Burston: “Vi racconto Donald Trump: un codardo malato d’odio”

0
269

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/01/23/burston-vi-racconto-donald-trump-un-codardo-malato-d-odio-2072761.html

Il giornalista israeliano di origine americana, profondo conoscitore del pianeta suprematista Usa nonché puntuale censore di The Donald racconta l’estremista di destra della Casa Bianca

Manifestanti anti-Trump

Manifestanti anti-Trump

Umberto De Giovannangeli 23 gennaio 2021

L’”Hitler della Casa Bianca”. Non è una forzatura giornalistica di Globalist. Ma un riferimento che accompagna e connota le riflessioni, da noi documentate, di diversi analisti e studiosi del trumpismo e dell’estremismo suprematista americano.

Tra questi, Bradley Burston, giornalista israeliano di origine americana, profondo conoscitore del pianeta suprematista Usa nonché puntuale censore di The Donald. 

Il peggiore d’America

“All’inizio della sua presidenza – annota Burston –  molti di noi americani temevano che Donald Trump si sarebbe trasformato in Hitler. Le nostre paure erano fuori luogo. Avremmo dovuto essere terrorizzati dal fatto che sarebbe diventato Donald Trump. Allora, ricordo che speravo che potesse, come indicato da alcuni dei suoi elettori più riluttanti, crescere nel suo maestoso ufficio, assumere la sua conoscenza con il suo potere. Forse, come ha detto un sostenitore, “Quando lo conoscerete, vedrete l’uomo che è veramente”. Beh, noi lo abbiamo conosciuto. Abbiamo visto l’uomo che è veramente. Donald Trump è l’uomo peggiore d’America. Grazie a Dio se n’è andato L’uomo che ha fatto una campagna sul principio che “potrei stare in mezzo alla Fifth Avenue e sparare a qualcuno e non perderei nessun elettore”, ha appena concluso il suo mandato con una serie di uccisioni. L’uomo che ha iniziato il suo mandato strappando con orgoglio i bambini ai loro genitori richiedenti asilo e chiudendoli in gabbie di rete ha trascorso alcuni degli ultimi giorni della sua presidenza giustiziando più prigionieri degli ultimi 10 presidenti messi insieme. Tale era il suo zelo che i funzionari federali hanno effettuato una delle esecuzioni mentre un appello era ancora in corso. Un tribunale ha poi respinto l’appello come irrilevante, sulla base del fatto che l’uomo era già morto. Trump non ha permesso a nulla di ostacolare la sua ondata di iniezioni letali – non la sua sconfitta elettorale, non l’invasione del Campidoglio, non il suo impeachment e certamente non l’imminente insediamento di Biden. Al contrario, l’ultima delle uccisioni è avvenuta proprio sabato, cinque giorni prima della scadenza del suo mandato. Infatti, il suo mandato è terminato prima che potesse mettere in pratica una “mezzanotte” post-elettorale, o regolamento dell’ultimo minuto emanato a fine novembre dal suo Dipartimento di Giustizia. La direttiva autorizzava la ripresa di quelli che il professor  Austin Sarat di Amherst, un’autorità sulla pena capitale, chiamava “metodi macabri”, che includono l’impiccagione sulla forca, l’elettrocuzione e la morte per fucilazione. In un’espressione di crudeltà unicamente trumpiana, per non dire sadismo, i regolamenti sono stati scritti in modo da entrare in vigore la vigilia di Natale. Questo è il Donald Trump essenziale, che ignora un’orribile e monumentale emergenza nazionale che è il coronavirus in favore di una folle corsa a supervisionare l’uccisione dei detenuti nel braccio della morte. Perché? In parte, era un ultimo lato di carne rossa gettato alla sua base, e in parte perché il presidente eletto Joe Biden si oppone alla pena di morte. Grazie a Dio se n’è andato.

