BRASILE. BRUMADINHO: I CANDIDATI DOVRANNO SUPERARE IL DISCREDITO E LA TRAGEDIA

0
300

tratto da: https://www.pressenza.com/it/2020/11/brasile-brumadinho-i-candidati-dovranno-superare-il-discredito-e-la-tragedia/

13.11.2020 – Brasile  Redação Rio de Janeiro

Devastata da una tragedia che l’ha posta come teatro del più grande incidente con morti a causa di una diga in Brasile – e tra gli otto più grandi disastri ambientali del mondo, secondo un rapporto dell’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Ambiente – Brumadinho pone due sfide ai sei candidati a sindaco nelle elezioni del 15 novembre.

L’attuale sindaco e candidato alla rielezione, Nenenen da Asa (PV), Antônio Brandão (MDB), Bruno Johnny (DC), Cláudio Teixeira (PRTB), il professor Márcio Guru (PTB) e Reinaldo Fernandes (PT), dovranno prima convincere la maggioranza della popolazione a cambiare idea sull’inefficienza dei politici e poi ad andare a votare. Poi il rappresentante eletto dovrà convincere il responsabile della tragedia, la società Vale – la seconda società mineraria del mondo – a cambiare il suo rapporto con le famiglie delle vittime e con la città.

Situazioni come la tragedia di Brumadinho pongono grandi sfide allo Stato e alla società, perché mostrano la precarietà delle istituzioni di fronte all’avanzata sfrenata delle imprese rispetto ai beni naturali e di uso comune”.

L’analisi è di Andréa Zhouri, professore presso il Dipartimento di Antropologia e Archeologia dell’UFMG (Università Federale del Minas Gerais), che coordina i progetti di ricerca e l’estensione delle politiche di risarcimento legate alla rottura della diga Fundão a Mariana. Questo è stato causato nel 2015 da Samarco, una società di Vale in collaborazione con una multinazionale mineraria e petrolifera, la BHP Billiton anglo-australiana.

I problemi legati alla tragedia, che sono durati quasi due anni, mostrano la dimensione e la complessità di queste sfide.

Perdite e danni

Il 25 gennaio 2019 la diga della miniera Corrego do Feijão si è rotta, provocando uno smottamento – alla velocità di 80 km/h – di quasi 12 milioni di metri cubi di rifiuti minerali, uccidendo 272 persone, di cui 259 dipendenti di Vale. Sul totale, ad oggi non sono state trovate che 11 vittime.

È il caso di Lecilda de Oliveira, 49 anni all’epoca, 30 dei quali ha lavorato per Vale, madre di due figli. “Siamo vicini al loro secondo anniversario sotto il fango: è giusto farlo con una delle dipendenti più anziane, che ha lavorato per quell’azienda fino alla sua morte?” chiede Natália de Oliveria, 48 anni, la sorella della vittima. “Qualche mese dopo Vale, che ha un esercito dei migliori avvocati del Paese, ha forzato un accordo e le famiglie, ancora indebolite in tutti i sensi, hanno accettato”.

Con l’accordo, genitori, coniugi e figli delle vittime hanno ricevuto ognuno 700.000 R$ (130.500 U$) per danni morali. I fratelli hanno ricevuto 150.000 R$ (28.000 dollari) ciascuno. Tuttavia, secondo Natália, è stata omessa una polizza di assicurazione sulla vita che Vale stipula per ogni dipendente per un importo di 2,6 milioni di dollari USA (poco più di 14 milioni di R$, al valore attuale); non sono stati pagati più di 2,6 milioni di R$. Alle azioni legali dirette a valutare le sue responsabilità, Vale reagisce presentando ricorsi che si prolungano nei lunghi tempi della giustizia.

Controverso è anche il rifiuto di Vale di pagare i diritti del lavoro, come anche il 40% del FGTS (Fondo di garanzia). “Sembra che la persona non sia morta sul lavoro a causa dell’azienda, ma che abbia lasciato il suo posto, come se si fosse dimessa”, dice Josiane Melo, 39 anni, presidente dell’Associazione dei parenti delle vittime e delle persone colpite dalla rottura della diga di Mina Córrego Feijão Brumadinho (Avabrum), che ha subito nel disastro la morte di una sorella, l’ingegnere civile Eliane Melo di 39 anni, incinta di cinque mesi, la qual cosa ha messo a dura prova il rapporto della famiglia con Vale.

Eliane è stata trovata 69 giorni dopo la rottura delle acque, e la società sostiene che non è stato possibile dimostrare la gravidanza. “Con questo, Vale conta meno vittime e paga meno risarcimenti. È ironico che questo provenga da un’azienda il cui motto e la cui politica di gestione è ‘La vita prima di tutto’”, dice Josiane, anch’essa dipendente della società mineraria, che è stata rimossa dal suo incarico dal Innss (l’istituto di previdenza sociale NdT)

Da sinistra: Lecilda de Oliveira, Eliane Melo e Vagner Nascimento. Foto di Avabrum

Il criterio di Vale per il conteggio delle vittime rappresenta anche un dramma per la casalinga Arlete Silva (57 anni) e suo marito, Alberico Silva (62 anni), pensionato, genitori di Vagner Nascimento, morto a 39 anni nel disastro, lasciando la moglie e la figlia sedicenne. Dopo sei mesi di ricerche, solo la sua gamba destra è stata identificata dal DNA e consegnata alla famiglia, che si rifiuta di chiudere il caso.

