Bennett ribalta la decisione di Netanyahu di rilasciare i prigionieri palestinesi

513

Articolo pubblicato originariamente su Asharq al-Awsat e tradotto in italiano da Bocche Scucite

Domenica il generale Moshe Tal ha rivelato che l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu ha accettato due volte di concludere un accordo di scambio di prigionieri con Hamas, ma poi si è tirato indietro.

Tuttavia, ha affermato che il premier Naftali Bennett ha esaminato il dossier e ha capito che l’accordo include il rilascio di centinaia di prigionieri palestinesi, quindi si è rifiutato di procedere con la questione, ostacolandone l’attuazione.

Martedì Tal, un ex ufficiale dell’esercito responsabile dei prigionieri, si è dimesso dal suo incarico. Ha lasciato l’intelligence dell’esercito nel 2019 ed è rimasto come rappresentante del capo dello staff per trattare con i prigionieri e i soldati scomparsi presso l’ufficio del primo ministro.

In un’intervista a Army Radio, Tal ha detto che si è dimesso perché sente che Israele non vuole restituire i prigionieri israeliani detenuti da Hamas, soprattutto la leadership politica, che decide in questa materia.

I responsabili israeliani non hanno abbastanza “volontà e motivazione per portare avanti il processo”, ha dichiarato Tal, notando che quando la precedente leadership ha raggiunto un accordo per rilasciare Gilad Shalit in cambio del rilascio da parte di Israele di 1.050 prigionieri palestinesi, è stato a causa di una grande pressione pubblica.

“Tuttavia, la situazione è attualmente a favore di Hamas e la pressione viene esercitata su di noi (Israele)”.

Tal ha inoltre fatto riferimento a diverse occasioni perse per liberare soldati e cittadini israeliani, anche con operazioni militari contro la Striscia di Gaza per fare pressione su Hamas. Ha sottolineato che la sostituzione dell’amministrazione statunitense ha allentato la pressione, e che gli egiziani stanno spingendo per un accordo.

Quando gli è stato chiesto di Bennett, e se avesse cambiato l’approccio del suo predecessore sulla questione, Tal ha detto: “Se è un leader, deve prendere decisioni”.

Ha sottolineato gli obblighi dei governi precedenti che hanno accettato di rilasciare molti prigionieri palestinesi.

Hamas trattiene i corpi dei soldati Oron Shaul e Hadar Goldin, uccisi nella guerra di Gaza del 2014, e di due civili israeliani, Avera Mengistu e Hisham al-Sayed.

Israele ha presentato la restituzione dei prigionieri e dei soldati scomparsi come condizione per fare qualsiasi progresso nei negoziati sulla ricostruzione della Striscia di Gaza e la riparazione delle infrastrutture danneggiate durante le ostilità di maggio con Hamas.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.