BEIRUT. Operazioni militari e guerre, i libanesi rifiutano gli aiuti israeliani

0
333

tratto da: http://nena-news.it/beirut-operazioni-militari-e-guerre-i-libanesi-rifiutano-gli-aiuti-israeliani/

07 ago 2020

Resta viva la memoria di guerre, bombardamenti e invasioni militari israeliane. Ma una porzione di libanesi, in prevalenza cristiani maroniti, vede nello Stato ebraico un alleato contro Hezbollah

Volontari ripuliscono la città di Beirut (foto: PrayforBeirut Twitter)

Volontari ripuliscono la città di Beirut (foto: PrayforBeirut Twitter)

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Gerusalemme, 7 agosto 2020, Nena News – Considerato uno degli attivisti più importanti delle proteste di piazza contro l’intera classe politica libanese, senza eccezioni, Nizan Hassan l’altra sera ha commentato senza peli sulla lingua l’offerta di aiuto al Libano giunta da Israele. «Vaffanculo. Fanculo e basta. Le pubbliche relazioni non laveranno i crimini di 70 anni del vostro Stato etnico coloniale ed espansionista. Se avete buone intenzioni, allora investitele per porre fine all’apartheid, all’occupazione e alle guerre e lasciate la nostra miseria fuori dal vostro patetico whitewashing», ha twittato mentre a Beirut si scavava alla ricerca di superstiti all’esplosione.

L’analista Omar Baddar invece ha ricordato la pioggia di bombe a grappolo che Israele ha riversato sul Libano del sud durante la guerra del 2006 e che ha reso invalidi molti civili libanesi, tra i quali bambini.

Mentre Hassan, Baddar e altri libanesi gridavano il proprio sdegno, i media di mezzo mondo pubblicavano la foto della facciata del Comune di Tel Aviv, in piazza Rabin, illuminata con i colori della bandiera libanese. Sul Libano è intervenuto anche Benyamin Netanyahu. «Prima di tutto, in nome del governo israeliano, invio le nostre condoglianze al popolo libanese…C’è stata una grande catastrofe in Libano. Siamo pronti ad inviare assistenza umanitaria in quel paese», ha detto il premier, mentre la tv pubblica Kan riferiva che Israele è in una fase di «discussioni avanzate» con l’Onu per trasferire materiale medico al Libano.

Un aiuto “peloso” nel giudizio di tanti nel paese dei cedri dove non si sono rimarginate le ferite per guerre, occupazioni militari e raid israeliani che – con la motivazione della «autodifesa attiva contro il terrorismo» del movimento sciita filo iraniano Hezbollah e di gruppi palestinesi – hanno causato migliaia di morti e feriti e distruzioni immense. Non sono state risparmiate le infrastrutture civili, neppure le centrali elettriche (l’attacco a quella di Jiyeh, nel luglio 2006, provocò un disastro ambientale). Molti ricordano ancora il 28 dicembre 1968 quando un’unità di elite israeliana fece esplodere nell’aeroporto di Beirut 12 aerei di linea di compagnie libanesi.

Sempre per «autodifesa», l’esercito israeliano per 22 anni ha occupato un’ampia fascia di territorio meridionale libanese, ha lanciato vaste operazioni militari, avviato due guerre (1982 e 2006), circondato e bombardato Beirut, colpito Sidone, Tiro, Tripoli e altre città e compiuto dozzine di esecuzioni mirate di  libanesi e palestinesi. Senza dimenticare la strage dei profughi di Sabra e Shatila compiuta da miliziani di destra libanesi nel 1982 sotto gli occhi dei militari israeliani.

Il giornalista Gideon Levi ieri sul giornale Haaretz ricordava la “Dottrina Dahiya”, dal nome della periferia meridionale di Beirut. Quella zona tra luglio e agosto del 2006 vide l’aviazione israeliana ridurre in un cumulo di macerie gli interi quartieri popolari di Haret Harek e Bir Abed, roccaforti del movimento Hezbollah che giorni prima aveva lanciato un attacco sul confine uccidendo alcuni soldati israeliani.

Va però detto che l’aiuto degli israeliani una porzione non insignificante di libanesi lo accetterebbe molto volentieri. Non per motivi umanitari, per ragioni politiche. Non è un mistero che Israele sia visto come un alleato da molti cristiani maroniti e più di recente anche da musulmani sunniti, che addossano sui propri connazionali sciiti legati a Hezbollah e sui filo siriani la responsabilità dei gravi problemi del paese.

Non si tratta di un fenomeno nuovo, frutto del crescente disinteresse arabo verso la causa palestinese e la «resistenza». È cominciato ben prima della nascita di Israele. I proto-sionisti Moses Montefiori e Adolphe Cremieux, furono tra le prime personalità europee a rispondere alle richieste di aiuto dei maroniti nel 1860 durante quella che è nota come la guerra del Monte Libano tra cristiani e drusi.

Già allora i maroniti –  molti di loro oggi come allora si considerano non arabi ma discendenti diretti di Fenici e Crociati, e si sentono più fratelli di Emmanuel Macron che dei libanesi sciiti – individuarono nel movimento sionista un alleato contro la supremazia numerica degli “arabi”, i sunniti e gli sciiti. Per questo accolsero con grandi onori i nazionalisti ebrei in visita in Libano dopo la Dichiarazione di Balfour.

Speravano che l’afflusso di coloni sionisti in Palestina fosse ampio e rapido, perché corrispondeva ai propri interessi. E i leader del sionismo si affrettarono a considerare i maroniti non l’espressione più occidentale del mondo arabo ma il limite orientale della cristianità occidentale.

L’affinità non si è mai affievolita in tutti questi decenni. L’unico punto di attrito sono i profughi palestinesi della guerra del 1948. I libanesi maroniti, e non solo loro, desiderano rispedirli a casa. Israele non intende permetterlo.

http://nena-news.it/beirut-operazioni-militari-e-guerre-i-libanesi-rifiutano-gli-aiuti-israeliani/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.