Nonostante le dichiarazioni di Trump di essere molto “pro-vita”, non ha rivali come distruttore di vite americane. Entro la prossima settimana, tanti americani saranno morti di Covid-19 quanti il numero totale di americani uccisi combattendo per il loro paese nella seconda guerra mondiale. L’aggressivo, evangelico disprezzo di Trump per la scienza; il suo disprezzo per la pre-pianificazione dell’amministrazione Obama per le crisi pandemiche; la sua orchestrazione ossessivamente gioiosa e lo sfruttamento di eventi super-diffusivi; il suo difendere la fasulla “libertà dell’individuo” piuttosto che esortare i suoi seguaci adoranti a fare qualcosa di semplice e potenzialmente salva-vita come indossare una maschera – tutto questo, preso insieme, ha prodotto una catastrofe senza precedenti. Con solo il 4% della popolazione del pianeta, il più ricco di tutti i paesi è ora responsabile di oltre il 20% delle morti per coronavirus nel mondo, scrive lo scienziato Michael Riordan nel Bulletin of the Atomic Scientists: “Attraverso le sue azioni e inazioni, questo presidente insensibile ed egocentrico e la sua amministrazione sono responsabili – secondo le misure statistiche standard – di ben oltre la metà di tutte le morti da coronavirus degli Stati Uniti”. Grazie alla negligenza maligna di Trump, i servizi di emergenza e i reparti di terapia intensiva degli ospedali sono diventati zone di guerra molto prima che Capitol Hill si trasformasse in una. Nel frattempo, l’ardente, anche se astuto, incoraggiamento di Trump ai fanatici delle armi, ai neoconfederati, ai neonazisti, ai simpatizzanti di QAnon e ai loro sostenitori politici ha spesso – forse intenzionalmente – tenuto le sue devastanti azioni ambientali fuori dai riflettori. Vantandosi di portare gli Stati Uniti fuori dagli accordi di Parigi sul clima e respingendo tutte le prove scientifiche del cambiamento climatico, Trump ha cantato le lodi del “bel carbone” e della rapida espansione dello sfruttamento dei combustibili fossili nei parchi nazionali e nei siti sacri dei nativi americani. La portata delle misure di deregolamentazione ambientale di Trump, in gran parte dietro le quinte, è stata sbalorditiva.

Guardiamo solo una di esse. “L’amministrazione Trump ha scioccamente raggiunto un nuovo minimo nel suo trattamento della fauna selvatica. Permettere l’uccisione di cuccioli d’orso e di lupi (e di madri orso in letargo e in allattamento) nelle loro tane è barbaro e disumano”, ha detto Jamie Rappaport Clark, presidente di Defenders of Wildlife, lo scorso maggio dopo che i funzionari di Trump hanno annullato un divieto dell’amministrazione Obama su una serie di crudeli pratiche di caccia e pesca in alcune zone dell’Alaska. Che tipo di leader intraprende un’azione come questa, piuttosto che concentrarsi sulla conduzione della difesa della sua nazione al culmine di quella che equivale a una guerra mondiale? Un fallito solitario e vizioso, malato di odio e invidia del suo predecessore, che casualmente era nero. Un codardo, patologicamente insicuro, spaventosamente vendicativo, tiranno-ammiratore di 12 anni nel corpo gonfio di un predatore sessuale che ha superato la collina – uno che non può più contare sulla fortuna sprecata del defunto padre Fred Christ Trump per tirarlo fuori dai suoi casini”. Un fallito seriale che ha imparato a fare bene solo una cosa: scatenare. Innescare i suoi avversari, la cui rabbia, a sua volta, delizia e mette il turbo alla sua stessa base – che, come la sua fortuna, sta rapidamente scivolando tra le sue dita guantate.

Al suo posto, qualsiasi persona normale avrebbe fatto il proprio dovere e salvato quante più vite umanamente possibile. Trump non poteva essere disturbato. Ora lo conosciamo fin troppo bene. Non è Adolf Hitler, ma sappiamo anche questo: Se Donald Trump fosse stato eletto presidente degli Stati Uniti nel 1940, avrebbe lasciato che Hitler vincesse la guerra”.

Un ritratto graffiante, durissimo, quello tratteggiato da Burston. Con quella chiosa finale che riporta ad un momento tragico della storia del XXmo secolo: 1940. Se Trump fosse stato eletto presidente degli Stati Uniti avrebbe lasciato che Hitler vincesse la guerra…Magari considerandolo un alleato nella lotta al bolscevismo. Certo, c’erano i lager, i sei milioni di ebrei finiti nelle camere a gas. Ma questo, basta avere lo stomaco di andare su uno dei 1300 siti della galassia neonazi e antisemita americana, per rendersi conto che per le camicie brune di Trump quello sterminio non era un marchio d’infamia ma un modello da seguire, per arrivare all’agognata “soluzione finale”.

 

 

https://www.globalist.it/world/2021/01/23/burston-vi-racconto-donald-trump-un-codardo-malato-d-odio-2072761.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.