Per Vale, il mio Vaguinho è uno in meno di cui preoccuparsi, perché mi hanno già dato la sua gamba, ma per me, no; ancora manca. L’ho messo al mondo, è andato a lavorare tutto intero e ho il diritto di seppellirlo tutto intero. Voglio solo dare a nostro figlio una sepoltura dignitosa”, dice la madre.

Da allora, ogni giorno alle 18, il padre esce dal letargo imposto dalla depressione cronica e compie un rituale: si reca alla porta di casa in attesa dell’arrivo dell’Istituto Medico Forense, per la consegna di ciò che manca dal corpo del figlio. È in quell’orario che, durante i 15 anni in cui ha lavorato come operatore di motor grader alla diga, Vagner arrivava a casa sua, situata accanto a quella dei suoi genitori.

L’attesa di Alberico richiederà tempo: c’è ancora un’area di 5 milioni di metri cubi di resti da controllare. Con la pandemia di Covid-19, le ricerche sono state interrotte lo scorso marzo e stanno riprendendo solo ora.

Su questo tema dei risarcimenti dovuti da Vale, a eccezione di Bruno Johnny (che non ha risposto alle richieste di colloquio), i candidati hanno una proposta convergente: con il sostegno della Giustizia, della Procura della Repubblica e dei contratti firmati tra il Comune e l’azienda, e in associazione con il governo dello Stato, vogliono chiedere al Comune un risarcimento completo (materiale, lavorativo, morale e sanitario) per le famiglie delle vittime e di coloro che sono stati colpiti dal disastro, nonché un risarcimento completo (finanziario e ambientale).

Discredito nella giustizia e nella politica

Ciò che più indigna Arlete e Josiane è la certezza che la tragedia avrebbe potuto essere evitata. Secondo Arlete, sei mesi prima del disastro suo figlio aveva commentato la strana presenza degli ingegneri della compagnia mineraria che analizzavano una possibile faglia nella diga. Il sospetto di Vagner trova eco in una dichiarazione di Josiane:

Nel luglio 2018, c’era già una crepa nella diga. Non per niente in ottobre, Vale ha effettuato, di punto in bianco, un’esercitazione di evacuazione, cosa che non era mai stata fatta prima. All’epoca, per quelli che come noi ci lavoravano sembrava solo una procedura di sicurezza, ma quando la diga si è rotta, abbiamo capito. Tutto viene evidenziato nelle indagini già effettuate. Avrebbero dovuto far uscire tutti da lì, ma non l’hanno fatto e non hanno avvertito del rischio. Vale ha scelto di uccidere per profitto”, dice.

L’indignazione si estende alla giustizia e alla politica, da cui si aspettavano azioni più incisive per ritenere l’azienda responsabile della tragedia e delle sue conseguenze. “In questo Paese la giustizia non rispetta le leggi, rispetta il denaro”, accusa Arlete, che non lascerà la sua casa per votare. “Ho perso fiducia negli esseri umani”, confessa.

L’incredulità in politica è stata confermata da quattro candidati a sindaco, oltre che dai membri del coordinamento nazionale del Movimento delle persone colpite dalle dighe (MAB), che è in costante azione con buona parte dei 57mila abitanti di Brumadinho.

Si stima che circa il 60% della popolazione ritiene che Vale sia a capo dell’ufficio del sindaco, quindi non si aspettano cambiamenti con le elezioni, indipendentemente da chi viene eletto.

Rio Paraopeba. Foto di Felipe Werneck/Ibama

Il candidato del PT, il professor Márcio Guru, cita un caso che spiega la percezione popolare del potere dell’azienda in città: all’inizio della pandemia, il sindaco ha decretato la cessazione temporanea delle attività delle aziende subappaltatrici di Vale. Due giorni dopo, il decreto è stato revocato dai tribunali dello stato del Minas Gerais.

Sonia Maranho, del MAB, ricorda che al momento del disastro, l’allora relatore speciale dell’ONU per i diritti umani e le sostanze tossiche, Baskut Tuncak, ha pubblicato un rapporto in cui raccomandava di non indagare sul caso in quanto incidente ma come crimine, ma non c’è stata alcuna mobilitazione politica in tal senso. “Con tutto questo, la popolazione ritiene che le autorità pubbliche facciano poco in loro difesa. Ed è triste, perché la soluzione è politica”, lamenta un altro coordinatore del MAB, Joceli Andrioli.

Il sentimento di abbandono politico è rafforzato dall’azione del governatore del Minas Gerais Romeu Zema, la cui principale preoccupazione – dice Andrioli – è stata il risarcimento di Vale nei confronti dello Stato.

