BATTIR, DOVE LA RESISTENZA HA IL COLORE VERDE DELLA SPERANZA

domenica 3 novembre 2013

 

Una ‘Intifada Verde’ mette radici

di Pierre Klochendler

Battir, Cisgiordania Occupata, 3 novembre 2013 (IPS) –

immagine1

“O verde Battir, madre del cielo”, Mariam Ma’mmar canta in lode del suo villaggio. Mentre la stagione calda volge al termine, la terra – la forza del suo popolo – si secca. Non qui nella sua Battir, dove una forma pacifica di resistenza contro l’occupazione israeliana sta mettendo radici.

I 5.000 abitanti di Battir sono orgogliosi della loro relazione culturale e storica con il paesaggio.

Incorniciato da 554 km quadrati di muri a secco, la più grande rete in tutta la Palestina di campi terrazzati, frutteti e orti a cascata giù in una valle profonda, ripida.

Grazie alla cisterna romana e all’acquedotto, l’acqua scorre tutto il giorno, irrigando e alimentando i terrazzamenti agricoli.

Otto sorgenti naturali condivise tra otto famiglie di Battir riempiono l’antico sistema di irrigazione, alimentando i sogni di auto-sostentamento, pieni di vita, per tutto ciò che riafferma che il loro legame con la terra cresce in Battir.

Sono ormai lontani i giorni in cui la reputazione delle sue melanzane, le betinjan battiri , si è diffusa oltre i confini di Battir.

E ‘una battaglia campale ora. Su un pendio, l’invasore presenta un fronte unito di pini rigidi piantati intorno agli insediamenti israeliani, dall’altra, in ranghi sparsi, gli ulivi nodosi, simbolo dell’attaccamento alla terra palestinese. Aghi di pino acidificano il terreno e mettono in pericolo il nutrimento delle olive, nota Ma’mmar.

Gli insediamenti di Har Gilo e Beitar Illit si sviluppano dietro i pini. Un terzo, Givat Ya’el, si sta sviluppando. Il muro di cemento di otto metri di altezza standard striscia lentamente verso Battir, sequestrando grandi appezzamenti di terra palestinese nel suo cammino.

“Il muro renderà Battir pazzo. Sarà tagliata l’irrigazione. Gli agricoltori perderanno la loro terra, “protesta Ma’mmar. “O Israele, Porta via la mia vita, non portare via la mia terra …” il grido del suo cuore.

Avviata nel 2002, al culmine della seconda Intifada palestinese e rivolta a proteggere gli israeliani, la barriera di sicurezza di muri e recinzioni invade la maggior parte del territorio che i palestinesi immaginano come parte del loro futuro stato.

Il Ministero della Difesa di Israele ha cercato di erigere il muro nella valle dal 2006.

“Non c’è alcun motivo per costruire il muro. Nessun israeliano è stato ferito o ucciso qui “, dice il sindaco di Battir Akram Badr.

Gli abitanti del villaggio hanno rivolto una petizione alla Corte Suprema in Israele per distogliere la barriera e quindi prevenire la confisca delle terre e la distruzione del ricco ambiente e del suo sistema di irrigazione. Hanno guadagnato il sostegno improbabile dalla Israel Nature and Parks Authority, un organismo governativo.

Nel mese di maggio, il giudice ha interceduto in favore degli abitanti del villaggio. Ha suggerito che il Ministero della Difesa proponesse alternative “non fisiche” alla parete.

La decisione del giudice è attesa per dicembre, ma le alternative sono già in atto. Telecamere di sorveglianza e sensori sono piazzati sulla cima delle colline. Pattuglie stradali attraversano la zona. Veicoli di sicurezza controllano il passaggio sicuro della dozzina di treni giornalieri.

“Siamo ottimisti”, dice Mustafa ‘Aweinah, un agricoltore di Battir.

La fiducia ritrovata evoca l’andamento del terreno in termini di precedenti storici.

I campi si estendono al di là della ferrovia di epoca ottomana, che si snoda tra Gerusalemme e Tel Aviv-Jaffa.

Le tracce si sovrappongono alla linea di demarcazione del 1949, la famosa “Linea Verde” disegnata nell’ armistizio firmato a Rodi che concluse la prima guerra arabo-israeliana. Il treno non si è fermato qui da allora.

Al momento, Hassan Mustafa, un giornalista di Battir che si è laureato presso l’Università americana del Cairo , si è dato da fare su modi di persuasione e di relazioni, per estrarre da Israele una concessione straordinaria negli annali del conflitto.

