CISGIORDANIA. LIEBERMAN PRONTO A DEMOLIRE KHAN AL-AHMAR

0

 

06 set 2018

La Corte suprema israeliana ieri ha respinto il ricorso presentato dai palestinesi e ha dato il via libera alla distruzione del villaggio beduino alle porte di Gerusalemme e della Scuola di Gomme costruita dalla Ong italiana Vento di Terra

Khan al Ahmar. Un’aula della Scuola di Gomme © Michele Giorgio

 

di Michele Giorgio   il Manifesto

Gerusalemme, 6 settembre 2018, Nena News – Era raggiante di gioia ieri il ministro della difesa Avigdor Lieberman ‎dopo la sentenza, ampiamente prevista, dei giudici della Corte suprema israeliana che ha dato il via libera definitivo alla distruzione del villaggio beduino di Khan al-Ahmar e della Scuola di Gomme, ‎costruita dalla ong milanese Vento di terra, e al trasferimento forzato ‎dei suoi abitanti. Per Lieberman i massimi giudici israeliani ‎sarebbero dei «coraggiosi» perché, incuranti delle pressioni locali e ‎internazionali, hanno emesso una sentenza «esemplare» tenendo ‎conto solo di ciò che prevede la legge.

«Nessuno può fermarci dall’attuare la nostra sovranità. Nessuno è al di sopra della legge», ha proclamato con soddisfazione il ministro. Ma è la legge ‎dell’occupante quella di cui parla Lieberman, la legge imposta su un ‎territorio che il diritto internazionale considera occupato ‎militamente. La legge del più forte non quella della giustizia, altrimenti le 35 famiglie beduine di Khan al-Ahmar non verrebbero cacciate via dalle terre dove vivono da decenni, provenienti da un’altra località che erano stati costretti a lasciare dopo il 1948. Se ‎quella applicata nei territori occupati dai tre giudici della Corte ‎suprema fosse una legge giusta allora non non sarebbero mai stati ‎legalizzati gli avamposti coloniali costruiti in Cisgiordania senza ‎alcun permesso ufficiale dalla destra religiosa israeliana. Ciò che ‎‎”illegale ” per i palestinesi sotto occupazione è perfettamente legale ‎per i coloni israeliani.

 Nulla hanno potuto la mobilitazione palestinese, le proteste dell’Ue e dell’Onu e le modeste pressioni dell’Italia su Israele rimaste sempre dietro le quinte e mai rese pubbliche per non turbare i rapporti eccellenti tra Roma e Tel Aviv. Per questa comunità ‎beduina, riunita ieri per fare il punto della situazione e decidere i ‎prossimi passi assieme ai suoi tanti sostenitori, anche israeliani, la ‎prospettiva immediata è lo sgombero con la forza entro sette giorni e ‎il trasferimento a 12 km di distanza in un nuovo sito nell’area di ‎Azariya-Abu Dis, non lontano da una discarica di rifiuti. Per Khan al-Ahmar passerà una nuova strada, di collegamento tra alcune colonie, ‎che darà il via alla realizzazione dei progetti israeliani nell’area nota come E1, un corridoio che da Gerusalemme Est corre verso Gerico e passa per la colonia ebraica di Maale Adumim. Se questo corridoio ‎verrà interamente colonizzato, renderà impossibile la nascita di un ‎Stato palestinese con un territorio omogeneo.

‎ La conferenza stampa di ieri pomeriggio a Khan al-Ahmar si è ‎svolta in un clima di rabbia e tristezza però non di rassegnazione. «Ci ‎schiereremo contro questa decisione e non lasceremo la nostra terra», ‎ha avverito Ibrahim Abu Dahuk, un abitante. Dura la condanna delle Nazioni Unite che hanno parlato di grave violazione dei diritti umani. ‎‎«Queste comunità – ha detto Scott Anderson, direttore operativo ‎dell’agenzia Unrwa – sono per lo più rifugiate, originariamente ‎sfollate dalle loro terre nel Negev. Non dovrebbero essere costrette a ‎vivere una seconda evacuazione contro la loro volontà». Le famiglie di Khan al-Ahmar, della tribù dei Jahalin, provengono dal Negev, da cui furono cacciate negli anni Cinquanta, negli anni successivi alla Nakba del 1948, e costrette a spostarsi in Cisgiordania. Netto il ‎giudizio di Saleh Higazi di Amnesty International: «siamo di fronte a ‎un crimine di guerra, la Corte suprema israeliana si è resa complice ‎di un progetto criminoso. Il trasferimento con la forza di una intera ‎comunità è una violazione del diritto internazionale».

Ieri si è parlato tanto anche della Scuola di Gomme, l’istituto scolastico costruito a Khan al-Ahmar dalla ong italiana Vento di Terra su progetto di ArCò, con i finanziamenti di enti locali, ‎istituzioni religiose e dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione‏.‏‎ ‎Costruita con criteri innovativi utilizzando pneumatici, è stata per ‎anni l’asilo e la scuola per bambini e ragazzi di cinque comunità ‎beduine. Il suo destino è segnato, malgrado l’impegno ad ogni livello ‎della ong italiana per sottrarla alla demolizione. «È un giorno triste per la comunità di Khan al-Ahmar e per la nostra ong» ci diceva ieri Giulia Schirò, rappresentante in Palestina di Vento di Terra, «è un giorno in cui appaiono evidenti l’ingiustizia e la discriminazione nei confronti del popolo palestinese. Nonostante ciò a Vento di terra non ‎mancano le energie e le motivazioni per proseguire il proprio lavoro ‎e per stare accanto alla comunità di Khan al-Ahmar nel percorso ‎difficile che dovrà fare nel prossimo periodo».‎ Nena News

 

CISGIORDANIA. Lieberman pronto a demolire Khan al-Ahmar

http://nena-news.it/cisgiordania-lieberman-pronto-a-demolire-khan-al-ahmar/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.