Ci guardi con stupore! Lo vedo……”No photo.”

0
65

giovedì 26 febbraio 2015

immagine1

Soldatessa

Ciao.
Ci guardi con stupore! Lo vedo.
Ti starai chiedendo cosa mai siano venuti a vedere qui questi.
Alzi la mano con la delicatezza di una donna, quasi intimorita dalle nostre fotocamere. Tu che imbracci un fucile d’assalto.
“No photo.”
“You can’t take photo , you can’t take photo here.”
“Perché?” Ti chiediamo
“Questa è una zona militare. Non potete farci foto” ci rispondi in inglese con voce debole, come nemmeno tu fossi convinta di quello che dici.
“No photo.”
“Please.”
Sei gentile.
Dentro sei gentile.
Forse questa follia non ti ha ancora avvelenata.
Mi domandi da dove veniamo: “where are you from?”
“Italy”. Ti rispondo.
Ti sfugge un sorriso, ti brillano gli occhi.
“Anche io sono italiana! I miei genitori sono di Roma! Rispondi ancora in inglese.”
E intanto io mi rendo conto di aver trovato ciò che cercavo quando ho deciso di tornare in questa terra: il contatto umano con te, soldatessa.
Ho voglia di parlare con te. Di cose semplici.
“Parli italiano?”
“Sei stata in Italia?
“E a Roma? Io amo Roma!”
“Quando torni in Italia?”
“Ci rivedremo un giorno?”

Ma queste domande non te le ho potute fare.
Il tuo camerata si avvicina a noi minaccioso. Non ha nemmeno vent’anni, ma si sente forte con il suo fucile e la sua divisa.
Comanda lui. Ci intima di andarcene. Di cancellare le foto.
Noi non possiamo essere qui, insiste.

Tu non sai più cosa dire, non cerchi nemmeno di dare forza alle vostre scuse.
“Please”. Dici solo please.
Il tuo sguardo parla per te.
Sei triste soldatessa di Roma.
Forse, anche tu, cercavi solo un po’ di umanità oggi.

E.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.