Campagna sui social media dell’ Onu chiede fine alla situazione del campo di Yarmouk

lunedì 20 gennaio 2014
Immagine1

UNA GRANDE CAMPAGNA SUI SOCIAL MEDIA PER CHIEDERE CHE I CANCELLI DI YARMOUK SIANO DEFINITIVAMENTE APERTI AGLI AIUTI UMANITARI. INVITIAMO TUTTI VOI AD ADERIRE , GRAZIE. 

Campagna sui social media dell’ Onu chiede fine alla situazione del campo di Yarmouk

Inviato da Ali Abunimah il Lun, 2014/01/20

Diverse agenzie delle Nazioni Unite e gruppi per i diritti umani stanno invitando il pubblico a partecipare a una campagna di social media per attirare l’attenzione sul dramma di migliaia di civili , compresi i siriani e palestinesi , nel campo di Yarmouk a Damasco,assediato senza accesso al cibo o alle cure mediche .

” Noi rappresentiamo una vasta gamma delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni … uniti dal nostro orrore allo spietato conflitto che sta devastando la vita civile in Yarmouk , a Damasco , e in tutta la Siria “, i gruppi dicono.

La campagna social media ” Yarmouk : Quanto più a lungo?” – che gli organizzatori sperano che raggiunga 23 milioni di persone – è stata avviata dall’ UNRWA , l’agenzia Onu per i profughi
palestinesi , utilizzando il sito web Thunderclap.

Essa mira a mettere pressione su tutti i partecipanti ai previsti colloqui di pace di Ginevra sulla Siria ” per sollevare le restrizioni al campo profughi di Yarmouk e a tutte le aree di bisogno umanitario in Siria”.

Inedia

Diverse decine di persone sono segnalate che sono morte di fame negli ultimi mesi , in mezzo a una diffusa malnutrizione nel campo che è stato chiuso per l’accesso umanitario da luglio.

L’accesso ad almeno una delle entrate del campo è controllato dall’esercito siriano , mentre i gruppi armati che si oppongono al governo siriano controllano vaste aree all’interno del campo .

Yarmouk era la casa di circa 160.000 persone prima che scoppiassero i combattimenti . Mentre gran parte del campo è stato distrutto , oggi circa 18.000 persone rimangono intrappolate all’interno , molte delle quali donne e bambini .

La campagna è sostenuta da UNICEF, dall’ Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari , dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati , da Human Rights Watch , e da decine di altre società civili , gruppi arabi e palestinesi di tutto il mondo .

Come partecipare

Per prendere parte alla campagna , gli utenti dei social media sono invitati ad andare alla pagina Thunderclap ” Yarmouk : Quanto più a lungo?” della campagna.

Lì, è possibile iscriversi utilizzando il vostro account Twitter , Facebook o Tumblr .

Quando vi iscrivete , si autorizza la campagna guidata dall’UNRWA per pubblicare il messaggio della campagna per il vostro timeline Twitter , Facebook o Tumblr .

Il messaggio preimpostato – che gli utenti possono personalizzare – è : “Chiediamo l’accesso a # Yarmouk e a tutti i civili vulnerabili in # Siria. Quanto più essi saranno lasciati a soffrire ? “

Tra oggi e la fine il 21 gennaio , la campagna mira a far firmare i sostenitori. Andrà poi a postare il messaggio sugli account di tutti coloro che hanno firmato , per il massimo impatto .

Mentre scrivo , 128 sostenitori con una portata totale sui social media di oltre 7 milioni di persone avevano firmato .

I partecipanti includono gli account di social media per alcune delle agenzie delle Nazioni Unite che hanno collettivamente milioni di seguaci .

Una piccola quantità di aiuti raggiunge Yarmouk

Il 13 gennaio un convoglio di aiuti dell’UNRWA è stato autorizzato dal governo siriano , ma si è diretto verso un ingresso non sotto il controllo del governo , ed è dovuto tornare indietro in mezzo a feroci sparatorie .

Ma sabato , circa 200 scatole di cibo sono state consegnate nel campo dai membri del Comando Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina ( PFLP – GC ) , un gruppo scissionista palestinese fedele al governo siriano .

L’aiuto , donato da UNRWA , è una minima parte di ciò che è necessario. Un portavoce del PFLP -GC ha detto che l’aiuto è stato
” portato a spalle per evitare il fuoco dei cecchini . “

Il portavoce ha detto che i comitati del campo, organi di governo locali , ” avrebbero consegnato le scatole di cibo alle famiglie per nome in modo che gli uomini armati dell’opposizione non li prendano . “

Tuttavia, almeno un osservatore ha espresso scetticismo sul ruolo del PFLP – GC , suggerendo che indica che il governo potrebbe fornire libero accesso , se ha scelto di farlo, e che la consegna degli aiuti era destinata a spostare la colpa per la situazione via dal governo.

Ruolo di supporto

” In questo caso , l’UNRWA sta giocando solo un ruolo di supporto . Lo sforzo di oggi non è un convoglio UNRWA e l’UNRWA non è implicato o coinvolto nel trasporto dei pacchi alimentari in Yarmouk e nella sua distribuzione all’interno di Yarmouk ” , ha detto il portavoce dell’Unrwa Chris Gunness al libanese Daily Star sulla consegna di sabato .

Altri 400 pacchi alimentari sono stati autorizzati a entrare nel campo domenica ” , dopo è stato raggiunto un accordo tra i rappresentanti delle fazioni palestinesi e ribelli all’interno del campo “, ha riferito il Daily Star .

