CISGIORDANIA. LIEBERMAN PRONTO A DEMOLIRE KHAN AL-AHMAR

0

 

06 set 2018

La Corte suprema israeliana ieri ha respinto il ricorso presentato dai palestinesi e ha dato il via libera alla distruzione del villaggio beduino alle porte di Gerusalemme e della Scuola di Gomme costruita dalla Ong italiana Vento di Terra

Khan al Ahmar. Un’aula della Scuola di Gomme © Michele Giorgio

 

di Michele Giorgio   il Manifesto

Gerusalemme, 6 settembre 2018, Nena News – Era raggiante di gioia ieri il ministro della difesa Avigdor Lieberman ‎dopo la sentenza, ampiamente prevista, dei giudici della Corte suprema israeliana che ha dato il via libera definitivo alla distruzione del villaggio beduino di Khan al-Ahmar e della Scuola di Gomme, ‎costruita dalla ong milanese Vento di terra, e al trasferimento forzato ‎dei suoi abitanti. Per Lieberman i massimi giudici israeliani ‎sarebbero dei «coraggiosi» perché, incuranti delle pressioni locali e ‎internazionali, hanno emesso una sentenza «esemplare» tenendo ‎conto solo di ciò che prevede la legge.

«Nessuno può fermarci dall’attuare la nostra sovranità. Nessuno è al di sopra della legge», ha proclamato con soddisfazione il ministro. Ma è la legge ‎dell’occupante quella di cui parla Lieberman, la legge imposta su un ‎territorio che il diritto internazionale considera occupato ‎militamente. La legge del più forte non quella della giustizia, altrimenti le 35 famiglie beduine di Khan al-Ahmar non verrebbero cacciate via dalle terre dove vivono da decenni, provenienti da un’altra località che erano stati costretti a lasciare dopo il 1948. Se ‎quella applicata nei territori occupati dai tre giudici della Corte ‎suprema fosse una legge giusta allora non non sarebbero mai stati ‎legalizzati gli avamposti coloniali costruiti in Cisgiordania senza ‎alcun permesso ufficiale dalla destra religiosa israeliana. Ciò che ‎‎”illegale ” per i palestinesi sotto occupazione è perfettamente legale ‎per i coloni israeliani.

 Nulla hanno potuto la mobilitazione palestinese, le proteste dell’Ue e dell’Onu e le modeste pressioni dell’Italia su Israele rimaste sempre dietro le quinte e mai rese pubbliche per non turbare i rapporti eccellenti tra Roma e Tel Aviv. Per questa comunità ‎beduina, riunita ieri per fare il punto della situazione e decidere i ‎prossimi passi assieme ai suoi tanti sostenitori, anche israeliani, la ‎prospettiva immediata è lo sgombero con la forza entro sette giorni e ‎il trasferimento a 12 km di distanza in un nuovo sito nell’area di ‎Azariya-Abu Dis, non lontano da una discarica di rifiuti. Per Khan al-Ahmar passerà una nuova strada, di collegamento tra alcune colonie, ‎che darà il via alla realizzazione dei progetti israeliani nell’area nota come E1, un corridoio che da Gerusalemme Est corre verso Gerico e passa per la colonia ebraica di Maale Adumim. Se questo corridoio ‎verrà interamente colonizzato, renderà impossibile la nascita di un ‎Stato palestinese con un territorio omogeneo.

‎ La conferenza stampa di ieri pomeriggio a Khan al-Ahmar si è ‎svolta in un clima di rabbia e tristezza però non di rassegnazione. «Ci ‎schiereremo contro questa decisione e non lasceremo la nostra terra», ‎ha avverito Ibrahim Abu Dahuk, un abitante. Dura la condanna delle Nazioni Unite che hanno parlato di grave violazione dei diritti umani. ‎‎«Queste comunità – ha detto Scott Anderson, direttore operativo ‎dell’agenzia Unrwa – sono per lo più rifugiate, originariamente ‎sfollate dalle loro terre nel Negev. Non dovrebbero essere costrette a ‎vivere una seconda evacuazione contro la loro volontà». Le famiglie di Khan al-Ahmar, della tribù dei Jahalin, provengono dal Negev, da cui furono cacciate negli anni Cinquanta, negli anni successivi alla Nakba del 1948, e costrette a spostarsi in Cisgiordania. Netto il ‎giudizio di Saleh Higazi di Amnesty International: «siamo di fronte a ‎un crimine di guerra, la Corte suprema israeliana si è resa complice ‎di un progetto criminoso. Il trasferimento con la forza di una intera ‎comunità è una violazione del diritto internazionale».

Ieri si è parlato tanto anche della Scuola di Gomme, l’istituto scolastico costruito a Khan al-Ahmar dalla ong italiana Vento di Terra su progetto di ArCò, con i finanziamenti di enti locali, ‎istituzioni religiose e dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione‏.‏‎ ‎Costruita con criteri innovativi utilizzando pneumatici, è stata per ‎anni l’asilo e la scuola per bambini e ragazzi di cinque comunità ‎beduine. Il suo destino è segnato, malgrado l’impegno ad ogni livello ‎della ong italiana per sottrarla alla demolizione. «È un giorno triste per la comunità di Khan al-Ahmar e per la nostra ong» ci diceva ieri Giulia Schirò, rappresentante in Palestina di Vento di Terra, «è un giorno in cui appaiono evidenti l’ingiustizia e la discriminazione nei confronti del popolo palestinese. Nonostante ciò a Vento di terra non ‎mancano le energie e le motivazioni per proseguire il proprio lavoro ‎e per stare accanto alla comunità di Khan al-Ahmar nel percorso ‎difficile che dovrà fare nel prossimo periodo».‎ Nena News

 

CISGIORDANIA. Lieberman pronto a demolire Khan al-Ahmar

http://nena-news.it/cisgiordania-lieberman-pronto-a-demolire-khan-al-ahmar/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.