Brasile. INVALIDATE LE CONDANNE. LULA POTRA’ TORNARE IN PISTA

0
182

tratto da: https://www.avvenire.it/mondo/pagine/lula-corte-suprema-annulla-condanna-brasile

Redazione Esteri martedì 9 marzo 2021

Un giudice della Corte Suprema ripristina i diritti politici dell’ex presidente

Lula de Silva

Lula de Silva – Ansa

Un colpo di spugna che terremota la politica brasiliana. Un giudice della Corte Suprema brasiliana, Edson Fachin, ha invalidato tutte le condanne penali dell’ex presidente Lula da Silva, ripristinando i suoi diritti politici e rendendolo di nuovo idoneo a “correre” contro Jair Bolsonaro nel 2022. Lula era in testa a tutti i sondaggi quando fu condannato nel 2018, dalla giustizia federale del Paranà per l’operazione Lava Jato. Il giudice ha stabilito che la giustizia del Paranà non aveva la competenza giuridica richiesta per analizzare le azioni criminali.

La sentenza si riferisce a tre processi in cui Lula è stato giudicato da un tribunale di primo grado di Curitiba, incaricato dall’allora giudice Sergio Moro, che aveva ritenuto di non avere all’epoca «competenza giuridica» per analizzare quei casi, come spiega il giudice supremo stesso, la cui plenaria dovrà confermare quella decisione. Secondo la decisione di Fachin, che è responsabile dell’operazione anti-corruzione Lava Jato, per la quale l’ex presidente è stato incriminato, questi tre casi devono ora passare ai tribunali federali di Brasilia, che decideranno sul corso di ciascuno dei casi.

La decisione riguarda casi che riguardano un appartamento nella località balneare di Guarujà, sulla costa dello Stato di San Paolo; una casa di campagna a San Paolo di Atibaia; e un’indagine sull’Istituto Lula, fondato dall’ex presidente. Per il primo caso, Lula è stato condannato a 12 anni di prigione, per quello della casa di campagna a 17 anni, mentre il caso della fondazione non ha ancora raggiunto un verdetto finale.

Per queste condanne, Lula ha trascorso 580 giorni in prigione ed è stato rilasciato quando la Corte Suprema ha cambiato la propria giurisprudenza e ha deciso che una persona può essere incarcerata solo quando non ci sono più appelli disponibili, e questo non era il caso dell’ex presidente. La decisione di Fachin dovrà essere vagliata dagli 11 membri della Corte Suprema al completo. Se l’intera corte appoggerà la sentenza di Fachin, che si basa su quello che chiama un «errore procedurale» per «mancanza di giurisdizione», Lula riacquisterà i suoi diritti politici e potrebbe anche essere un candidato presidenziale di nuovo nel 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

https://www.avvenire.it/mondo/pagine/lula-corte-suprema-annulla-condanna-brasile

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.