AZZOUN: Il villaggio palestinese che riempie di bambini le prigioni israeliane

0

 

Secondo quanto riferito, questa comunità della Cisgiordania ha il maggior numero di minori detenuti nelle carceri israeliane, ma probabilmente non ne avrete sentito parlare.

FOTO Yasin Imad Rajeh Shbeita, 16 anni,  arrestato dalle forze israeliane in un raid notturno. (MEE / Tessa Fox)

Tessa Fox – 15 agosto 2018

AZZOUN, Palestina – Un mese prima del suo arresto, 30 soldati israeliani vennero a casa di Yasin Shbeita nel cuore della notte, dicendo che avevano l’autorizzazione per ucciderlo.

“Non voglio metterti in prigione per mesi o anni, voglio ucciderti e liberarmi di te in questo momento”, disse un soldato, secondo Shbeita.

La minaccia del soldato lasciò Shbeita, di soli 16 anni, timoroso per la sua vita.

“Avevo paura che venissero e mi uccidessero in qualsiasi momento”, ha detto Shbeita a Middle East Eye.

La notte dell’11 aprile i soldati israeliani tornarono. Fecero irruzione nella sua abitazione e lo arrestarono.

I soldati trascinarono Shbeita fuori dalla sua casa ad Azzoun – un villaggio nel nord della West Bank occupata – e lo consegnarono alla polizia israeliana per il controllo delle frontiere.

L’adolescente ha detto che la polizia iniziò a colpirlo spingendolo  verso una jeep militare parcheggiata alla fine di un vialetto.

“Ogni soldato che mi passava accanto  mi dava calci e schiaffi”, ha detto Shbeita, indicando dove era stato picchiato.

Esperienze comuni

La drammatica esperienza di Shbeita è comune, specialmente ad Azzoun, che secondo l’ufficiale delle comunicazioni del comune, Hassan Shabtta,ha il più alto numero pro capite di arresti di minori in Cisgiordania. Azzoun è circondata da cinque insediamenti israeliani illegali e sorge accanto al muro di separazione.

“L’esercito israeliano entra ad Azzoun 398 volte l’anno – di giorno o di notte – e mette checkpoint all’interno della città. Questo crea pressione nelle persone. Stanno esplodendo “, ha detto Shabtta a MEE.

‘Avevo paura che venissero e mi uccidessero in qualsiasi momento’.- Yasin Shbeita, ex detenuto

Con una presenza militare così pervasiva, Shabtta ha detto che molti giovani del villaggio spesso vanno sulla strada principale e lanciano pietre.

“I soldati inducono i giovani a resistere all’occupazione, [ma] gli israeliani vogliono uccidere il loro spirito di resistenza, così li arrestano”, ha detto.

In una dichiarazione rilasciata a Middle East Eye mercoledì, un portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che Azzoun “non è trattato in modo diverso dagli altri villaggi della zona”.

“Purtroppo, negli ultimi anni molti minori, alcuni molto giovani, sono stati coinvolti in eventi violenti, compresi reati di terrorismo e altri crimini”, ha aggiunto l’esercito.

Ahmad Rayan, 15 anni, vive ad Azzoun ed è già stato imprigionato due volte.

Sua madre, Salam Rayan, ha raccontato a MEE di come suo figlio sia stato arrestato il 30 luglio, una storia quasi identica a quella di Shbeita.

Ha raccontato che circa 12 soldati israeliani sono venuti a casa loro verso le 2 del mattino, e dopo aver fatto irruzione dalla porta principale, hanno strappato Ahmad Rayan dal suo letto.

“Gli hanno legato le mani e gli hanno impedito di indossare vestiti e scarpe diversi da quelli che aveva indosso”, ha detto Salam Rayan.

Salam Rayan siede nella sua casa di Azzoun, due giorni dopo che il figlio quindicenne è stato arrestato per la seconda volta. (MEE / Tessa Fox)

Secondo la Defense for Children International (DCI), ogni anno circa 500-700 bambini palestinesi di età compresa tra I 12 e I 17 anni sono detenuti e processati dal sistema giudiziario militare israeliano.

La detenzione di minori da parte di Israele è stata evidenziata recentemente dal caso di Ahed Tamimi, l’adolescente palestinese imprigionata per otto mesi per aver schiaffeggiato un soldato israeliano.

Eppure il caso di Tamimi è l’unico ad aver attirato l’attenzione dei media.

Nessun resoconto è apparso sui media il giorno dopo che Shbeita è stato portato via da casa sua, anche se aveva la stessa età di Tamimi quando è stata arrestata.