È un’opinione condivisa dai candidati Breno Carone e Reinaldo Fernandes, che sottolineano che fino ad allora la performance di Zema è stata solo per assicurarsi che Vale paghi i 54 miliardi di dollari che deve allo Stato per riparare il danno morale e sociale collettivo. Tuttavia, lo scorso giovedì 22/10, in un’intervista a Radio Itatiaia, il governatore del Minas Gerais ha dichiarato di aver accettato un accordo per un importo minore per la realizzazione di lavori in tutto lo Stato. “E’ meglio ricevere X ora che 3X in molti anni”, ha detto Zema.

Tragedie e malattie

La salute fisica e mentale della popolazione di Brumadinho è stata preoccupante dopo il disastro.

Essendo una piccola città, tutti avevano qualche legame (familiare, di amicizia, professionale, emotivo) con una o più vittime. Così, tutti hanno sviluppato un qualche tipo di trauma che varia solo di grado, da cui risulta che una parte significativa della popolazione ha bisogno di un trattamento di salute mentale. I casi più comuni sono la depressione, la sindrome di panico e l’insonnia. I più gravi sono il desiderio o il tentativo di suicidio (cinque, finora).

La maggiore richiesta di cure avviene nel sistema sanitario pubblico attraverso il Centro di Sostegno Psicosociale (CAPS), ma anche l’assistenza privata viene fornita attraverso piani sanitari finanziati da Vale nell’ambito dell’accordo di risarcimento per le famiglie delle vittime.

Oltre alla terapia, molti ricorrono ai farmaci. Dopo il disastro e con la pandemia di Covid-19, il consumo di ansiolitici e antidepressivi è aumentato del 70% e il consumo di Rivotril del 156%. “Le tragedie causano malattie dovute alla perdita di un progetto di vita”, dice José Geraldo, farmacista e membro del MAB.

La fragilità emotiva è rafforzata dalla concreta minaccia di contaminazione da residui minerali. “Il fiume Paraopeba è stato trovato contaminato. I fanghi di miniera sono ricchi di fino a 12 metalli pesanti, ciascuno con un effetto diverso sulla salute umana. I più comuni sono il cancro linfatico e polmonare. Questo materiale si trova sulle rive del fiume. Il fango si asciuga, si trasforma in polvere fine e viene inalato. In Mariana, gli studi di valutazione del rischio per la salute umana sono stati classificati come un pericolo imminente per la salute pubblica. Cioè, o il fango viene allontanato, o le persone vengono allontanate. Questo può essere ripetuto a Brumadinho, a causa della bioaccumulazione, ma Vale nega questo rischio”, avverte José Geraldo.

Foto Felipe Werneck/Ibama

Con una lieve variazione – più retorica che pratica – i candidati concordano sulle stesse proposte di sanità pubblica.

Propongono di assumere, temporaneamente o per concorso, professionisti più qualificati sia per le CAPS che per l’assistenza primaria, con stipendi migliori, pagati con il taglio di quello che gli oppositori dell’attuale sindaco definiscono un eccesso di incarichi politici (350, secondo il candidato del PRTB, Cláudio Teixeira), che sovraccaricano il budget della città. “La spesa di Brumadinho per il personale è di 6 milioni di R$ al mese, di cui 3,5 milioni di R$ per le persone assunte e 2,5 milioni di R$ per i commissari”, dice il professor Márcio Guru del PTB.

Nenen da Asa risponde alle accuse: “Il sindaco deve sapere di quanti dipendenti ha bisogno. La salute ha una buona approvazione da parte della popolazione, una delle migliori dello stato. Ciononostante, assumerò altri professionisti e inaugurerò l’Ospedale Regionale”.

Per quanto riguarda la salute del comune e il suo futuro, la diagnosi è unanime: Brumadinho non può più dipendere così tanto da Vale, che oggi rappresenta quasi il 60% delle entrate della città. Tra 15 o 20 anni lo sfruttamento delle materie prime giungerà al termine, per cui è necessario investire ora per attrarre aziende di altri settori come il turismo, l’ecoturismo, l’agricoltura familiare (che rappresenta già il secondo maggiore reddito della città) e la tecnologia.

Ma tornando al secondo paragrafo di questo articolo, la prima sfida è quella di convincere la popolazione a cambiare idea e andare a votare. La maggior parte si lamenta del fatto che quando avevano più bisogno dei politici, nessuno di loro veniva e dovevano andare a prenderli. Si lamentano anche che pochi dei sei candidati a sindaco, si sono recati – pochissime volte – agli atti che ogni 25 giorni le famiglie compiono in memoria delle loro vittime.

Di Marcelo Z Carota*

Leggi anche (in portoghese)
Após a devastação causada pela Vale prefeitura de Brumadinho apoia mineração em Parque

 

Traduzione dallo spagnolo di Francesca Grassia. Revisione: Silvia Nocera

Redação Rio de Janeiro


News published by the Pressenza bureau in Rio de Janeiro, Brazil

 

 

Brasile. Brumadinho: i candidati dovranno superare il discredito e la tragedia

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.