Ciò che i soldati israeliani non demoliscono di giorno, i coloni lo bruciano di notte

0
244

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/07/20/cio-che-i-soldati-israeliani-non-demoliscono-di-giorno-i-coloni-lo-bruciano-di-notte/

https://www.972mag.com/

20 luglio 2021             Ali Awad 

La violenza dei coloni sta rendendo impossibile vivere sulla terra, come la mia famiglia ha fatto per generazioni. Questo fa parte della strategia di Israele per spostarci.

I palestinesi nel villaggio di Tuba nelle South Hebron Hills si disperano dopo che i coloni hanno dato fuoco alle loro balle di fieno, il 1 ° giugno 2021. (cortesia di Jaber Awad)

Il 1° giugno, i coloni israeliani hanno attaccato il villaggio di Tuba nella West Bank occupata e hanno bruciato tutto il fieno che la mia famiglia aveva comprato per nutrire le nostre pecore. Il cibo che avrebbe dovuto durare un anno intero è stato bruciato in sole due ore.

La violenza dei coloni è solo parte della strategia coloniale dell’occupazione per prendere in consegna la nostra terra. I militari israeliani demoliscono le nostre case durante il giorno, e i coloni distruggono il nostro sostentamento durante la notte.

Mentre rimasi lì guardando il fuoco, mi sentivo isolato, impotente e oppresso. Mentre ero sollevato che la mia famiglia era fisicamente sicura, siamo stati emotivamente devastati. Siamo stati terrorizzati. Ci siamo precipitati a fermare il fuoco dal diffondersi a più del fieno, per assicurarci che i nostri figli e le nostre pecore fossero al sicuro, e cercare di salvare ciò che potevamo.

I vigili del fuoco palestinesi hanno impiegato due ore e mezza per arrivare, nonostante il fatto che la stazione dei pompieri più vicina sia a pochi chilometri di distanza. Il camion dei pompieri ha avuto difficoltà a muoversi sul sentiero dilapidato che conduce a Tuba, dove viviamo, poiché l’esercito israeliano non ci permette di mantenere le strade che portano alla nostra comunità nelle colline del Sud Hebron.

Al mattino, avevamo paura pel il nostro futuro. Non avevamo cibo per le pecore, e nessun denaro per comprare altro. Il fuoco ha distrutto 41 balle di fieno, del valore di circa $ 7.000.

La scorsa notte, i coloni israeliani dall’avamposto illegale di Havat Ma’on hanno messo fuoco alle balle di fieno nel villaggio palestinese di Tuba, nel sud Hebron Hills.

Questo è ciò che sembra occupazione. pic.twitter.com/qen4eljsjb.

Le pecore sono il nostro sostentamento e l’unica fonte di sopravvivenza nell’area C della West Bank, che è sotto il pieno controllo militare israeliano ed è in un’area che è stata designata dall’esercito come “Zona di tiro 918”. Come gli insediamenti vicini si espandono e si chiudono intorno alle nostre comunità, sta diventando impossibile continuare i nostri metodi tradizionali di vivere dalla terra. Sotto l’occupazione, tuttavia, Israele ci impedisce anche di sviluppare qualsiasi altra forma di economia.

I coloni ebrei israeliani hanno stabilito Havat Ma’on nei primi anni ’80, e l’insediamento si è espanso nei primi anni ’80, quando l’avamposto di Havat Ma’on è stato costruito a solo un chilometro di distanza da Tuba. Da allora, i coloni hanno preso una maggioranza della nostra terra di pascolo appartenente ai villaggi palestinesi della zona.

L’esercito e i coloni sembrano lavorare in tandem per rubare le nostre risorse. I soldati prendono la nostra terra sotto la spinta della sicurezza, solo per darlo ai coloni per stabilire avamposti agricoli. Questo non è un incidente. L’espansione dei coloni e la violenza si svolgono sotto la protezione dell’esercito e con supporto legale. Che si tratti di una zona di fuoco, o utilizzando le leggi ottomane obsolete per cogliere il controllo di enormi swaths di terra che vengono poi dichiarati terreni statali, c’è piena cooperazione tra i coloni e l’esercito.

Le truppe israeliane trattengono un uomo palestinese mentre demolivano i capannoni appartenenti ai palestinesi nelle colline del Sud Hebron, il 12 giugno 2019. (Wisam Hashlamoun / Flash90)

Dal momento che la creazione di Havat Ma’on, l’area tra tuba e l’avamposto è stato un sito regolare di molestie da parte dei coloni e dei militari. Abbiamo continuato a pascolare nella zona, nonostante tutte le molestie e la violenza e il rischio di arresto e lesioni. Eppure all’inizio dell’anno, Ma’on si è espansa di nuovo con un nuovo avamposto, che ci ha impedito di accedere ai villaggi vicini di Kharuba e Sarura, dove pascolavamo regolarmente.

Come risultato della perdita di accesso a queste aree di pascolo, l’unico modo per noi di rimanere vivo e nelle nostre case è quello di comprare mangimi per animali dalla città e trasportarlo al villaggio. Negli ultimi 10 anni abbiamo dovuto acquistare balle di fieno per integrare il nostro pascolo. Ma a causa dell’espansione di Havat Ma’on nella nostra terra, questo è il primo anno che abbiamo dovuto comprare le balle di fieno così presto nella stagione.

Mio nonno e mio padre ricordano che prendevano le loro pecore per pascolare liberamente prima che gli insediamenti fossero costruiti qui. Mi hanno parlato di come non avevano mai avuto bisogno di comprare cibo dai mercati, e come la terra forniva abbastanza per la famiglia da vivere. Ma ora che abbiamo perso una delle nostre ultime aree di pascolo, i profitti dei prodotti che facciamo dal latte delle pecore, che dovrebbero essere il nostro sostentamento, saranno spesi semplicemente per mantenere vive le pecore.

Ciò che è successo quella notte di giugno non è un incidente isolato; La violenza dei coloni è solo una parte della strategia coloniale di Israele per costringerci fuori dalla nostra terra. Se questa non è la pulizia etnica, cos’è?

 

 

Ciò che i soldati israeliani non demoliscono di giorno, i coloni lo bruciano di notte

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.