Attivista internazionale rischia la deportazione dopo l’arresto a Kufr Qaddum

Attivista internazionale rischia la deportazione dopo l’arresto a Kufr Qaddum

 

badameh

Pubblicato il 1 marzo 2013 da AbuSara
http//palsolidarity.org

Circa 150 palestinesi, insieme ad attivisti israeliani e internazionali, hanno partecipato alla manifestazione settimanale di Kufr Qaddoum contro la chiusura della strada che conduce a Nablus.

Dopo la preghiera di mezzogiorno, i manifestanti hanno marciato dal centro del villaggio lungo la strada principale, ma sono stati subito bloccati dalla border police israeliana che ha lanciato granate sulla folla. Sono seguiti scontri per mezz’ora, dopo di che le forze israeliane si sono ritirate. Poco dopo, gli agenti della border police, sono improvvisamente riapparsi sulla scena e, mentre lanciavano granate assordanti, hanno arrestato due palestinesi e un attivista internazionale. I palestinesi sono stati picchiati fino a sanguinare dal naso, mentre l’attivista internazionale è stato colpito alla testa con il calcio del fucile, oltre ad aver ricevuto una spruzzata di spray al peperoncino.

Le autorità israeliane accusano falsamente i tre manifestanti per lancio di pietre. L’attivista internazionale rischia di essere deportato nei prossimi giorni. Recentemente, due altri attivisti internazionali sono stati deportati dopo aver preso parte al campo di protesta di Canaan nelle colline a sud di Hebron. Le autorità israeliane regolarmente accusano falsamente attivisti internazionali per i diritti umani, al fine di deportarli.

http://reteitalianaism.it/public_html/index.php/2013/03/01/attivista-internazionale-rischia-la-deportazione-dopo-larresto-a-kufr-qaddum

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam