Camminare o morire: l’Algeria abbandona 13.000 rifugiati nel Sahara

0
358

 

Camminare o morire: l’Algeria abbandona 13.000 rifugiati nel Sahara

Il rapporto della Associated Press riporta testimonianze di migranti e rifugiati provenienti dall’Africa lasciati morire nel deserto del Sahara.

25 giugno 2018

L’Algeria ha abbandonato oltre 13.000 persone nel deserto del Sahara negli ultimi 14 mesi, tra cui donne incinte e bambini, espellendoli senza cibo o acqua e costringendoli a camminare, a volte sotto la minaccia delle armi, sotto un sole rovente. Alcuni non riescono mai a uscirne fuori vivi.

I migranti e i rifugiati espulsi si possono vedere all’orizzonte mentre arrivano a centinaia, apparendo dapprima come granelli in lontananza, con temperature fino a 48 gradi Celsius.

In Niger, dove la maggior parte giunge, i più fortunati zoppicano attraverso una desolata terra di nessuno di 15 km, fino al villaggio di confine di Assamaka.

Altri vagano per giorni prima che una squadra di soccorso delle Nazioni Unite riesca a trovarli.

Un numero incalcolabile muore; quasi tutti delle oltre due dozzine di sopravvissuti intervistati dall’agenzia The Associated Press hanno parlato di persone nei loro gruppi, che semplicemente sono svanite nel Sahara.

“Donne giacevano morte, uomini … Altre persone sono scomparse nel deserto perché non conoscevano la strada”, ha detto Janet Kamara, che all’epoca era incinta.

Ognuno era soltanto per se stesso.

Con una voce quasi priva di sentimento, ha ricordato almeno due notti all’aperto prima che il suo gruppo fosse salvato, ma ha detto di aver perso la cognizione del tempo.

Ho perso mio figlio, il mio bambino“, ha detto Kamara, che è liberiana.

Un’altra donna poco più che ventenne è entrata in travaglio e ha perso il bambino, ha detto.

Le espulsioni di massa in Algeria sono aumentate da ottobre 2017, quando l’Unione europea ha rinnovato la pressione sui paesi nordafricani per far fronte ai migranti e ai rifugiati che vanno a nord verso l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo o le barriere con la Spagna.

Un portavoce dell’UE ha detto che l’UE era a conoscenza di ciò che l’Algeria stava facendo, ma che i “paesi sovrani” possono espellere migranti e rifugiati finché sono conformi al diritto internazionale.

‘Gettati nel deserto’

A differenza del Niger, l’Algeria non prende niente dei soldi dell’Unione europea destinati a contribuire alla crisi migratoria e dei rifugiati, sebbene abbia ricevuto 111,3 milioni di dollari in aiuti dall’Europa tra il 2014 e il 2017.

L’Algeria non fornisce dati per le sue espulsioni non volontarie. Ma il numero di persone che attraversano a piedi il Niger è aumentato da quando l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) ha iniziato a contarli nel maggio 2017, quando 135 persone sono state abbandonate, fino a 2.888 nell’aprile 2018.

In tutto, secondo l’IOM, un totale di 11.276 uomini, donne e bambini sono sopravvissuti alla marcia.

Almeno altri 2.500 sono stati costretti ad un viaggio simile nel vicino Mali, con un numero sconosciuto che è deceduto lungo la strada.

I migranti e rifugiati con cui AP ha parlato, che hanno descritto di essere stati arrestati centinaia alla volta, sono stati stipati in camion per ore fino a quello che è noto come Punto Zero, poi lasciati nel deserto e diretti verso il Niger. Camminano, a volte con armi puntate.

C’erano persone che non ce la facevano. Si sono seduti e li abbiamo lasciati. Stavano soffrendo troppo“, ha detto Aliou Kande, 18enne del Senegal.

Kande ha detto che circa una dozzina di persone si sono arrese, crollando nella sabbia. Il suo gruppo di 1.000 ha vagato dalle 8:00 alle 19:00, ha detto. Non ha mai più visto le persone scomparse.

Ci hanno gettato nel deserto, senza i nostri telefoni, senza soldi“, ha detto.

‘Non c’è alcuna pietà’

I racconti dei migranti e dei rifugiati sono confermati dai video raccolti dall’AP per mesi, che mostrano centinaia di persone che barcollano lontano dalle file di camion e autobus, spargendosi sempre più attraverso il deserto.

Due persone hanno detto alla AP che dei gendarmi hanno sparato su di loro, e più video visti da AP hanno mostrato uomini in uniforme armati che facevano la guardia.

Il liberiano Ju Dennis ha filmato la sua deportazione con un telefono che teneva nascosto sul suo corpo. Mostra persone ammassate sul pavimento di un camion aperto, che cercano invano di riparare i loro corpi dal sole e di nascondersi dai gendarmi. Ha raccontato ogni passo della strada con una voce sommessa.

Stai affrontando la deportazione in Algeria – non c’è alcuna pietà“, ha detto. “Voglio esporli ora … Noi siamo qui, e abbiamo visto quello che hanno fatto. E abbiamo ottenuto le prove“.

Le autorità algerine hanno rifiutato di commentare. Ma in passato l’Algeria ha negato le critiche secondo cui sta commettendo violazioni dei diritti abbandonando migranti e rifugiati nel deserto, definendo le accuse come una “campagna malevola” destinata a infiammare i paesi vicini.

‘Killer veloce’

Il Sahara è un killer veloce che lascia dietro di sé poche prove. L’IOM ha stimato che per ogni persona che si sa essere morta attraversando il Mediterraneo, ben due sono perse nel deserto – potenzialmente oltre 30.000 persone dal 2014.

Il vasto flusso di persone mette a dura prova tutti i punti lungo il percorso.

Arrivano a migliaia. Questa volta, le espulsioni che sto vedendo, non ho mai visto nulla di simile“, ha detto Alhoussan Adouwal, un funzionario dell’IOM che si è trasferito ad Assamaka per inviare l’allarme quando arriva un nuovo gruppo.

Quindi cerca di organizzare il salvataggio per quelli ancora nel deserto. “È una catastrofe“.

La maggior parte sceglie di partire con un autobus della IOM per la città di Arlit, circa sei ore a sud attraverso una sabbia soffice. E poi ad Agadez, la città del Niger che è stata un crocevia per il commercio e le migrazioni africane per generazioni.

Alla fine, torneranno nei loro paesi d’origine sui voli sponsorizzati dall’IOM.

Anche se questi migranti e rifugiati si spostano verso sud, incrociano quelli che stanno facendo il viaggio verso nord, verso l’Algeria e l’Europa.

Ogni lunedì sera decine di camion pieni di gente speranzosa attraversano un checkpoint ai margini della città.

Sono completamente carichi di acqua e di persone che impugnano bastoni, con i loro occhi fermamente fissi sul futuro.

FONTE: AGENZIA DI STAMPA AP

ALJAZEERA.COM

Walk or die: Algeria abandons 13,000 refugees in the Sahara

Associated Press report details witness accounts of migrants and refugees from Africa left to die in the Sahara Desert.

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

 

 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.