In cambio del loro impegno a proteggere la ferrovia, gli agricoltori hanno mantenuto il diritto di coltivare la loro terra attraverso i binari, all’interno di Israele.

Quando Israele conquistò la Cisgiordania nel 1967, la Linea Verde cessò di prevalere. La comunità internazionale insiste che è riconosciuta da Israele come base per le future frontiere nei negoziati in corso con l’Autorità palestinese verso una soluzione a due stati.

Grazie all’ eroe locale, lo status speciale di Battir sopravvive a questo giorno. “Siamo stati sul terreno dalla saggezza politica del compianto Mustafa”, sottolinea ‘Aweinah. “La sua eredità è un allegato al caso giudiziario.”

Battir è l’eccezione alla regola di Israele nella West Bank – l’unico villaggio palestinese dove la linea verde non esiste.

In tutto 3.000 dunam (300.000 m2) – cioè, il 30 per cento della terra del villaggio – cavalcano la linea verde e si trovano all’interno di Israele. Ogni altra parte di Battir rientra o nel pieno controllo israeliano (zona C) o misto per il controllo di gestione della sicurezza israelo /palestinese (Area .

In netto contrasto con altri segmenti previsti della barriera in cui le battaglie settimanali contrappongono i dimostranti palestinesi contro i soldati israeliani, in Battir, gli agricoltori coltivano una forma pacifica di resistenza.

“Promuovendo l’ecoturismo, l Battiris si proteggono. Essi costringono Israele a garantire la loro terra “, spiega il direttore dell’ecomuseo del paesaggio Michel Nasser.

Armata di vanghe e forconi, una delegazione del Consolato britannico a Gerusalemme aiuta ‘Aweinah ad arare il suo appezzamento e pianta fave.

“Siamo qui per esprimere la nostra solidarietà e contribuire all’ ecoturismo del luogo,” il console generale britannico Sir Vincent Fean dice all’IPS.

“Il nostro obiettivo è quello di garantire che, insieme alla popolazione locale, vi presentiamo una soluzione pacifica, una prospettiva economicamente sana di convivenza. Battir può essere un modello. “

Niente pietre scagliate qui. Invece, ci sono sentieri per escursioni volte a scoprire la bellezza incontaminata della zona, una casa per gli ospiti che aprirà questo mese, e l’eco-museo inaugurato nel mese di febbraio. Migliaia di turisti visitano Battir nel corso dell’anno.

“Una verde, ambientale, Intifada”, sorride Badr.

In attesa della sentenza del tribunale, gli abitanti del villaggio hanno cercato di avere Battir elencato come un sito del patrimonio mondiale riconosciuto dalla United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (Unesco), che ha approvato la Palestina a pieno titolo due anni fa.

Speravano che la nomina sarebbe stata concessa come misura di emergenza per convincere Israele a reindirizzare la barriera.

Ma nel mese di giugno, l’Autorità Palestinese ha rinunciato a portare avanti il tentativo in modo da rispettare il proprio impegno di astenersi da azioni unilaterali durante i nove mesi stanziati per i colloqui di pace.

La chiamata alla preghiera riecheggia in tutta la valle. Il fratello di Ma’mmar Ibrahim intona la sua preghiera: “O Terra di Battir, dove ci moltiplichiamo e viviamo.”

tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

………………………………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.ipsnews.net/2013/11/a-green-intifadah-takes-root/

A ‘Green Intifadah’ Takes Root

IMMAGINE2

Aweinah ploughs his field with the help of British volunteers. Credit: Pierre Klochendler/IPS.

BATTIR, Occupied West Bank, Nov 3 2013 (IPS) – “O green Battir, mother of the air,” Mariam Ma’mmar sings in praise of her village. As the hot season draws to a close, the land – her people’s strength – dries up. Not here in her Battir, where a peaceful form of resistance against the Israeli occupation is taking root.

The 5,000 people of Battir pride themselves on their cultural and historical relation to the landscape.

Ensconced in 554 sq km of dry stone walls, the largest network in the whole of Palestine of terraced fields, orchards and vegetable gardens cascade down into a deep, steep-sided valley.

Battir is the exception to Israel’s rule in the West Bank – the only Palestinian village where the Green Line doesn’t exist.

Owing to the Roman cistern and aqueduct, water flows all day long, flooding and feeding the agricultural terraces.

Eight natural springs shared amongst Battir’s eight families fill the ancient irrigation system, nurturing dreams of self-sustenance, brimming with life, for everything that reaffirms their connection to the land grows in Battir.

Long gone are the days when the reputation of its aubergine, the betinjan battiri, spread beyond Battir’s confines.

