Bradley Burston: LA COMMEMORAZIONE DELL’OLOCAUSTO DEL PRIMO MINISTRO E’ STATA UNA LUNGA OSCENITA’ E NON E’ FINITA

0

– 

Bradley Burston Opinion My Prime Minister’s Holocaust Commemoration Was One Long Obscenity; and It’s Not Over

Qualcuno deve allontanare il mio primo ministro dal podio della commemorazione dello  Yom Hashoah, in Israele.

Nessuno lo farà, comunque. Non impareremo mai.

Anno dopo anno decine e decine di migliaia di sopravvissuti all’Olocausto in tutta Israele consumano pasti assolutamente inadeguati e sono senza medicine e riscaldamento per mancanza di assistenza che il mio primo ministro avrebbe potuto fornire loro 10 anni fa, nove anni fa, o dieci giorni fa,
Si avvicina ai microfoni con la stessa  aria  di   auto-canonizzazione per dire dice ai sopravvissuti quanto sono grandi con lui al potere.
L’Olocausto. Come tutto il resto, è tutto su di lui.
Quest’anno il suo discorso agli anziani sopravvissuti  – “ai sopravvissuti dell’Olocausto che, questa sera, vengono prima di tutti e sono sopra tutti“, era molto, molto peggio.
Con il pretesto di onorare i sei sopravvissuti eroici che avrebbero acceso le torce commemorative, in realtà li ha sfruttati. Alcuni direbbero, li ha umiliati. Come un  super-attore consumato, il mio primo ministro ha rubato le loro storie prima che loro stessi potessero dire la loro, trovando il modo di interporre se stesso e sua moglie nella narrazione.
E’ stata  una interminabile oscenità egoistica.

Ha riferito come lui e sua moglie si sono recentemente impegnati a visitare le capitali europee e i siti dell’Olocausto, ha osservato che all’estero “Israele oggi è oggetto di un’ ammirazione senza precedenti e, non esagero,  di un’adulazione senza precedenti”.

Quindi, senza la minima traccia di ironia o preoccupazione nell’ offendere i sopravvissuti e gli ebrei del mondo, ha continuato: “Nella diaspora, la nostra debolezza abissale ci ha lasciato abbandonati al nostro destino. Nella Patria la forza che abbiamo costruito ci ha trasformato in una potenza mondiale in crescita. Molti, molti desiderano essere vicini a noi.
Tra coloro che vogliono essere vicini, come ha chiarito, ci sono i regimi di estrema destra di Ungheria e Polonia, che sono stati  i meno zelanti nell’agire per arginare l’antisemitismo neonazista.
Inoltre, per assicurare una politica partigiana, sia qui che all’estero che  ha ulteriormente diviso il mondo ebraico  si è disfatto di Barack Obama, del  Partito Democratico e dell’ ebraismo americano:
Ci sono stati anni in cui abbiamo lottato da soli, da soli contro il mondo intero, combattendo il pericoloso accordo nucleare con l’Iran, ma  la nostra ostinata insistenza ha dato i suoi frutti. Stimiamo fortemente la determinazione del presidente Trump, che si è ritirato  dall’accordo nucleare, ha  imposto pesanti sanzioni all’Iran e, pochi giorni fa, ha dichiarato le Guardie rivoluzionarie iraniane un’organizzazione terroristica“.
In chiusura il mio primo ministro ha lasciato per ultimo il più grande insulto. Si è riferito al suo defunto padre  sottolineando: “mio padre ha attraversato due guerre mondiali ed è stato molto attivo per il sionismo“.
C’è solo  un problema Il padre del mio primo ministro, che godeva di privilegi insoliti come segretario del  leader sionista di destra Ze’ev Jabotinsky,  trascorse gli anni della Seconda Guerra Mondiale a New York, trasferendosi in Israele solo alla fine della guerra del Medio Oriente del 1948.
Non basta. Nel corso degli anni, il mio primo ministro si è contraddistinto come sfruttatore israeliano n.1 dell’Olocausto. Ha cooptato la storia stessa per i suoi fini politici arrivando a dichiarare falsamente che  Hitler non voleva sterminare gli ebrei, ma fu persuaso a farlo dall’allora leader palestinese, il Gran Mufti di Gerusalemme. L’oscenità di tutto ciò è tutt’altro che finita. E, sì, ho imparato ad accettare che un uomo, che è riuscito a sfruttare, ignorare e maltrattare i sopravvissuti dell’Olocausto per dieci anni di fila, può farla franca in qualsiasi cosa.
Ma non è il mio primo ministro.

 

Bradley Burston: La commemorazione dell’Olocausto del Primo Ministro è stata una lunga oscenità e non è finita

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2019/05/bradley-burston-la-commemorazione.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.