addestramento nelle zone di tiro dell’area. Sulla scia della sua lettera, si è deciso di esaminare e aggiornare i piani di formazione per l’area, che saranno approvati in un livello superiore del comando centrale.

“Ciò comprende l’esame e l’aggiornamento delle linee guida per il movimento nella zona, il divieto di formazione nel centro abitato di Hirbet al-Aqaba, il mantenere il contatto con i residenti circa la formazione e le restrizioni sull’utilizzo di fuoco vivo nell’addestramento, il prendere in considerazione la posizione delle case dei residenti in relazione al settore della formazione. Questo sarà fatto per ridurre il disturbo al tessuto della vita nella zona, e al di là delle regole severe “.

È stata concordata una pattuglia congiunta di ufficiali dell’esercito e dei rappresentanti dei residenti locali , e ha avuto luogo qualche tempo dopo.

In una regione in cui l’IDF brutalmente e arbitrariamente evacua intere comunità pastorali, in alcuni casi per molti giorni e notti, al fine di formazione – tale lettera è quasi surreale nel suo contenuto. Solo Sadeq può districarsi in una risposta come questa dall’IDF. E, in effetti, la calma regnava di nuovo ad Aqaba. Fino a martedì della scorsa settimana.

Verso le 23:00 quella notte, gli abitanti del villaggio sconvolti hanno chiamato Sadeq: c’erano soldati presenti, accanto alle finestre delle loro case. Il capo del consiglio locale è uscito immediatamente nel buio pesto, illuminando la strada con un potente fascio di luce. Ha guidato la sua sedia a rotelle in mezzo ai soldati e alle jeep. Ha cercato di parlare con il comandante, lui riferisce, e di mostrargli le linee guida del 1999 e la lettera del febbraio 2017 dal Comando Centrale. Ma senza alcun risultato. Tre jeep e circa 50 soldati hanno invaso Aqaba.

Non sono entrati in nessuna delle case – rafforzando il concetto che erano venuti solo per scopi di formazione. Non hanno sparato, ma praticato l’uso delle loro armi. Hanno lasciato il villaggio alle 3 del mattino, e sono tornati il ​​giorno successivo in grandi numeri. Anche in questo caso non sono entrati nelle case, ancora una volta sono rimasti nel villaggio praticamente tutta la notte. Anche in questo caso i bambini di Aqaba piangevano per la paura.

Abbiamo fatto al portavoce dell’IDF   due domande:

(A) Perché le truppe dell’IDF sono entrate in Aqaba per due notti la settimana scorsa?
(B) Quando è l’ultima volta che l’IDF si è addestrata a Maskiot e a Ro’i, due colonie israeliane adiacenti ad Aqaba?

Così è stato risposto: “Un controllo preliminare ha rivelato che l’esercizio in questione non è stato coordinato correttamente. Di conseguenza, saranno tratte le conclusioni , e le direttive per tutte le forze nelle vicinanze saranno serrate. Esercizi di addestramento nella zona di tiro adiacente ad Aqaba hanno avuto luogo per molti anni, con la collaborazione dei residenti e in linea con le intese elaborate per quanto riguarda l’entità degli esercizi, subordinati alle esigenze di sicurezza. Si segnala che nel corso degli anni, il paese si è ampliato in modo significativo, in violazione della legge, una realtà che ha portato a vincoli complicati rispetto agli esercizi dell’IDF nella zona.

“I rappresentanti del Comando Centrale e dell’Amministrazione Civile mantengono un dialogo costante con i rappresentanti dei residenti. All’inizio di quest’anno, è stato organizzato un tour della zona, con la partecipazione di rappresentanti dei residenti e il loro avvocato, con lo scopo di accogliere i loro bisogni, e trovare un equilibrio tra il prendere in considerazione la costruzione non regolamentata nella zona, da un lato, e la formazione e le esigenze di sicurezza, dall’altro.

“Va notato che durante la scorsa settimana, un avvocato che rappresenta i residenti era in contatto con il Comando Centrale con un numero di reclami relativi alle azioni delle forze IDF, e alla sua denuncia verrà risposto direttamente. L’IDF continuerà ad operare nella zona, preservando il tessuto della vita civile degli abitanti di Giudea e Samaria “.

 

trad. Il Popolo che non esiste.

Fonte: http://www.haaretz.com/israel-news/.premium-1.797317

 

Aqaba: Il pittoresco villaggio palestinese che funge anche da Firing Zone dell’esercito di Israele

Aqaba: Il pittoresco villaggio palestinese che funge anche da Firing Zone dell’esercito di Israele

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.