Attacco a Gaza: cos’è la Jihad islamica palestinese?

382

Articolo pubblicato originariamente su Al-Jazeera e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Combattenti della Jihad islamica calpestano copie di bandiere israeliane e statunitensi durante una cerimonia di laurea [File: Suhaib Salem/Reuters].

La Jihad islamica palestinese è stata fondata nel 1981 con l’obiettivo di creare uno Stato palestinese nella Cisgiordania occupata, a Gaza e in altre aree dell’attuale Israele.

Israele ha ripetutamente lanciato raid aerei sulla Striscia di Gaza, uccidendo almeno 15 persone, tra cui un comandante del movimento della Jihad islamica palestinese, preso di mira venerdì.

Dopo il bombardamento di Gaza, il primo ministro israeliano Yair Lapid ha descritto la Jihad islamica palestinese (PIJ) come “un proxy iraniano che vuole distruggere lo Stato di Israele”.

Pur non disponendo di razzi a lunga gittata come Hamas, il gruppo che governa Gaza, PIJ ha un arsenale significativo di armi leggere, mortai, razzi e missili anticarro, e un’ala armata attiva chiamata Brigate al-Quds.

“È noto che la Jihad islamica si oppone al processo di pace e all’approccio negoziale con Israele. Adotta una lotta armata contro l’occupazione israeliana come Hamas. La Jihad islamica è un alleato molto stretto dell’Iran. A causa dei legami con l’Iran, vediamo una delle cause dell’attacco di Israele”, ha dichiarato ad Al Jazeera Ibrahim Fraihat dell’Istituto di Doha.

Le origini

La Jihad islamica palestinese è stata fondata nel 1981 da studenti palestinesi in Egitto con l’obiettivo di creare uno Stato palestinese nella Cisgiordania occupata, a Gaza e in altre aree dell’attuale Israele. La Jihad islamica è il più piccolo dei due principali gruppi palestinesi nella Striscia di Gaza ed è largamente in minoranza rispetto al gruppo di governo Hamas.

“Sebbene sia un gruppo piccolo, la Jihad islamica è molto efficiente e altamente organizzata. C’è un forte ordine all’interno del partito stesso”, ha detto Fraihat. “Nonostante le sue piccole dimensioni, ha partecipato a tutti gli scontri con Israele”.

Comandante ucciso

La Jihad islamica palestinese è diventata la forza trainante negli scontri con le forze israeliane. I raid aerei di venerdì hanno ucciso Taysir al-Jabari, una figura di spicco e comandante della regione settentrionale del movimento.

Il numero di membri di PIJ è difficile da accertare e le stime dello scorso anno variano da circa 1.000 combattenti a diverse migliaia, secondo il World Factbook della CIA.

Sia Hamas, che ha combattuto cinque guerre con Israele dal 2009, sia PIJ sono elencate come “organizzazioni terroristiche” dall’Occidente. Entrambe ricevono fondi e armi dall’Iran, dove il leader di PIJ, Ziad al-Nakhalah, ha incontrato il presidente iraniano Ebrahim Raisi il giorno degli attacchi.

A differenza di Hamas, PIJ rifiuta di partecipare alle elezioni e non sembra avere l’ambizione di formare un governo a Gaza o in Cisgiordania.

Addestramento e finanziamenti

L’Iran fornisce alla Jihad islamica addestramento, competenze e denaro, ma la maggior parte delle armi del gruppo sono prodotte localmente.

Sebbene la sua base sia Gaza, la Jihad islamica ha anche una leadership in Libano e Siria, dove mantiene stretti legami con funzionari iraniani.

Il capo del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane ha dichiarato sabato che i palestinesi “non sono soli” nella loro lotta contro Israele.

“Siamo con voi in questo cammino fino alla fine, e facciamo sapere alla Palestina e ai palestinesi che non sono soli”, ha detto il maggiore generale Hossein Salami, aggiungendo che Israele “pagherà un altro prezzo pesante per il recente crimine”.

Israele assassina i comandanti

Il comandante del Jihad islamico ucciso dalle forze israeliane, al-Jabari, ha sostituito Bahaa Abu el-Atta, anch’egli ucciso dalle forze israeliane in un attacco del 2019.

L’uccisione di El-Atta è stato il primo assassinio di alto profilo di una figura del Jihad islamico da parte delle forze israeliane dalla guerra del 2014 nella Striscia di Gaza.

Al-Jabari, 50 anni, era un membro del “Consiglio militare” del Jihad islamico, l’organo decisionale del gruppo a Gaza.

Era responsabile delle attività del Jihad islamico a Gaza City e nella Striscia di Gaza settentrionale durante l’attacco delle forze israeliane del 2021, quando durante 11 giorni di combattimenti sono state uccise almeno 260 persone a Gaza e 13 in Israele.

Presenza in Cisgiordania

La Jihad islamica mantiene una presenza significativa nella città cisgiordana di Jenin, dove Bassam al-Saadi, un alto dirigente del movimento, è stato arrestato la scorsa settimana, scatenando la crisi.

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha minacciato di prendere di mira i leader della Jihad islamica che vivono all’estero e sabato Israele ha dichiarato di aver arrestato 19 membri del gruppo nella Cisgiordania occupata.

Fraihat ha descritto una “guerra a Jenin” negli ultimi cinque mesi, con la PIJ che ha istigato attacchi all’interno di Israele e le forze israeliane che hanno fatto irruzione nella città arrestando e uccidendo i suoi membri.

“In Cisgiordania ha una presenza, direi simile a quella di Gaza. Ma non si tratta di dimensioni, bensì di potenza, efficienza e capacità di impegnarsi militarmente in un confronto con Israele. Per questo motivo, Israele sta cercando di arrestare i suoi leader in Cisgiordania e di contenere qualsiasi azione che la Jihad islamica potrebbe intensificare”, ha affermato.

L’arresto del leader

L’uccisione di Al-Jabari arriva dopo l’arresto di Bassam al-Saadi, 62 anni, da parte delle forze israeliane all’inizio della settimana. Al-Saadi ha trascorso 15 anni in diverse carceri israeliane per essere stato un membro del Jihad islamico.

Israele ha ucciso due dei suoi figli, anch’essi membri della Jihad islamica, in incidenti separati nel 2002, e le forze israeliane hanno distrutto la sua casa durante una feroce battaglia nella città di Jenin, nella Cisgiordania occupata, lo stesso anno.

Il piano di gioco della PIJ

Il leader della Jihad islamica, Ziad al-Nakhalah, ha promesso attacchi di vendetta contro Israele per i suoi bombardamenti mortali, anche contro Tel Aviv e altre città. Una serie di esplosioni è stata udita e vista sabato sera sopra Tel Aviv.

“Il nemico sionista ha iniziato questa aggressione e deve aspettarsi che noi combattiamo senza sosta… Non ci sarà tregua dopo questo bombardamento”, ha detto al-Nakhalah. “Non ci sono linee rosse in questa battaglia… Anche Tel Aviv sarà uno degli obiettivi dei missili della resistenza… come tutte le città sioniste”.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.