Feriti evacuati

Sempre domenica , decine di feriti e di malati gravi residenti del campo sono stati evacuati per la prima volta dopo mesi .

Mentre questi sforzi sono solo i primi passi , possono in parte essere una risposta alla crescente attenzione dei media alla situazione di Yarmouk e al crescente orrore per la situazione .

Se è così , gli organizzatori della campagna ” Yarmouk : Quanto più a lungo?” devono sperare che un blitz dei social media potrebbe contribuire ad aumentare la pressione per mantenere i cancelli del campo aperti in modo permanente .

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………………………………….

ARTICOLO ORIGINALE

http://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/un-social-media-campaign-urges-end-yarmouk-camps-plight

UN social media campaign urges end to Yarmouk camp’s plight

Submitted by Ali Abunimah on Mon, 01/20/2014 – 01:39
Palestinian children take part in a protest to show solidarity with Palestinian refugees in Syria's main refugee camp Yarmouk

Palestinian children take part in a rally in solidarity with Palestinian refugees trapped in Syria’s Yarmouk refugee camp, in Gaza City on 19 January 2014. (Ashraf Amra / APA images)

Several UN agencies and human rights groups are inviting the public to join a social media campaign to draw attention to the plight of thousands of civilians, including Syrians and Palestinians, besieged with no access to food or medical care in Yarmouk camp in Damascus.

“We represent a broad range of UN and other organizations … united by our horror at the pitiless conflict that is devastating civilian life in Yarmouk, Damascus, and throughout Syria,” the groups say.

The social media campaign “Yarmouk: How much longer?” – which organizers hope will reach 23 million people – has been initiated by UNRWA, the UN agency for Palestine refugees, using the website Thunderclap.

It aims to put pressure on all participants in the scheduled Geneva peace talks on Syria “to lift the restrictions on Yarmouk refugee camp and all areas of humanitarian need in Syria.”

Starvation

Several dozen people are reported to have starved to death in recent months, amidwidespread malnutrition in the camp which has been closed to humanitarian access since July.

Access to at least one of the camp’s entrances is controlled by the Syrian army, while armed groups opposing the Syrian government control large areas inside the camp.

Yarmouk was home to some 160,000 people before the fighting. While much of the camp has been destroyed, today about 18,000 people remain trapped inside, many of them women and children.

The campaign is backed by UNICEF, the UN Office for the Coordination of Humanitarian AffairsUN High Commissioner for RefugeesHuman Rights Watch, and dozens of othercivil society, Arab and Palestinian groups around the world.

How to take part

To take part in the campaign, social media users are invited to go to the Thunderclap page for the “Yarmouk: How much longer?” campaign.

There, you can sign up using your Twitter, Facebook or Tumblr account.

When you sign up, you are authorizing the UNRWA-led campaign to post the campaign’s message to your Twitter, Facebook or Tumblr timeline.

The preset message – which users can customize – is: “We demand access to #Yarmouk & all vulnerable civilians in #Syria. How much longer will they be left to suffer?”

Between now and late on 21 January, the campaign aims to sign up supporters. It will then post the message to the accounts of everyone who signed up, for maximum impact.

As of this writing, 128 supporters with a total social media reach of more than 7 million people had signed up [Note: supporters exceeded 400 by Monday morning].

Participants include the social media accounts for some of the UN agencies that collectively have millions of followers.

Small amount of aid reaches Yarmouk

On 13 January an UNRWA aid convoy authorized by the Syrian government, but sent toward an entrance not under government control, had to turn back amid fierce gunfire.

But on Saturday, some 200 boxes of food were delivered into the camp by members of the Popular Front for the Liberation of Palestine–General Command (PFLP-GC), a Palestinian splinter group loyal to the Syrian government.

The aid, donated by UNRWA, is a minute fraction of what is needed. A spokesperson for the PFLP-GC said the aid was “carried on the shoulder to avoid sniper fire.”

The spokesperson said that the camp committees, local governance bodies, “would hand over the food boxes to families by name so that [opposition] gunmen don’t take them.”

However, at least one observer expressed skepticism about the PFLP-GC’s role, suggesting it indicates that the government could provide unfettered access if it chose to do so and that the aid delivery was intended to shift blame for the situation away from the government.

“Support role”

“In this instance, UNRWA is playing only a support role. Today’s effort is not an UNRWA convoy and UNRWA is not involved or engaged in the transport of the food parcels into Yarmouk or its distribution inside Yarmouk,” UNRWA spokesperson Chris Gunness told Lebanon’s Daily Star of Saturday’s delivery.

Another 400 food parcels were expected to enter the camp on Sunday “after an agreement was reached between representatives of Palestinian factions and rebels inside the camp,”The Daily Star reported.

Injured evacuated

Also on Sunday, dozens of critically injured and ill camp residents were evacuated for the first time in months.

While these efforts are only first steps, they may in part be a response to increased media attention to Yarmouk’s plight and growing horror at the situation there.

If so, organizers of the “Yarmouk: How much longer?” campaign must hope that a social media blitz could help raise pressure to keep the camp’s gates open permanently.

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

1 Commento

  1. Siamo oltre 10 milioni a chiedere accesso al campo di #Yarmouk in #Siria per la popolazione più vulnerabile. Uniamo le nostre voci per farci sentire alla Conferenza di Ginevra II, dobbiamo arrivare a 23 milioni di tweet, uno per ogni abitante della Siria prima del conflitto, entro le 17.00 (ora di Damasco, le 16.00 in Italia).
    Firmiamo e diffondiamo
    https://www.thunderclap.it/projects/8170?locale=en

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam