Archivio della Categoria: ‘ A voce alta ’ rss

  • IL 26 NOVEMBRE GIORNATA ONU PER LA PALESTINA (0)

    2/11/16 • A voce alta Numero 223

    Una volta all’anno scegliamo di convocarci per appoggiare chi, singolo, gruppo o istituzione (come… l’UNESCO!) non accetta di venir soffocato dalla propaganda antipalestinese. Facciamo il possibile per raggiungere ogni anno una città diversa per far sventolare non solo una bandiera ma anche una precisa richiesta che sale dalla “società civile”: “It’s enough!”. Cinquant’anni di occupazione […]

  • Resistenza profetica (0)

    7/9/16 • A voce alta Numero 222

    di Norberto Julini Geries, teologo palestinese direttore de “Il Dialogo” (Al-Liqa) di Betlemme, ci ha lasciato improvvisamente lo scorso mese di febbraio, a Roma, mentre correva verso il Vaticano dove avrebbe dovuto attenderlo papa Francesco, o forse non più. A quel possibile incontro Geries non arrivò. Portava con sè un dono di cui andava fiero, […]

  • La Giornata ONU: sabato 26 novembre a Udine (0)

    10/7/16 • A voce alta Numero 221

    Efficace e spesso citata, l’affermazione di Marwan Bargouthi per cui : “L’ultimo giorno di occupazione sarà il primo giorno di pace” sarà al centro dell’evento annuale più importante per chi non ha smesso di credere al riscatto della Palestina occupata e colonizzata: la GIORNATA ONU PER I DIRITTI DEL POPOLO PALESTINESE. Segnatevi subito in agenda […]

  • Sognare Gerusalemme. E non potersi svegliare… Di Patrizia Cecconi (1)

    2/5/16 • A voce alta Numero 220

    “il nostro percorso è segnato nei minimi particolari e non si può fare il più piccolo errore”. “Hanno disegnato un percorso per la nostra vita, non solo dentro i check-point, ma in tutta la Palestina, ci hanno disegnato una vita in cui non possiamo muoverci come persone normali. Hanno disegnato le nostre strade, dove dobbiamo […]

  • Lettera a Papa Francesco (0)

    22/2/16 • A voce alta Numero 219

    Il primo testo di GERIES KOURY che vi proponiamo è una nostra traduzione della Lettera a papa Francesco in occasione della sua Visita. Comprenderete la grandezza del palestinese e israeliano Koury, dalla schiettezza con cui ha voluto presentare al Papa la dura realtà dell’occupazione. Ma vedrete anche la parresia del cristiano Geries che con una […]

  • La brutalità contro i malati di Betlemme non ci fermerà, dr. Nidal! (0)

    31/12/15 • A voce alta Numero 218

    Ancora distruzione nella “nostra” clinica a Betlemme! Se la notizia dell’ultima incursione nella clinica del carissimo Dr. Nidal, a cui da anni non facciamo mancare le medicine sempre più necessarie, non ci stupisce certo nel contesto sempre più violento dell’occupazione, il dolore che ci prende nel vedere ancora una volta devastato un luogo di cura […]

  • Boicottaggio. Finalmente l’Europa alza la voce (0)

    16/11/15 • A voce alta Numero 217

    Vi siete chiesti come mai la reazione sia stata così scomposta e isterica se i nostri giornali continuano ad affermare che gli effetti del boicottaggio “saranno pari a zero” per la potente economia israeliana? Da Netanyahu all’ultimo politico hanno scelto i giudizi peggiori: E’ “antisemitismo”, “decisione antiebraica”, «non tengono conto dell’ondata di terrore che ci […]

  • È scoppiata la guerra per Gerusalemme di Paola Caridi (0)

    7/10/15 • A voce alta Numero 216

    “Ma J. ancora non arriva…”. “Aspettiamo ancora un poco, prima di ordinare la pizza. Magari è per strada.” “Guarda che ti squilla il telefonino. Rispondi, habibi” “Ehi, J., guarda che stiamo aspettando te. Ti muovi? Come non puoi! Mi avevi detto che saresti venuto… Come? No, non ci credo… Fammi sapere, vedi se ci riesci”. […]

  • Tutti si scandalizzano ma nessuno ferma Israele – Comunicato di Pax Christi Italia (Commenti disabilitati su Tutti si scandalizzano ma nessuno ferma Israele – Comunicato di Pax Christi Italia)

    1/9/15 • A voce alta Numero 215

    Tutti ne scrivono, ma niente si muove. Quando le immagini delle ruspe e delle radici degli ulivi secolari del villaggio di Cremisan hanno cominciato a fare il giro del mondo, tutti hanno descritto la folle condizione dei proprietari di quelle terre, da anni aggrappati ad una sentenza della Corte israeliana che, dopo aver illuso di […]

  • Moni Ovadia e il colpevole silenzio (0)

    10/7/15 • A voce alta Numero 214

    In un teatro gremitissimo sono risuonate alte e forti le parole di Moni Ovadia, in occasione del primo anniversario del massacro di Gaza, denominato “Margine protettivo”. A Venezia, Pax Christi con la Campagna Ponti e non muri, ha voluto ricordare in un modo del tutto particolare l’immane tragedia: Alla denuncia di MONI OVADIA che vi […]