B’Tselem : RACCOLTA DELLE OLIVE 2019 – Progetto interattivo: danno israeliano agli agricoltori palestinesi da parte di soldati e coloni

0

tratto da: FRAMMENTI VOCALI IN MO

– 

Sintesi personale

La violenza di Israele in Cisgiordania raggiunge il massimo livello durante la raccolta delle olive, quando i palestinesi devono accedere alla loro terra per raccogliere le olive. Le olive sono un settore importante dell’economia della Cisgiordania e la stagione era un tempo occasione di festa: le famiglie palestinesi celebravano i loro prodotti agricoli e il loro legame con la terra.  Da anni  tuttavia, la raccolta delle olive è effettuata all’ombra di azioni violente di soldati e coloni che danneggiano gli alberi e rubano il raccolto.

Anche quest’anno B’Tselem ha documentato dozzine di casi  dove i coloni hanno aggredito i contadini palestinesi, rubato olive e vandalizzato alberi, attrezzature agricole e strumenti di lavoro. Tutto ciò sotto il naso dei soldati che sono quasi sempre presenti nella zona, nelle postazioni militari o nelle vedette vicine.

Da settembre a novembre 2019, B’Tselem ha documentato casi di aggressione, furto, vandalismo, minacce e attacchi nelle vicinanze di Ramallah, Nablus, Tulkarm, Qalqiliya e Salfit.  In 11 casi i coloni hanno aggredito i contadini palestinesi, li hanno minacciati, li hanno cacciati dalla propria terra, li hanno attaccati fisicamente o hanno lanciato pietre contro di loro; in due casi  i coloni hanno vandalizzato i veicoli; in  nove casi hanno rubato le olive a più di 650 alberi e hanno gravemente danneggiato più di 450 alberi; in 3 casi hanno danneggiato le attrezzature agricole. A volte  i soldati hanno bloccato i cancelli nella barriera di separazione impedendo ai Palestinesi di accedere ai loro terreni agricoli  o hanno trattenuto gli agricoltori.

Questi atti si svolgono tutto l’anno in Cisgiordania. La differenza è che Israele mostra di fornire agli agricoltori palestinesi una protezione speciale durante la stagione del raccolto. A tal fine l’ufficio israeliano di coordinamento del distretto (DCO) pianifica giornate appositamente coordinate per gli agricoltori la cui terra si trova vicino agli insediamenti, in modo che i militari presumibilmente forniscano loro protezione contro i coloni. Tutto questo  ben poco aiuta  effettivamente gli agricoltori.

In primo luogo il meccanismo di “coordinamento” si basa sul presupposto che la violenza dei coloni è un dato, piuttosto che una realtà che può – e dovrebbe – essere modificata. Invece di investire in prevenzione, lo stato impone restrizioni draconiane agli agricoltori palestinesi, che hanno il diritto di accedere alla loro terra. In secondo luogo assegna agli agricoltori pochi giorni per cui non possono completare il raccolto e fissa date non adatte. Ad esempio  quest’anno il DCO ha programmato l’inizio dei giorni coordinati il 27 ottobre, quasi due settimane dopo l’inizio ufficiale del raccolto. Gli agricoltori nel distretto di Ramallah hanno informato B’Tselem che i rappresentanti del DCO avevano detto loro che il motivo era di evitare gli scontri  durante le  festività ebraiche. Il ritardo è costato ai contadini preziose giornate di raccolta e  i militari hanno permesso ai coloni di rubare alcune delle colture.

Anche quando gli agricoltori riescono ad arrivare ai loro appezzamenti nei giorni previsti, i militari offrono loro scarsa protezione. In alcuni casi, i soldati non si presentano mai nell’orario previsto, lasciando gli agricoltori vulnerabili ai capricci dei coloni. Altre volte arrivano i soldati, ma non appena emergono i coloni allontanano rapidamente i palestinesi e ricorrono persino alla violenza e alle armi per farlo, mentre intraprendono rare azioni contro i coloni. Le autorità israeliane in Cisgiordania appoggiano pienamente questa violenza e non si preoccupano nemmeno di indagare sugli attacchi o di arrestare gli autori.

Il comportamento generale delle autorità israeliane durante la stagione della raccolta delle olive è indicativo della politica illegale che Israele ha attuato in Cisgiordania per decenni. Questa politica è  centrata  sulla espropriazione dei palestinesi per evitare qualsiasi possibilità di sviluppo, ignora volontariamente i bisogni, i diritti e i desideri della popolazione palestinese, espande continuamente gli insediamenti, sviluppandoli e promuovendo  esclusivamente  gli  interessi israeliani.

 

 

BTSELEM.ORG

2019 Olive Harvest – Interactive Project: Israeli Harm to Palestinian Farmers carried out by Soldiers and Settlers

The dispossession and violence that mark Israel’s policy in the West Bank peak during the olive harvest, when Palestinians need to access their land to pick the olives off their trees. Olives are a major sector of the West Bank economy and the season used to be a festive time, in which Palestinian…

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2020/01/btselem-raccolta-delle-olive-del-2019.html

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.