BASTA CON I CEDIMENTI, PERCHE’ IL RAZZISMO E’ PIU’ VIVO CHE MAI.

0
234

tratto da: Nandino Capovilla

mercoledì 2 settembre  22:28

BASTA CON I CEDIMENTI, PERCHE’ IL RAZZISMO E’ PIU’ VIVO CHE MAI.

di Nandino Capovilla

“A Kaba e Mamadou voglio dire grazie perché so che è atroce sentirsi umiliati da battute razziste che vomitano infamia e aggressività su di te non per qualcosa che hai fatto, ma per il fatto che esisti”.

Con un inaspettato fuori programma, ancor prima di venir presentato, Gad Lerner ha preso il microfono e commosso tutti i numerosissimi presenti della serata “I can’t breathe”.

“Lo chiedete a me” –ha proseguito Lerner- “ma devo riconoscere che la fotografia del razzismo in Italia la stanno facendo stasera Mamadou, Serena e Kaba, ed è per me una bellissima sorpresa ascoltare con tanta chiarezza questa lettura di una situazione che profondamente ci impressiona per la sua gravità. Troppe volte si riduce tutto a barzelletta, ma il razzismo esiste ed è più vivo che mai”.

Davvero significativo constatare che centinaia di cittadini hanno scelto di esprimere con la loro presenza un chiaro no al razzismo e proprio alla vigilia delle elezioni. Forse dovremo maturare una più chiara consapevolezza della gravità del razzismo generato proprio dalle istituzioni, come ha testimoniato il giovane Mamadou che dopo aver subito un’aggressione razzista davanti al suo luogo di lavoro a Quarto d’Altino, si è visto trasformare da vittima in colpevole. Nella sua lettera al sindaco aveva scritto infatti: “Sembra che, invece di esprimere la sua solidarietà alle vittime di questa aggressione razzista, lei addirittura arrivi a dire che “la colpa è il timore per i focolai, una reazione al periodo che stiamo attraversando a livello nazionale ma anche in paesi molto vicini al nostro. Sembra incredibile pensare che la colpa di questo gesto sia delle vittime che l’hanno subìto, e che si provi a darne addirittura una giustificazione, per cui la colpa sarebbe ancora una volta di noi migranti”.

A Mamadou Gad Lerner ha ribadito infatti: “Quanto è grave poi il razzismo istituzionale se è addirittura un’autorità pubblica come un sindaco a sminuire il razzismo mentre invece diventa linguaggio comune. Da vent’anni a questa parte, di cedimento in cedimento, il nostro vocabolario ha incamerato lo sdoganamento del linguaggio razzista che è quello dell’epoca nella quale il razzismo pretendeva di avere basi scientifiche”

https://www.facebook.com/nandinocapovilla/posts/3380227845372927?__cft__[0]=AZWXqUm4_8vi1wi5KXxlUNTWJmvG54DoowSNAfsjfIlNOH9wdCCXWnRDh55WmhTbcJikQi0m_0dSytII-xogwzUG_H5KJDWv52Vi0UO-XhZqtHhpiyqfwgqUDCU6VwxBu0w&__tn__=%2CO%2CP-R

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.