Centomila bambini di Gaza traumatizzati

Il direttore del Centro di salute mentale nella Striscia di Gaza, Fadil Abu Hein, ha affermato ieri, domenica 14 febbraio, che oltre 100.000 bambini della Striscia vivono traumatizzati a seguito dell’aggressione israeliana “Piombo Fuso” e che l’ampiezza del fenomeno oltrepassa la capacità del Centro di farvi fronte. Abu Hein ha descritto al canale “al-Alam” alcuni dei sintomi che affliggono i bambini di Gaza: paura a dormire da soli e di uscire senza i genitori, incontinenza a letto, sbalzi di umore, attacchi di panico, specialmente in bambini che prima dell’aggressione erano calmi. Il direttore del Centro di salute mentale ha puntato l’attenzione sull’impatto di questi problemi su tessuto sociale, che invece avrebbe bisogno di tranquillità e stabilità, e sulla difficoltà nel trattare questi problemi a causa della crudezza delle esperienze vissute da questi bambini. Inoltre, molti di essi sono denutriti a causa del disumano embargo israelo-internazionale.

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam