Avete tolto il respiro a Jawaher avete rafforzato la nostra lotta nonviolenta

in memoria di Jawaher Abu Rahmeh, uccisa dall’occupazione israeliana

Mentre il mondo celebrava il nuovo anno, Jawaher Abu Rahmeh, donna palestinese di 36 anni residente nel villaggio di Bil’in, è stata uccisa dai gas lacrimogeni utilizzati in modo massiccio dalle forze di occupazione israeliane contro persone nonviolente e pacifiche – palestinesi, israeliani e internazionali – che insieme manifestavano per fermare il muro e l’occupazione.

Jawaher ogni venerdì manifestava, marciando verso la barriera di separazione che ruba la terra dei contadini palestinesi per la costruzione di nuove colonie israeliane. Come molte altre donne palestinesi, Jawaher era coraggiosa, fiera e piena di dignità.

Sua madre stava ancora vivendo il lutto per la perdita del suo amato figlio, Bassem, anche lui ucciso due anni fa dall’Esercito israeliano.

Adesso, accanto a lui, dovrà piangere anche la perdita della sua amata figlia. È nostro dovere essere accanto alla famiglia Abu Rahmeh in questo nuovo, terribile momento di perdita e profondo sacrificio.

Che la veglia silente e vigile per Jawaher sia udita come un tuono in tutto il mondo.

Jawaher, “pietra preziosa”…

Tutti i nomi arabi hanno un significato. Jawaher è “pietra preziosa, Bassem invece significa Sorriso. Ma Bassem Abu Rahma tutti lo chiamavano Fil, l’Elefante per via della sua grossa corporatura.

Jawaher e Fil abitavano a Bil’in, un villaggio della Cisgiordania che sta perdendo più di metà delle sue terre agricole a causa del Muro.

E questo comunicato stampa è solo un pezzo della loro storia:

Forze militari israeliane uccidono una donna durante una manifestazione di protesta a Bil’in Jawaher Abu Rahma, 36 anni, è stata evacuata all’ospedale di Ramallah ieri, dopo aver inalato grandi quantità di gas lacrimogeni durante la manifestazione settimanale a Bil’in ed è morta di avvelenamento questa mattina. Abu Rahma era la sorella di Bassem Abu Rahma, ucciso durante una protesta pacifica a Bil’in il 17 aprile del 2010.

Mohammed Khatib, membro del Comitato Popolare di Bil’in questa mattina ha detto:.. “Siamo scioccati e furiosi per la brutalità di Israele, che ancora una volta è costata la vita di una manifestante pacifica.

La risposta letale e disumana di Israele alla nostra lotta non passerà. All’alba di un nuovo decennio, è venuto il momento che il mondo chieda a Israele di rispondere delle proprie azioni e di porre fine all’occupazione “.

L’avvocato Michael Sfard, che rappresenta Bil’in nel ricorso contro il Muro ha aggiunto: “Il figlio è stato ucciso da un proiettile sparato direttamente contro di lui, la figlia è stata soffocata dal gas. Due manifestanti coraggiosi contro un regime che uccide gli innocenti e non indaga sui suoi criminali.. Noi non ci fermiamo, noi non ci arrendiamo, noi non risparmieremo alcuno sforzo fino a quando i responsabili saranno puniti. E lo saranno. “

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam