‘BRUTALITA’ SENZA PRECEDENTI’: LA FAMIGLIA DI PALESTINESI MUTILATA DAL BULLDOZER CONDANNA ISRAELE

0
284

tratto da: rete Italiana ISM

https://www.middleeasteye.net/

24 febbraio 2020 

Tareq Hajjaj a Khan Yunus,  Striscia di Gaza assediata:

Il video del corpo di Mohammed al-Naem maltrattato dal bulldozer ha sconvolto i suoi parenti e ha causato indignazione in tutto il mondo

Belal al-Naem è rimasta sconvolta vedendo il filmato: un bulldozer israeliano che trascinava, mutilava e faceva penzolare il cadavere di un palestinese nella Striscia di Gaza assediata. Poi ha scoperto che era il corpo di suo fratello.

Ho vissuto lo shock due volte, prima, senza sapere che era mio fratello, e poi quando ho saputo che era lui”, ha detto a Middle East Eye.

La madre di Mohammed al-Naem, Um Hussein (MEE / Moschea murata)

Il fratello di Belal, Mohammed, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco israeliano domenica ad Abasan al-Kabira, a est di Khan Younis.

L’esercito israeliano ha affermato che lui e un altro palestinese stavano tentando di posizionare un dispositivo esplosivo sulla frontiera tra l’enclave assediata e Israele.

Quindi un bulldozer militare, accompagnato da un carro armato, è entrato per recuperare il corpo e le sue manovre sono state seguite dalla telecamera.

Il filmato del bulldozer che trascinava il cadavere è diventato rapidamente virale.

Non potevo sopportare la crudeltà contenuta in esso, c’era un essere umano tagliato a pezzi ancora e ancora. Il mio cuore non sopportava la scena, ho pregato per lui e mi sono allontanato“, ha detto Belal, descrivendolo come ”brutalità senza precedenti“.

Questo non è un modo in cui un essere umano può morire, ed è successo mentre il mondo intero sta guardando”, ha aggiunto.

La nostra famiglia ha visto, e questo non uscirà più dalle nostre menti.

“Chi crescerà suo figlio?”

Confutando le affermazioni di Israele, la famiglia di Mohammed afferma che non si trovava per niente vicino al recinto di confine e invece era in un’area che è stata a lungo utilizzata per proteste pacifiche.

Sua madre in lutto ha descritto l’ingegnere di 27 anni come un padre devoto al figlio di 10 mesi.

Ha lavorato tutte le volte che ha potuto. Cercava qualsiasi opportunità per far vivere la sua famiglia e colpiva tutti noi con la sua gentilezza e il suo sostegno. Nessun giorno sarebbe passato senza che lui venisse a salutarmi”, ha detto la madre di Mohammed Um Hussein a MEE, piangendo.

Mentre partiva ieri teneva in braccio suo figlio, sorridendomi e salutando sulla porta, dicendo che sarebbe venuto domani a prenderci”, ha aggiunto.

Chi crescerà suo figlio adesso?

‘Ho sentito ogni colpo sul corpo di mio figlio. Erano nel mio cuore, ho sentito il dolore come se fossi lui. Non dimenticherò mai come Israele ha ucciso mio figlio” ha detto.

Guardare il video è stato traumatico per sua madre.

La famiglia di Mohammed ha confermato che era un combattente per la Jihad islamica, una fazione armata della resistenza palestinese. La sua morte è stata seguita da una raffica di missili lanciati da Gaza verso Israele e da attacchi aerei israeliani contro obiettivi della Jihad islamica nell’enclave e in Siria.

Nonostante la sua affiliazione, la famiglia di Mohammed insiste sul fatto che le sue motivazioni per essere vicino al confine erano pacifiche.

Si svegliava presto, andava alla moschea per la preghiere di Fajr [alba] e camminava al mattino vicino alla frontiera. Amava guardare le terre che proteggeva“, ha detto sua moglie Um Hamza.

Tenendo in braccio il loro bambino, sua moglie disse che non poteva guardare ilvideo poiché la sua famiglia le aveva detto quanto fosse brutale.

Non lo vedrò tagliato a pezzi, vorrei che questo video scomparisse”, ha detto.

Salvataggio interrotto

Moataz al-Najar, 23 anni, è stato il primo a individuare il corpo senza vita di Mohammed, alle 6 del mattino. Chiamò alcuni dei suoi amici e parenti e insieme hanno cercato di recuperarlo.

Ho cercato di avvicinarmi a lui per salvarlo, ma i soldati israeliani hanno continuato a sparare a caso”, ha detto Najar a MEE.

Dopo due ore Najar riuscì ad avvicinarsi a Mohammed, che giaceva immobile e non respirava.

Era morto e il suo viso era bruciacchiato, il suo intestino si stava riversando dal suo corpo. Io e mio cugino Ahmed abbiamo cercato di trascinarlo via ma il bulldozer ci ha aggredito“, ha ricordato.

Ho gridato all’autista che l’uomo è morto, ma ha continuato ad attaccare”, ha aggiunto Najar, sdraiato in un letto d’ospedale a Khan Younis.

Il bulldozer si è mosso verso di noi sempre più velocemente, e ci sono state riprese implacabili. Il bulldozer mi ha colpito e mi sentivo come se avessi perso la gamba, quindi sono stato costretto a lasciare tutto alle spalle e scappare“.

Moataz al-Najar ricoverato in ospedale a Khan Yunus (MEE / Walled Mosleh)

Secondo Najar, l’incidente è avvenuto a circa 350 metri all’interno della Striscia di Gaza e né lui né Mohammed hanno attraversato la recinzione israeliana.

Israele trattiene ancora il corpo di Mohammed.

Devono restituire il suo corpo, voglio dirgli addio”, ha detto Um Hamza.

La sua morte è onorevole, è un martire e ha protetto la sua nazione. Mi aspettavo che un giorno morisse, ma non così selvaggiamente come dicono.“

 

‘Brutalità senza precedenti’: la famiglia di palestinesi mutilata dal bulldozer condanna Israele

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.