Shbeita ha detto a MEE che lui e altri giovani prigionieri sono “arrabbiati con i media”.

“Perché Ahed Tamimi e nessun altro? Ci sono un milione di altri e altre Ahed Tamimi in prigione, lei è come ogni altro prigioniero o prigioniera ”

Nabi Saleh, da cui proviene Tamimi, è un villaggio della West Bank noto per la sua resistenza contro l’occupazione israeliana, una notorietà favorita dall’approccio proattivo dei residenti nell’utilizzo dei social media.

Al contrario, il mondo poco sa delle ripetute incursioni israeliane su Azzoun.

Diffuso, sistematico e istituzionalizzato

“Quando i casi coinvolgono minorenni, la loro età viene presa in considerazione quando si applica la legge “, ha detto l’esercito israeliano a MEE.

Ma secondo un rapporto pubblicato dall’UNICEF nel 2013, “i maltrattamenti dei bambini che vengono a contatto con il sistema di detenzione militare [israeliano] [sono] diffusi, sistematici e istituzionalizzati”.

Questo maltrattamento va dal momento dell’arresto fino alla detenzione , al processo e alla condanna del minore.

La maggior parte dei bambini è accusata di lancio di pietre.

Una volta che i bambini sono sotto la custodia militare israeliana, vengono messi sul retro di una jeep militare e trasferiti in diverse basi e stazioni di polizia presenti negli insediamenti per l’interrogatorio.

I bambini come Shbeita si lamentano dei maltrattamenti.

“Sono stato portato in un campo militare con gli occhi bendati. Non riuscivo a dormire, non mangiavo – non riuscivo neppure a bere “, ha raccontato Shbeita.

“A un certo punto ho provato a dormire piegando la testa. Un soldato arrivò e batté una barra di metallo sulla scrivania per svegliarmi, mi tolse la benda e cominciò a interrogarmi. Quella prima sessione durò dalle 3 alle 8 del mattino”.

“Mostravano video e foto di persone a caso. Dicevano che ero io e continuavano a dirmi: “O confessi o ti metteremo in prigione – al buio – o ti uccideremo”, ricorda Shbeita.

Un manifestante palestinese lancia una pietra verso le forze israeliane durante gli scontri nella città di Hebron nella West Bank occupata (AFP)

In conformità a varie leggi internazionali, tra cui la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, l’interrogatorio dei minori deve essere condotto alla presenza di un avvocato e di un tutore. L’interrogatorio deve essere anche registrato utilizzando apparecchiature audiovisive.

Secondo l’UNICEF, nel 2013, “nessun bambino è stato assistito da un avvocato o da un familiare durante l’interrogatorio”. Quelli con cui MEE ha parlato hanno vissuto la stessa esperienza.

Mancando di qualsiasi supervisione o sostegno amichevole, i bambini sotto interrogatorio sono esposti a un’enorme pressione e soggetti a paranoia.

“Fanno loro domande per un tempo molto lungo e il bambino , stremato, si arrende e dice loro ‘Ho lanciato una pietra’. Pensano che se confessano sarà finita.”, ha spiegato Salam Rayan, basandosi sull’ esperienza della prima detenzione di suo figlio.

Se il bambino finisce per confessare, è costretto a firmare un modulo scritto in ebraico, una lingua che non capisce.

Imprigionamento brutale

Una volta che Shbeita fu trasferito in una cella, fu “colpito brutalmente” sulle braccia e sulle gambe.

“Gli altri prigionieri dissero alle guardie che dovevo essere curato, invece fui portato in una cella d’isolamento”, ha detto Shbeita.

“È così buio, non sai se è giorno o notte. Il pavimento è coperto di liquami, ci sono un bagno e un lettino. ”

“È così buio, non sai se è giorno o notte. Il pavimento è coperto di liquami, ci sono un bagno e un piccolo letto ‘- Yasin Shbeita, ex detenuto

Il Comitato delle Nazioni Unite contro la Tortura proibisce severamente che i bambini vengano messi in isolamento, ciò a causa dell’impatto deleterio sul loro benessere psicologico.

La legge internazionale richiede che i minori siano portati davanti a un giudice entro le 24 ore dal loro arresto.

Shbeita dovette attendere tre giorni per avere la sua prima udienza, che fu anche il momento in cui per la prima volta vide un avvocato, sebbene non fosse in grado di parlare con lui.

Nel corso di un mese e mezzo , il sedicenne ebbe sette udienze in totale. Sua madre, a causa delle restrizioni di viaggio impostele, riuscì a partecipare soltanto a una.

