Cancellano slogan razzisti a Susiya, israeliani in manette

0

10 Luglio 2012

 Attivisti israeliani sono andati nel villaggio palestinese di Susiya per cancellare i vandalismi compiuti dai coloni, come segno di non violenza e solidarietà, e sono stati arrestati per aver danneggiamento di proprietà.

Mentre decine di migliaia di persone stavano manifestando sabato sera a Tel Aviv contro il servizio militare obbligatorio per tutti i cittadini israeliani, quattro israeliani sedevano in prigione dopo essere stati arrestati per aver cancellato a Susiya i graffiti lasciati su un roccia dai coloni e per aver scritto “Stop alla violenza” e “Susiya libera”.

L’accusa: danneggiamento di proprietà. I quattro sono stati portati domenica mattina di fronte ad un giudice di Gerusalemme che ha ratificato l’accusa proibendo loro di entrare nel distretto di Hebron per i prossimi 30 giorni. I quattro attivisti presenteranno appello contro la sentenza.

La scorsa settimana, il 2 luglio, pochi giorni dopo una grande manifestazione di solidarietà con Susiya, sotto minaccia di distruzione da parte di Israele,  sono stati trovati su una roccia dei graffiti: “Price tag” e “Vendetta contro gli arabi”. Un altro slogan recitava “Saluti dalla capra”, in riferimento ad una capra che i coloni avevano rubato ad un residente palestinese qualche giorno prima.

Sabato gli attivisti di Ta’ayush sono andati a Susiya per dimostrare solidarietà ai residenti e protestare contro gli odiosi graffiti. Nessuna azione legale è stata mossa contro i vandali.

In un video (http://www.youtube.com/watch?v=Ngkvex4ejAc&feature=player_embedded) girato dal regista e attivista Nissim Mossek, si vede un membro di Ta’ayush coprire i graffiti con uno spray di vernice nera e poi essere portato via dalla polizia militare. Lo si vede chiaramente mostrare la sua carta d’identità e dire all’ufficiale di polizia: “Voglio davvero essere arrestato per aver cancellato questo graffito”. Poi si volta verso un altro ufficiale che lo sta filmando e dice: “Hai documentato tutto, giusto, prima che lo cancellassi?”. Infine si rivolge di nuovo all’ufficiale che lo sta arrestando: “Ero sicuro che aveste ripreso tutto e sono davvero felice che mi deteniate per questo”.

Più tardi, altri tre attivisti sono stati arrestati per aver scritto con lo spray “Stop alla violenza” e “Susiya libera” in un’altra roccia. Uno di loro ha detto ai poliziotti: “Lo faccio per dimostrare che i coloni vengono qui di notte per scrivere ‘Morte agli arabi’ e voi non fate nulla. Sono qui per provare da che parte sto. Io sono la prova”.

Mairav Zonszein

Fonte: +972 Mag

Traduzione a cura di AIC Italia

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/aic/cancellano-slogan-razzisti-susiya-israeliani-manette

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.