Casa amara casa

0

Amira Hass

È una giornalista israeliana. Vive a Ramallah, in Cisgiordania, scrive per il quotidiano Ha’aretz e ha una rubrica su Internazionale.

15 marzo 2012   17.14

Nel primo pomeriggio il piccolo forno di Umm Elias, nel centro di El Bireh, è affollato soprattutto da ragazzi che tornano da scuola e da studenti universitari. Umm Elias, 65 anni, li conosce tutti, uno per uno. I ragazzi scherzano mentre lei riscalda i pasticcini e si informa sulle loro famiglie e sugli esami.

Quando lunedì il piccolo forno si è svuotato, Umm Elias ha sospirato. Ero passata da lei per avere notizie di suo figlio. È nato a Gerusalemme, si è trasferito negli Stati Uniti per studiare, si è sposato e ha ottenuto il permesso di soggiorno. Dopo aver divorziato è tornato in Palestina, e ha scoperto a un checkpoint che la sua cittadinanza era stata revocata. È stato arrestato in quanto “residente illegale”. Israele ha infatti stabilito che i palestinesi di Gerusalemme perdono la residenza se vivono all’estero per troppo tempo.

Grazie all’intervento di un avvocato (e forse anche a un mio articolo), due anni fa l’uomo è uscito dal carcere, ma non ha ancora ottenuto i documenti e la residenza. Sostanzialmente è agli arresti domiciliari in un quartiere di Gerusalemme. Se lo fermassero a un checkpoint potrebbe finire di nuovo in galera. È un interprete, e per lavorare ha bisogno di muoversi. Dunque è disoccupato. Non ha soldi per pagare l’affitto e non può permettersi internet. “È molto depresso e non vuole vedere nessuno”, mi spiega con le lacrime agli occhi Umm Elias. Lei lavora più di dieci ore al giorno, e la notte non riesce a dormire. Casa amara casa.

Traduzione di Andrea Sparacino.

Internazionale, numero 940, 16 marzo 2012

http://www.internazionale.it/opinioni/amira-hass/2012/03/15/casa-amara-casa/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.