Solo nell’ultima udienza fu detta qual era l’accusa contro di lui – il lancio di sassi.

“Mi hanno dato due mesi di prigione e un’ammenda di 3.000 shekel ($ 807) per avere messo in pericolo la vita dei coloni”.

 

Ahed Tamimi compare in un tribunale militare nella prigione di Ofer, in Cisgiordania (AFP)

Ayed Abu Eqtaish, direttore presso Defense for Children International, ha dichiarato che ogni bambino arrestato e detenuto dall’esercito israeliano è esposto a diversi tipi di torture.

“Alcuni di queste sono violenza fisica, altre sono pressioni psicologiche, come mettere i bambini in isolamento”, ha detto a MEE.

“Tutti questi tipi di maltrattamenti, così come l’umiliazione e l’intimidazione, sono utilizzati per obbligarli a confessare con la forza, e queste confessioni costituiscono la prova principale  per il sistema legale militare israeliano”.

Cambiamenti della personalità

Salam Rayan ha detto che suo figlio è cambiato, dopo essere stato rilasciato dalla prigione quando l’anno scorso è stato arrestato per la prima volta.

La stessa Ahed ha detto che ha interiorizzato la sua paura e che dopo la sua prigionia si sente più matura.

“A quell’età, quando trascorrono un anno nelle prigioni militari è come se ne trascorressero cinque , quindi quando escono si sentono più maturi, più adulti, più uomini. Non sono più bambini, “ha detto Salam Rayan.

Reema Shbeita, la madre di Yasin Shbeita, ha detto a MEE che suo figlio è diventato nervoso da quando ha lasciato il carcere militare israeliano.

“Penso che tutti i bambini soffrano di conseguenze negative, perché l’intero sistema è progettato per distruggere il benessere psicologico di chi passa attraverso il sistema”- Ayed Abu Eqtaish, Defence for Children International

“Ha sempre paura che qualcuno venga e lo riprenda. Loro [i bambini di questa età] vivono nel terrore “, ha detto sedendosi sul balcone accanto al figlio.

Con centinaia di bambini arrestati ogni anno, sta emergendo un’intera generazione di minori palestinesi che sono stati oggetto di abusi psicologici.

“Ogni bambino che vive una simile esperienza ne viene psicologicamente colpito, e il livello dell’impatto psicologico dipende dall’età del minore quando viene arrestato, dai tipi di maltrattamenti e dalle torture cui è stato sottoposto in prigione,” ha aggiunto Abu Eqtaish.

“Penso che tutti i bambini soffrano di conseguenze negative, perché l’intero sistema è progettato per distruggere il benessere psicologico di chi passa attraverso il sistema, siano essi bambini o adulti, ma l’impatto sui bambini è chiaramente più grave”.

Richiedere l’attenzione internazionale

Yasin Shbeita vuole portare l’attenzione internazionale sulle centinaia di bambini palestinesi detenuti da Israele.

“Nessun altro ragazzo al mondo è sottoposto a questo tipo di trattamento. Non è giusto mettere in prigione bambini di 12 e 13 anni, dovrebbero giocare per strada o essere con la loro famiglia “, ha detto.

“Chiedo ai media non solo di concentrarsi su Ahed Tamimi, ma su tutti i minori imprigionati “.

Ahed Tamimi e il presidente palestinese Mahmoud Abbas dopo il suo rilascio (Handout)

Nariman Tamimi, la madre di Ahed Tamimi, ha suggerito che la protesta internazionale per l’arresto della figlia sia stata favorita dalla sua carnagione chiara, e che quindi avesse connotazioni razziste.

“Francamente penso sia stato l’aspetto di Ahed a suscitare questa solidarietà in tutto il mondo e questo è razzismo “, ha detto all’Agenzia Anadolu.

Per Salam Rayan, il solo fatto che l’alterco di Ahed Tamimi con il soldato israeliano sia stato filmato, ha aiutato il suo caso a diventare “molto più grande di quello degli altri bambini “.

“Per Ahed c’è un video che la mostra mentre schiaffeggia il soldato, se non ci fosse stato il video, [il suo arresto] sarebbe stato un normale arresto”, ha detto.

“Nessuno sapeva che avevano preso mio figlio.”

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” Invictapalestina.org

Fonte:https://www.middleeasteye.net/news/azzoun-palestinian-village-filling-israeli-jails-children-181214404

 

 

 

Azzoun: il villaggio palestinese che riempie di bambini le prigioni israeliane

Azzoun: il villaggio palestinese che riempie di bambini le prigioni israeliane

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.