It’s a pitched battle now. On one slope, the invader presenting a united front of stiff pines planted around Israeli settlements; on the other, in scattered ranks, the gnarled olives, symbol of the Palestinian attachment to the land. Pine needles acidify the soil and endanger the nourishing olives, notes Ma’mmar.

The Har Gilo and Beitar Illit settlements grow behind the pines. A third one, Givat Ya’el, is developing. The standard eight-metre-tall wall of concrete slabs slowly crawls towards Battir, impounding large tracts of Palestinian land on its way.

“The wall will make Battir crazy. It’ll cut the irrigation. Farmers will lose their land,” Ma’mmar protests. “O Israel, Take away my life; don’t take my land away…” the cry of her heart.

Initiated in 2002 at the height of the second Palestinian Intifadah uprising to protect Israelis, the security barrier of walls and fences encroaches on most of the territory which Palestinians envision as part of their future state.

Israel’s Defence Ministry has been trying to erect the wall in the valley since 2006.

“There’s no reason to build the wall. No Israeli was injured or killed here,” says Battir Mayor Akram Badr.

The villagers petitioned the Supreme Court in Israel to divert the barrier and thus prevent the confiscation of land and destruction of the rich environment and its irrigation system. They gained improbable support from the Israel Nature and Parks Authority, a governmental body.

In May, the court interceded on the villagers’ behalf. It suggested that the Defence Ministry propose “non-physical” alternatives to the wall.

A court decision is pending for December, but alternatives are already in place. Surveillance cameras and sensors are posted on hilltops. Patrol roads crisscross the area. Security vehicles monitor the safe passage of the daily dozen trains.

“We’re optimistic,” says Mustafa ‘Aweinah, a Battiri farmer.

The newfound confidence conjures up the lay of the land in terms of its historical precedent.

The fields stretch beyond the Ottoman-era railway which meanders between Jerusalem and Tel Aviv-Jaffa.

The tracks overlap the 1949 demarcation line, the famed “Green Line” drawn in the Armistice Agreement signed in Rhodes which ended the first Arab-Israeli war. The train hasn’t stopped here since then.

At the time, Hassan Mustafa, a Battiri journalist who’d graduated at the American University in Cairo managed, by ways of persuasion and relations, to extract from Israel an extraordinary concession in the annals of the conflict.

In exchange for their commitment to protect the railway, the farmers retained the right to cultivate their land across the tracks, inside Israel proper.

When Israel captured the West Bank in 1967, the Green Line ceased to prevail. The international community insists it be recognised by Israel as the basis for future borders in the current negotiations with the Palestinian Authority towards a two-state solution.

Thanks to the local hero, Battir’s special status survives to this day. “We stayed on the land by the political wisdom of the late Mustafa,” stresses ‘Aweinah. “His legacy is an attachment to the court case.”

In all 3,000 dunam (300,000m2) – that is, 30 percent of the village land – straddle the Green Line and lie inside Israel. Every other part of Battir falls under either full Israeli control (Area C) or mixed Palestinian administrative/Israeli security control (Area B).

In stark contrast with other planned segments of the barrier where weekly battles pit Palestinian demonstrators against Israeli soldiers, in Battir, farmers cultivate a peaceful form of resistance.

“By promoting ecotourism, the Battiris protect themselves. They compel Israel to guarantee their land,” explains Battir landscape eco-museum director Michel Nasser.

Armed with spades and pitchforks, a delegation of the British Consulate in Jerusalem helps ‘Aweinah plough his plot and plant broad beans.

“We’re here to express our solidarity and contribute to the ecotourism of the place,” serving British consul-general Sir Vincent Fean tells IPS.

“Our aim is to ensure that, together with the local people, we present a peaceful, economically sound prospect of coexistence. Battir can be a model.”

No stones hurled here. Instead, there are hiking trails designed to explore the area’s pristine beauty; a guest house due to open this month; and the eco-museum inaugurated in February. Thousands of tourists visit Battir over the year.

“A green, environmental, Intifadah,” smiles Badr.

Awaiting the court ruling, the villagers sought to have Battir listed as a World Heritage site recognised by the United Nations Educational, Scientific and Cultural Organisation (Unesco) which approved Palestine full membership two years ago.

They hoped the nomination would be granted as emergency measure to convince Israel to reroute the barrier.

But in June, the Palestinian Authority renounced pressing ahead with the endeavour so as to respect its commitment to refrain from unilateral moves during the nine months allocated to the peace talks.

The call for prayer echoes across the valley. Ma’mmar’s brother Ibrahim intones his own prayer, “O Land of Battir, where we multiply and live.”

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam