Chomsky condanna i pirati sionisti da Gaza

0

22 OTT 2012

 Noam Chomsky, da Gaza (dove si trovava per una conferenza proprio nei giorni in cui Estelle è stata attaccata):

Sono qui a Gaza da alcuni giorni e speravo di poter accogliere e dare il benvenuto all’ultima imbarcazione della Flotilla, Estelle.La stavamo aspettando al porto di Gaza. La barca, come tutte quelle precedenti, è stata sequestrata dalla marina israeliana. Loro le chiamano “acque territoriali israeliane”, ma quelle sono acque a sovranità gazawa o internazionale e Israele non ha alcun diritto su quelle acque. Estelle rappresentava un ulteriore sforzo per rompere l’assedio, così come in qualche modo lo rappresenta anche questa mia visita. L’assedio è un atto criminale che non ha alcuna giustificazione. Dovrebbe essere spezzato e dovrebbe trovare forte opposizione da parte del mondo circostante. E’ semplicemente lo strumento utilizzato da Israele per intimidire la popolazione di Gaza in un clima di auto-distruzione, per provare a liberarsi di loro e distruggerne la società. Non esiste alcuna giustificazione per tutto questo – nemmeno quelle militari a cui loro fanno appello e che non hanno alcuna credibilità.

Le persone a bordo di Estelle dovrebbero essere onorate e rispettate per il loro coraggio e il loro impegno e per aver preso parte a una tale missione per rompere l’assedio, un assedio criminale, e portare speranza alla popolazione di Gaza che vive imprigionata, letteralmente imprigionata nel più grande carcere del mondo. E anche per aver portato, col loro esempio, un messaggio al mondo intero: che noi, qui fuori, abbiamo la responsabilità di porre fine una volta per tutte a questi atti criminali.

VIDEO

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/story/chomsky-condanna-i-pirati-sionisti-da-gaza

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.